Passa ai contenuti principali

Sguardi di Donne sulle Donne del Mediterraneo

Martedì 7 marzo alle ore 17 inaugura alla Mediateca Santa Teresa di Brera in via della Moscova a Milano, l'esposizione "Sguardi di Donne sulle Donne del Mediterraneo".

L'evento mette in mostra le ricerche fotografiche e lo sguardo verso le donne di Daniela Bazzani, Iole Capasso, Eleonora Carlesi, Elena Franco, Antonella Monzoni e Mara Scampoli.

Dal 2012 la complessità del Mediterraneo, dall’attualità alla relazione tra cultura e società, è la narrazione della rassegna “Mediterraneo: fotografie tra terre e mare” che coinvolge più di una città in Italia dove si svolgono le mostre dei fotografi selezionati dalla giuria. La rassegna organizzata e curata da "Lo Cunto" Associazione di Promozione Sociale, fa dialogare differenti generi della fotografia e varie generazioni, è interessata alla conoscenza e alle riflessioni intorno alle culture mediterranee.

La fotografia resta il medium, il comunicatore, che invita a vedere, ad aprirsi a nuovi punti di vista, ad altre culture, all’altro da se, senza dimenticare la storia del Mediterraneo, territorio ideale da raccontare perché molteplice e allo stesso tempo nuovo, che accomuna e che ritrova nell'interazione alcune delle sue radici.

I bandi per l'edizione 2017 sono tuttora aperti, gratuiti, e consultabili su: http://www.mediterraneofotografia.eu/web/appello-alle-fotografe-2017/ "Mediterraneo: fotografie tra terre e mare" si occupa dello sguardo delle donne in quanto le considera elemento fondante nella trasmissione della cultura. Infatti dal 2015 dedica spazio alle fotografe attraverso un bando loro dedicato.

"Sguardi di Donne sulle Donne del Mediterraneo" è dunque l'esposizione che coinvolge ogni anno fotografe differenti e mette in rilievo lo sguardo al femminile sul mondo delle donne nell'area del Mediterraneo. La mostra nasce per dare spazio ad una fotografia sempre più vicina al fattore "umano", alla persona e alla sua socialità come valore essenziale. "Lo Cunto" Aps, in collaborazione con la Mediateca Santa Teresa di Brera, mette in mostra a Milano una parte cospicua dei lavori delle fotografe che hanno avuto modo di esporre le proprie ricerche sulle donne nei contesti della rassegna "Mediterraneo: fotografie tra terre e mare" nelle scorse edizioni.

"Sguardi di Donne sulle Donne del Mediterraneo" alla Mediateca Santa Teresa di Brera è un percorso espositivo attraverso 60 immagini che esplora alcune delle condizioni che le donne vivono nelle svariate realtà dei Paesi del Mediterraneo. In questo appuntamento si pone, maggiormente, l'accento sull'Italia e i Balcani.
L'esposizione "Sguardi di Donne sulle Donne del Mediterraneo" resterà alla Mediateca Santa Teresa di Brera fino al 24 marzo.

La Mediateca Santa Teresa, ricavata dalla chiesa settecentesca dei Santi Giuseppe e Teresa attraverso un'ardita ristrutturazione architettonica, ponte tra antico e nuovo, nasce nel 2003, come centro documentale delle risorse digitali. Luogo di formazione e informazione attraverso la rete, la Mediateca Santa Teresa, una delle tre teche insieme alla Biblioteca Nazionale Braidense e alla Pinacoteca di Brera costituenti il Museo di Brera, è punto d’incontro e di dibattito, promuove iniziative culturali e accoglie proposte favorendo e sostenendo il confronto e l'approfondimento della cultura contemporanea. Finestra sul mondo, la Mediateca è uno dei luoghi dove si costruisce la nuova cittadinanza senza confini.

“Lo Cunto” Associazione di Promozione Sociale, senza scopo di lucro, cura l’organizzazione e promuove il progetto espositivo “Mediterraneo: fotografie tra terre e mare”. L’associazione persegue finalità culturali, sociali e formative nell’ambito della conoscenza, della fotografia e dell’arte e la loro divulgazione attraverso esposizioni, pubblicazioni e seminari. “Lo Cunto” favorisce la comprensione tra le culture e le generazioni attraverso l’interscambio di esperienze e risorse di differenti nazionalità, in particolare negli ambiti della fotografia e dell’arte.

Post popolari in questo blog

Il Ponte Casa d'Aste presenta l'Asta di Fotografia "Da Luigi Ghirri a Tracey Emin"

Ad aprire la stagione primaverile delle aste in Palazzo Crivelli sarà il neonato dipartimento di Fotografia, con una selezione di circa 300 lotti dei più celebri nomi nazionali ed internazionali.
Tra i fotografi italiani della seconda metà del '900 Luigi Ghirri è presente con undici dei suoi scatti più iconici, alcuni di questi stampati nel 1992, anno della sua morte, in occasione della mostra "Luigi Ghirri, Versailles" a Parigi ed esposti anche nella retrospettiva dell'autore tenutasi nel 2013 al MAXXI.
Di Gabriele Basilico e Berengo Gardin andranno all'incanto alcuni lavori dedicati alle architetture e ai parchi di Milano; di Mario Giacomelli una decina di scatti e la serie Pretini (val. 3.000 - 3.500 €); di Mimmo Jodice alcune delle immagini più rappresentative nelle quali la mitologia e la statuaria classica ritrovano energia espressiva grazie al forte contrasto di luci e ombre che caratterizza i suoi lavori.
Il bianco e nero torna nel tuffatore di Nino Migliori

Campania Mirabilis

Mercoledì 20 giugno alle 17.00, presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica Campania Mirabilis, a cura di Gabriella Ibello con foto di Monica Biancardi, Antonio Biasiucci, Stefano Cerio, Alessandro Cimmino, Raffaela Mariniello, Pino Musi, Luciano Romano e Luigi Spina
La mostra, promossa dall’associazione culturale Nuovorinascimento con il Patrocinio del MIBACT, Reggia di Caserta, Comune di Caserta e con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, sarà visitabile fino al 18 Luglio 2018.
Campania Mirabilis nasce da un’idea di Gabriella Ibello come progetto fotografico di osservazione, documentazione e ricerca sul patrimonio culturale e paesaggistico della Campania. Dopo Castel dell’Ovo, la mostra segna con la Reggia di Caserta la seconda tappa del Grand Tour della fotografia contemporanea che guarda al paesaggio e ai beni culturali. 
Il dialogo tra la Reggia vanvitelliana e la fotografi…

Maurizio Cilli protagonista di #WunderKit

Oggetti misteriosi, oggetti trovati per strada, regalati, rubati, oggetti presi dalla loro cassetta degli attrezzi, talismani e odradek autobiografici, oggetti totalmente inutili ma belli, oggetti transitori e anti-stress, oggetti che odorano di nuovo e oggetti antichi, oggetti che perseguitano, che ispirano. Due volte al mese, all’ora dell’aperitivo, BASE Milano presenta #WunderKit, un momento di incontro informale con un artigiano creativo per raccontare al pubblico gli oggetti che compongono il suo personale kit di mirabilia.


Giovedì 10 maggio, dalle ore 19.00 alle ore 20.00, l’appuntamento sarà con l’artista e architetto Maurizio Cilli che - proprio all’interno del programma di residenza artistica proposto da BASE nell’ambito della mostra 999 domande sull’abitare contemporaneo presentata a La Triennale di Milano - ha dato vita al progetto “senza casa, senza cosa?” dedicato a uno dei fenomeni più urgenti delle grandi città: il disagio estremo di chi vive senza una casa.
Un progetto c…