Passa ai contenuti principali

Sguardi di Donne sulle Donne del Mediterraneo

Martedì 7 marzo alle ore 17 inaugura alla Mediateca Santa Teresa di Brera in via della Moscova a Milano, l'esposizione "Sguardi di Donne sulle Donne del Mediterraneo".

L'evento mette in mostra le ricerche fotografiche e lo sguardo verso le donne di Daniela Bazzani, Iole Capasso, Eleonora Carlesi, Elena Franco, Antonella Monzoni e Mara Scampoli.

Dal 2012 la complessità del Mediterraneo, dall’attualità alla relazione tra cultura e società, è la narrazione della rassegna “Mediterraneo: fotografie tra terre e mare” che coinvolge più di una città in Italia dove si svolgono le mostre dei fotografi selezionati dalla giuria. La rassegna organizzata e curata da "Lo Cunto" Associazione di Promozione Sociale, fa dialogare differenti generi della fotografia e varie generazioni, è interessata alla conoscenza e alle riflessioni intorno alle culture mediterranee.

La fotografia resta il medium, il comunicatore, che invita a vedere, ad aprirsi a nuovi punti di vista, ad altre culture, all’altro da se, senza dimenticare la storia del Mediterraneo, territorio ideale da raccontare perché molteplice e allo stesso tempo nuovo, che accomuna e che ritrova nell'interazione alcune delle sue radici.

I bandi per l'edizione 2017 sono tuttora aperti, gratuiti, e consultabili su: http://www.mediterraneofotografia.eu/web/appello-alle-fotografe-2017/ "Mediterraneo: fotografie tra terre e mare" si occupa dello sguardo delle donne in quanto le considera elemento fondante nella trasmissione della cultura. Infatti dal 2015 dedica spazio alle fotografe attraverso un bando loro dedicato.

"Sguardi di Donne sulle Donne del Mediterraneo" è dunque l'esposizione che coinvolge ogni anno fotografe differenti e mette in rilievo lo sguardo al femminile sul mondo delle donne nell'area del Mediterraneo. La mostra nasce per dare spazio ad una fotografia sempre più vicina al fattore "umano", alla persona e alla sua socialità come valore essenziale. "Lo Cunto" Aps, in collaborazione con la Mediateca Santa Teresa di Brera, mette in mostra a Milano una parte cospicua dei lavori delle fotografe che hanno avuto modo di esporre le proprie ricerche sulle donne nei contesti della rassegna "Mediterraneo: fotografie tra terre e mare" nelle scorse edizioni.

"Sguardi di Donne sulle Donne del Mediterraneo" alla Mediateca Santa Teresa di Brera è un percorso espositivo attraverso 60 immagini che esplora alcune delle condizioni che le donne vivono nelle svariate realtà dei Paesi del Mediterraneo. In questo appuntamento si pone, maggiormente, l'accento sull'Italia e i Balcani.
L'esposizione "Sguardi di Donne sulle Donne del Mediterraneo" resterà alla Mediateca Santa Teresa di Brera fino al 24 marzo.

La Mediateca Santa Teresa, ricavata dalla chiesa settecentesca dei Santi Giuseppe e Teresa attraverso un'ardita ristrutturazione architettonica, ponte tra antico e nuovo, nasce nel 2003, come centro documentale delle risorse digitali. Luogo di formazione e informazione attraverso la rete, la Mediateca Santa Teresa, una delle tre teche insieme alla Biblioteca Nazionale Braidense e alla Pinacoteca di Brera costituenti il Museo di Brera, è punto d’incontro e di dibattito, promuove iniziative culturali e accoglie proposte favorendo e sostenendo il confronto e l'approfondimento della cultura contemporanea. Finestra sul mondo, la Mediateca è uno dei luoghi dove si costruisce la nuova cittadinanza senza confini.

“Lo Cunto” Associazione di Promozione Sociale, senza scopo di lucro, cura l’organizzazione e promuove il progetto espositivo “Mediterraneo: fotografie tra terre e mare”. L’associazione persegue finalità culturali, sociali e formative nell’ambito della conoscenza, della fotografia e dell’arte e la loro divulgazione attraverso esposizioni, pubblicazioni e seminari. “Lo Cunto” favorisce la comprensione tra le culture e le generazioni attraverso l’interscambio di esperienze e risorse di differenti nazionalità, in particolare negli ambiti della fotografia e dell’arte.

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Tutti i premi di Artissima 2017

Scoprire la bellezza, riconoscerla, premiarla, sostenerla, diffonderla: fedele al suo ruolo di fiera innovativa, sperimentale e anticipatrice, anche quest'anno Artissima supporta il futuro dell'arte contemporanea attraverso l'assegnazione di 7 premi. Nati in collaborazione con sponsor e istituzioni, i riconoscimenti 2017 sono rivolti ad artisti e gallerie presenti in fiera e sono assegnati da giurie internazionali composte da curatori e direttori dei principali musei d'arte contemporanea del mondo.


Campari Art Prize (new): promosso dal Gruppo Campari, il premio è assegnato a un artista under 35 che incentri la sua ricerca sul potere evocativo del racconto nelle sue molteplici declinazioni e sulla dimensione comunicativa dell’opera. Giuria: Adam Budak, Francesco Stocchi, Carina Plath
Refresh Premio Irinox (new): promosso da Irinox, il premio è assegnato a un artista della sezione Disegni che si distingua per la capacità di 'reinventare conservando', esaltando in …