Passa ai contenuti principali

LECTURE PERFORMANCE II

La GAM di Torino e la Fondazione Spinola Banna per l’Arte invitano alla LECTURE PERFORMANCE II. Relatrice: Alice Benessia

Mercoledì 8 febbraio ore 18 Spazio -1
GAM – Via Magenta, 31

Il secondo incontro, con la collaborazione di Iris - Istituto di Ricerche Interdisciplinari sulla sostenibilità di Torino, riprenderà il tema dell’innovazione, toccato all’interno della prima lecture con Vincenzo Guarnieri, analizzandone il rapporto con la scienza, la tecnologia e la democrazia.

Alice Benessia: laureata in Fisica a Torino. Si trasferisce a New York dove si specializza in Fondamenti Filosofici della Fisica (Master of Arts - MA) alla Columbia University, e in Fotografia e Altri Media (Master of Fine Arts - MFA), alla School of Visual Arts. Rientra in Italia dove consegue un dottorato di ricerca in Scienza, Tecnologia e Diritto e prosegue il suo lavoro artistico-fotografico. Si occupa di epistemologia della sostenibilità attraverso la prospettiva della Scienza Post-Normale e dei cosiddetti Science and Technology Studies (STS), con particolare attenzione a questioni che emergono nella relazione tra l’arte, la scienza e la sostenibilità. Le sue opere fotografiche sono state esposte in Italia e a New York e sono presenti in collezioni pubbliche e private. In Iris si occupa dei rapporti tra scienza, etica e partecipazione pubblica e del ruolo delle immagini e degli immaginari nell’educazione alla sostenibilità. Collabora con il Joint Research Center della Commissione Europea ed è membro del Science and Democracy Network (Kennedy School of Government, Harvard University)

La Fondazione Spinola Bannaper l’Arte e la GAM - Galleria Arte Moderna e Contemporanea di Torino proseguono il progetto di collaborazione per la formazione di giovani artisti promosso grazie al contributo della Compagnia di San Paolo.
Il progetto di residenza per l’anno 2016-2017, dedicatoa 5 artisti under 35 attivi sul territorio nazionale - che vede Elena Mazzi artista tutor con il progetto intitolato Atlante Energetico - ha previsto un workshop che terminerà con una mostra presso la Fondazione Spinola Banna e che comprende una serie di conferenze e performance alla GAM.

Per gli incontri performativi, Vincenzo Guernieri e Alice Benessia, due studiosi del laboratorio di ricerca Iris sono stati invitati a presentare un tema di loro competenza, che si intreccia alle ricerche condotte da Elena Mazzi all’interno del progetto Atlante Energetico.

Le performance hanno luogo nell’area -1 di GAM, sviluppandosi intorno alle scale di vetro e marmo del museo. Il mobilio proveniente dagli uffici della GAM verrà utilizzato per l’occasione come contenitore scenografico. Le forme degli oggetti di scena utilizzati, appartenenti al mondo vegetale, artigianale, scientifico e quotidiano saranno, in un secondo momento, impressi e serigrafati su tende che saranno poste in aree di lavoro del museo, diventando elementi permanenti, al contempo visibili sia dall’interno che dall’esterno.

La GAM - Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torinoela Fondazione Spinola Banna per l’Arte hanno dato vita a una collaborazione triennale di residenza e formazione dedicata ad artisti under 35 attivi sul territorio nazionale. Elena Mazzi, l’artista tutor invitata per il 2016/2017, ha ideato il progetto Atlante Energetico. GAM e Fondazione Spinola si offrono come luoghi di scambio d’idee, ma anche di sperimentazioni e verifiche che trovano espressione in workshop, esposizioni, conferenze, incontri, performance, e in una pubblicazione finale.

Il progetto attiva la collaborazione tra due eccellenze culturali del territorio piemontese, un’istituzione pubblica e una privata.

Il progetto è realizzato con il sostegno della  





Per maggiori informazioni: 

GAM - Galleria Civica d'Arte Moderna e Contemporanea
Via Magenta 31, 10128 – Torino
gamtorino.it    
Fondazione Spinola Banna per l'Arte
Frazione Banna 10046 Poirino, Torino
fondazionespinola-bannaperlarte.it

gamspinola@fondazionetorinomusei.it

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…