Passa ai contenuti principali

Officina Moscara - Giancarlo e Marcello Moscara

GIANCARLO E MARCELLO MOSCARA
Officina Moscara
Inaugurazione 7 luglio ore 12
Monastero Olivetani, viale San Nicola - Lecce
orari: lunedì/venerdì 10-13 (ultimo ingresso 12.30) e 16-19 (ultimo ingresso 18.30)

Letizia Molfetta per Giancarlo Moscara - Nella lunga attività artistica, Giancarlo Moscara ha capitalizzato un suo personale e autentico linguaggio di forme e di tecniche, in una continua sperimentazione, giungendo a lavori di grande impatto visivo ed emotivo, come suffragato dalla sua fortuna critica.

Personalità poliedrica, è impegnato con competenza e abilità tecnica in ogni aspetto dell’arte. Grafico, designer, illustratore, scultore e pittore di originale creatività, ha dimostrato nel suo iter di passare abilmente dal tratto classico ad una pittura astratta, aprendo alle ricerche digitali.

Negli ultimi due anni Giancarlo Moscara, si è dedicato alla serie dei Personaggi, acrilici su tela, dove forte è il richiamo alla tradizione pittorica del passato, con una pittura tra l’astratto e il figurativo.
Tutto è giocato sul rapporto tra il tempo e il linguaggio. I personaggi, raffigurati il più delle volte di profilo, come nella tradizione classica e rinascimentale, richiamano alla mente ritratti celebri del mondo dell’arte. Personaggi che vanno “oltre il luogo” e superano il “limite del tempo”. L’artista attribuisce loro nomi e pone date di fantasia, a sottolineare l’intento metastorico e atemporale del suo lavoro. In questa serie di tele, gioca con il tempo, che vede come una matassa ingarbugliata, da dove poter pescare per raccontarci del suo mondo, della sua arte, dove nulla è casuale ma tutto è sapientemente studiato e progettato.

Così sulle sue tele, i vari elementi della scena, il fondo, il primo piano, la natura, il volto del personaggio che spunta tra i due piani, esaltato dal tocco di colore forte, vivo ma con il corpo posto su un altro piano ancora, si intrecciano restituendoci angolazioni e tempi di lettura diversi, in un continuo divenire di spazi scenici e pennellate o spatolate fugaci, che nella gestualità astratta, ci restituiscono senso illusorio e di continuo rinnovato. È il caso di citare Flavio Caroli che, in un testo del 1988, aveva già colto nell’arte di Moscara «il coraggio di misurarsi con una oggettualità bloccata e metafisica che ha paternità immense (da Ernst a Melotti) raggiungendo risultati di fresca e palpitante comunicatività».

Giancarlo Moscara è nato nel 1940 a Lecce, città dove avvia la formazione nell’Istituto d’Arte, seguendo i corsi di Pittura (1955-1959), e successivamente tenendo la cattedra in Progettazione e Decorazione Pittorica fino al 1983, anno in cui decide di ritirarsi per dedicarsi completamente all’attività di grafico editoriale, illustratore e artista. La sua produzione non si può certo definire unidirezionale, in quanto, si è dimostrato aperto a qualsiasi forma di sperimentazione, tecnica e linguistica. Un evolversi continuo che lo vede agli esordi interessato ad un tipo di grafica socialmente e politicamente impegnata, “ridiventare” poi pittore negli anni Ottanta e, ancora, artigiano quando nel prosieguo si dedica agli intrecci di carta. Quest’ultimi vengono concepiti sia per essere applicati su tela, sicché diventano la superficie su cui disegnare, sia per la realizzazione di Gilet, finti capi d’abbigliamento posti su grucce e realizzati con estremo rigore di valenza concettuale.

Nella serie dedicata ai Personaggi (2014-2015) – giocata sull’alternanza di piani e tempi della storia – il corto circuito scaturisce nel momento in cui Moscara, coscientemente, sceglie degli archetipi che rimandano alla pittura del passato, di contro ad un fare pittorico moderno.

Post popolari in questo blog

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Tadao Cern, Okiiko & Blood Concept nel nuovo spazio CONTEMPORARY CLUSTER #05

Apre il 25 novembre 2017, alle ore 19.00, la stagione di Contemporary Cluster nella nuova sede romana di  Palazzo Cavallerini Lazzaroni, in Via dei Barbieri al civico sette.
Contemporary Cluster #05 proporrà l'arte visiva di Tadao Cern , il design di  Okiiko e le fragranze di Blood Concept per un'esperienza percettiva corale e unica.
In occasione della mostra verrà inoltre presentato il magazine Flewid, creato da Emi Marchionni, con Angelo Cricchi in qualità di Creative Director e Cecile De Montparnasse come Art Director, distribuito in Italia e all'estero dalla Pineapple Media Limited.
Sebastien Bromberger accompagnerà tutta la serata con una accurata selezione musicale. Per l'apertura del nuovo spazio di Via dei Barbieri, Contemporary Cluster presenta per la prima volta al pubblico italiano la personale di Tadao Cern (Vilnius, 1983), giovane artista lituano con all'attivo numerose mostre personali e partecipazioni a collettive in Europa e negli Stati Uniti: tra le al…

Il Ponte Casa d'Aste presenta l'Asta di Fotografia "Da Luigi Ghirri a Tracey Emin"

Ad aprire la stagione primaverile delle aste in Palazzo Crivelli sarà il neonato dipartimento di Fotografia, con una selezione di circa 300 lotti dei più celebri nomi nazionali ed internazionali.
Tra i fotografi italiani della seconda metà del '900 Luigi Ghirri è presente con undici dei suoi scatti più iconici, alcuni di questi stampati nel 1992, anno della sua morte, in occasione della mostra "Luigi Ghirri, Versailles" a Parigi ed esposti anche nella retrospettiva dell'autore tenutasi nel 2013 al MAXXI.
Di Gabriele Basilico e Berengo Gardin andranno all'incanto alcuni lavori dedicati alle architetture e ai parchi di Milano; di Mario Giacomelli una decina di scatti e la serie Pretini (val. 3.000 - 3.500 €); di Mimmo Jodice alcune delle immagini più rappresentative nelle quali la mitologia e la statuaria classica ritrovano energia espressiva grazie al forte contrasto di luci e ombre che caratterizza i suoi lavori.
Il bianco e nero torna nel tuffatore di Nino Migliori