Passa ai contenuti principali

Ceramiche mediterranee di Ugo La Pietra realizzate da Sandro da Boit

Risale al 1998 la collezione di ceramiche che la galleria Fatto ad Arte ha curato ed editato sotto l'impulso di Ugo La Pietra. Anticipando i tempi, si è infatti sperimentato quel dialogo proficuo, costruttivo e straordinario tra artigianato e design che oggi, a distanza di venti anni sembra davvero costituire una delle questioni cruciali per il rilancio dell'artigianato di eccellenza.

Cultura del progetto e cultura materiale non sono parole che risuonano prive di significato o abusate se davvero costituiscono, come sempre auspicato da La Pietra, concetti chiave per produrre oggetti significanti che reinterpretano e rinnovano la tradizione artigianale di cui l'Italia è ricca. Ma questa relazione è fondamentale anche per elevare questi oggetti a opere di alto artigianato, degne dunque di essere esibite nel circuito del collezionismo.

Queste le premesse alla base della collezione Ceramiche Mediterranee, una serie di oggetti quotidiani, ma anche letterari, che pescano nella più antica tradizione italiana, fortemente significativi ed evocativi, che veicolano molteplicità di altre funzioni al di là di sé stessi.
Nella serie Me ne lavo le mani La Pietra gioca con ironia nel recupero della tradizione dell'uso della brocca e bacinella della cultura contadina, L'orto botanico invece è una serie di oggetti nati per coltivare il proprio giardino domestico (un tema molto caro a La Pietra') con vasi, vasetti, doppi vasi, annaffiatoi realizzati però con una raffinatissima finitura di terracotta: oggetti per uso esterno che diventano più preziosi di un vaso di Murano. O ancora la serie dei 5 vasi azzurri mutuati da arcaici contenitori della cultura mediterranea, recipienti per olive, anfore, brocche per il vino ripresi con rispetto della tradizione, aggiungendo un tocco che li rende contemporanei.

Questo salto progettuale non poteva realizzarsi senza l'aiuto di un grande artigiano, capace di interpretare i disegni e gli intenti. Sandro Da Boit con una esperienza pluridecennale di modellista e ceramista della tecnica a colaggio, prima alla Richard Ginori e poi lavorando a stretto contatto con i designers, riassume queste capacità e stabilisce con La Pietra, attraverso questi oggetti, una relazione intima e compiuta.


GALLERIA FATTO AD ARTE

Arch. Raffaella Fossati

Via Della Moscova 60- Milano | Tel. (+39) 348 3015889 - Email: info@fattoadarte.com | www.fattoadarte.com



1998-2018

Edizioni Galleria Fatto ad Arte

Ceramiche mediterranee di Ugo La Pietra realizzate da Sandro da Boit

19 gennaio – 16 febbraio 2018 Inaugurazione 18 gennaio dalle 18.30

Orari

Da martedì a venerdì 11:00 / 13:00 15:30 / 19:30
Sabato su appuntamento al numero 348 3015889



GALLERIA FATTO AD ARTE

Via della Moscova, 60 – 20121 Milano Tel.: 348 3015889

info@fattoadarte.com http://www.fattoadarte.com/wordpress/

Post popolari in questo blog

Campania Mirabilis

Mercoledì 20 giugno alle 17.00, presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica Campania Mirabilis, a cura di Gabriella Ibello con foto di Monica Biancardi, Antonio Biasiucci, Stefano Cerio, Alessandro Cimmino, Raffaela Mariniello, Pino Musi, Luciano Romano e Luigi Spina
La mostra, promossa dall’associazione culturale Nuovorinascimento con il Patrocinio del MIBACT, Reggia di Caserta, Comune di Caserta e con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, sarà visitabile fino al 18 Luglio 2018.
Campania Mirabilis nasce da un’idea di Gabriella Ibello come progetto fotografico di osservazione, documentazione e ricerca sul patrimonio culturale e paesaggistico della Campania. Dopo Castel dell’Ovo, la mostra segna con la Reggia di Caserta la seconda tappa del Grand Tour della fotografia contemporanea che guarda al paesaggio e ai beni culturali. 
Il dialogo tra la Reggia vanvitelliana e la fotografi…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …