Passa ai contenuti principali

Sguardi di Donne sulle Donne del Mediterraneo

Martedì 7 marzo alle ore 17 inaugura alla Mediateca Santa Teresa di Brera in via della Moscova a Milano, l'esposizione "Sguardi di Donne sulle Donne del Mediterraneo".

L'evento mette in mostra le ricerche fotografiche e lo sguardo verso le donne di Daniela Bazzani, Iole Capasso, Eleonora Carlesi, Elena Franco, Antonella Monzoni e Mara Scampoli.

Dal 2012 la complessità del Mediterraneo, dall’attualità alla relazione tra cultura e società, è la narrazione della rassegna “Mediterraneo: fotografie tra terre e mare” che coinvolge più di una città in Italia dove si svolgono le mostre dei fotografi selezionati dalla giuria. La rassegna organizzata e curata da "Lo Cunto" Associazione di Promozione Sociale, fa dialogare differenti generi della fotografia e varie generazioni, è interessata alla conoscenza e alle riflessioni intorno alle culture mediterranee.

La fotografia resta il medium, il comunicatore, che invita a vedere, ad aprirsi a nuovi punti di vista, ad altre culture, all’altro da se, senza dimenticare la storia del Mediterraneo, territorio ideale da raccontare perché molteplice e allo stesso tempo nuovo, che accomuna e che ritrova nell'interazione alcune delle sue radici.

I bandi per l'edizione 2017 sono tuttora aperti, gratuiti, e consultabili su: http://www.mediterraneofotografia.eu/web/appello-alle-fotografe-2017/ "Mediterraneo: fotografie tra terre e mare" si occupa dello sguardo delle donne in quanto le considera elemento fondante nella trasmissione della cultura. Infatti dal 2015 dedica spazio alle fotografe attraverso un bando loro dedicato.

"Sguardi di Donne sulle Donne del Mediterraneo" è dunque l'esposizione che coinvolge ogni anno fotografe differenti e mette in rilievo lo sguardo al femminile sul mondo delle donne nell'area del Mediterraneo. La mostra nasce per dare spazio ad una fotografia sempre più vicina al fattore "umano", alla persona e alla sua socialità come valore essenziale. "Lo Cunto" Aps, in collaborazione con la Mediateca Santa Teresa di Brera, mette in mostra a Milano una parte cospicua dei lavori delle fotografe che hanno avuto modo di esporre le proprie ricerche sulle donne nei contesti della rassegna "Mediterraneo: fotografie tra terre e mare" nelle scorse edizioni.

"Sguardi di Donne sulle Donne del Mediterraneo" alla Mediateca Santa Teresa di Brera è un percorso espositivo attraverso 60 immagini che esplora alcune delle condizioni che le donne vivono nelle svariate realtà dei Paesi del Mediterraneo. In questo appuntamento si pone, maggiormente, l'accento sull'Italia e i Balcani.
L'esposizione "Sguardi di Donne sulle Donne del Mediterraneo" resterà alla Mediateca Santa Teresa di Brera fino al 24 marzo.

La Mediateca Santa Teresa, ricavata dalla chiesa settecentesca dei Santi Giuseppe e Teresa attraverso un'ardita ristrutturazione architettonica, ponte tra antico e nuovo, nasce nel 2003, come centro documentale delle risorse digitali. Luogo di formazione e informazione attraverso la rete, la Mediateca Santa Teresa, una delle tre teche insieme alla Biblioteca Nazionale Braidense e alla Pinacoteca di Brera costituenti il Museo di Brera, è punto d’incontro e di dibattito, promuove iniziative culturali e accoglie proposte favorendo e sostenendo il confronto e l'approfondimento della cultura contemporanea. Finestra sul mondo, la Mediateca è uno dei luoghi dove si costruisce la nuova cittadinanza senza confini.

“Lo Cunto” Associazione di Promozione Sociale, senza scopo di lucro, cura l’organizzazione e promuove il progetto espositivo “Mediterraneo: fotografie tra terre e mare”. L’associazione persegue finalità culturali, sociali e formative nell’ambito della conoscenza, della fotografia e dell’arte e la loro divulgazione attraverso esposizioni, pubblicazioni e seminari. “Lo Cunto” favorisce la comprensione tra le culture e le generazioni attraverso l’interscambio di esperienze e risorse di differenti nazionalità, in particolare negli ambiti della fotografia e dell’arte.

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …