Passa ai contenuti principali

CO-EXISTENCE nelle Sale Espositive della Biblioteca Elsa Morante di Roma

ROSSOCINABRO e MARIC (Movimento Artistico per il recupero delle Identità Culturali) presentano dal 3 al 16 febbraio 2018 nelle Sale Espositive della Biblioteca Elsa Morante di Roma la mostra CO-EXISTENCE.
  
Non è solo l'annuale ricorrenza del mese dedicato alla Multicultura a far luce sulla vitalità, la forza e la fantasia del nostro tempo. La mostra in questione sarà un vero e proprio concerto, che coinvolgerà artisti di varie nazionalità volti  a vivere e a catturare gli sguardi sul proprio  pensiero nomadista, su coesistenze e slittamenti; tutto attuato con tecniche diverse, e che nello spirito di queste trovano così il motivo di un'unità. Risulta evidente che la coesistenza di vari linguaggi artistici che si mettono in correlazione, si compenetrano e si integrano, diventa un parametro importante nella comprensione e valutazione di espressioni artistiche di realtà culturali diverse come strumento in grado di fornire una chiave di lettura unitaria. L’attenzione ai diversi linguaggi, la conoscenza e lo scambio con gli altri trovano modalità concrete e canali privilegiati di realizzazione proprio nei linguaggi artistici ed espressivi.

Verso questa direzione conciliatrice, va letta, dunque, la capacità metamorfica dell’arte, sempre più tesa a scandagliare nelle dinamiche e nelle alterne coesistenze di sistemi oppositivi il rispetto e il riconoscimento dell'alterità che fatica e richiede una più matura riflessione. Aspirare ad avviare e a promuovere, passo dopo passo, la ricerca di una ragione comune, può infatti rendere conto di nuove possibilità di confronto e di crescita culturale. 

Artisti invitati: Valentina Achim, Valentino Annunziata, Raphaël Battoia, Adriano  Bernini, Emanuele Biagioni, Henrik Brøndsted,  Celina, Seth Chwast, Leonardo Ciccarelli, Cicily, Maria Caterina Cortiana, Giuseppe De Michele, Josiane Dias, Serena Di Paola, Rosanna Di Marino, Virginia Dominguez de La Torre, Andrea Dubbini, Claudio Fezza, Mario Formica, Giuseppe Fortunato, Silva Guarino, He Ping, Gerardo Iorio, Etti Israel Lachish, Lynn Jaanz, Osamu Jinguji, Stefania Maffei, Vincenzo Messina, Beatriz Moya, Anna Morra, Mirja Birgitta Nuutinen, Gaetano Patalano, Maria Raffaele, Daniela Rebecchi, Marina Romiti,  Piero Sani, Christina Steinwendtner, Rita Tripodi, Vincenzo Vavuso, Yalim Yildirim

La mostra è curata da Cristina Madini e Vincenzo Vavuso 

Biblioteca Elsa Morante
Via Adolfo Cozza
00121 Roma

Opening sabato 3 febbraio ore 11:30

Orario di visita: 
lunedì 9-13  15-19
martedì 9-19
mercoledì 9-19
giovedì 9-19
venerdì 9-19

infoline: 06 60658125 – 06 45460483


ROSSOCINABRO - Proprio come l'intensa sfumatura di rosso da cui prende il nome, Rossocinabro rappresenta una straordinaria passione per l'arte. 
Nasce nel 2008 dall'esperienza ventennale della sua direttrice Cristina Madini.
Sono più di 150 le mostre tra collettive e personali organizzate negli ultimi 7 anni. Nel tempo  Rossocinabro  ha raccolto l'interesse nazionale ed internazionale, trovando la partecipazione e l'adesione di noti artisti  del panorama dell’arte contemporanea. Le pubblicazioni su varie testate specialistiche,  nel tempo, hanno creato uno certo sviluppo, favorendo un costruttivo dialogo con importanti galleristi  a livello nazionale e contribuendo anche ad una valorizzazione dei giovani. In particolare dal 2009 ha approfondito tematiche e la ricerca artistica sviluppando collaborazioni e organizzando esposizioni d’arte al fine di diffondere lo scambio artistico tra artisti provenienti da  Europa, Stati Uniti, Canada, Israele, Turchia, Giappone, Cina e Australia.  In questo spirito, Rossocinabro si pone tra realtà più attive a Roma nell’ambito del contemporaneo 

Rossocinabro 
Via Raffaele Cadorna 28, Roma
orario visita esposizioni da lunedì a venerdì 11-19 
Web: rossocinabro.com
Email: rossocinabro@gmail.com 
Infoline  06 60658125

Nel 2014 è stata scelta tra le 10 migliori realtà di arte contemporanea a Roma


Il MARIC (Movimento Artistico per il Recupero delle Identità Culturali) è un movimento artistico culturale nato a Salerno nel luglio del 2016.
Pensato e ideato dall’artista Vincenzo Vavuso, il movimento abbraccia diverse forme espressive. Le opere, i documenti e le iniziative che il Movimento produce e mostra hanno come filo comune la polemica contro l’Indifferenza e l’Ignoranza, che in questi tempi oscuri sembrano avvolgere Arte, Lettura, Letteratura, Cultura e o la promozione dei valori che esse possono esprimere..
L’intento del M.A.R.I.C. non è esclusivamente l’esposizione di opere d’arte o l’organizzazione di performance ed eventi artistici in sé, ma è anche quello di lasciare un segno tangibile per la collettività, come la creazione di centri artistico–culturali, laddove ce ne siano la possibilità e l’opportunità. 
Insomma, la diffusione e la promozione della Cultura in generale e dell’Arte in particolare, a tutti i livelli possibili

Web: movimentomaric.it
Email: info@movimentomaric.it
Segreteria 347 2236015

Post popolari in questo blog

Tadao Cern, Okiiko & Blood Concept nel nuovo spazio CONTEMPORARY CLUSTER #05

Apre il 25 novembre 2017, alle ore 19.00, la stagione di Contemporary Cluster nella nuova sede romana di  Palazzo Cavallerini Lazzaroni, in Via dei Barbieri al civico sette.
Contemporary Cluster #05 proporrà l'arte visiva di Tadao Cern , il design di  Okiiko e le fragranze di Blood Concept per un'esperienza percettiva corale e unica.
In occasione della mostra verrà inoltre presentato il magazine Flewid, creato da Emi Marchionni, con Angelo Cricchi in qualità di Creative Director e Cecile De Montparnasse come Art Director, distribuito in Italia e all'estero dalla Pineapple Media Limited.
Sebastien Bromberger accompagnerà tutta la serata con una accurata selezione musicale. Per l'apertura del nuovo spazio di Via dei Barbieri, Contemporary Cluster presenta per la prima volta al pubblico italiano la personale di Tadao Cern (Vilnius, 1983), giovane artista lituano con all'attivo numerose mostre personali e partecipazioni a collettive in Europa e negli Stati Uniti: tra le al…

Il Ponte Casa d'Aste presenta l'Asta di Fotografia "Da Luigi Ghirri a Tracey Emin"

Ad aprire la stagione primaverile delle aste in Palazzo Crivelli sarà il neonato dipartimento di Fotografia, con una selezione di circa 300 lotti dei più celebri nomi nazionali ed internazionali.
Tra i fotografi italiani della seconda metà del '900 Luigi Ghirri è presente con undici dei suoi scatti più iconici, alcuni di questi stampati nel 1992, anno della sua morte, in occasione della mostra "Luigi Ghirri, Versailles" a Parigi ed esposti anche nella retrospettiva dell'autore tenutasi nel 2013 al MAXXI.
Di Gabriele Basilico e Berengo Gardin andranno all'incanto alcuni lavori dedicati alle architetture e ai parchi di Milano; di Mario Giacomelli una decina di scatti e la serie Pretini (val. 3.000 - 3.500 €); di Mimmo Jodice alcune delle immagini più rappresentative nelle quali la mitologia e la statuaria classica ritrovano energia espressiva grazie al forte contrasto di luci e ombre che caratterizza i suoi lavori.
Il bianco e nero torna nel tuffatore di Nino Migliori

Campania Mirabilis

Mercoledì 20 giugno alle 17.00, presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica Campania Mirabilis, a cura di Gabriella Ibello con foto di Monica Biancardi, Antonio Biasiucci, Stefano Cerio, Alessandro Cimmino, Raffaela Mariniello, Pino Musi, Luciano Romano e Luigi Spina
La mostra, promossa dall’associazione culturale Nuovorinascimento con il Patrocinio del MIBACT, Reggia di Caserta, Comune di Caserta e con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, sarà visitabile fino al 18 Luglio 2018.
Campania Mirabilis nasce da un’idea di Gabriella Ibello come progetto fotografico di osservazione, documentazione e ricerca sul patrimonio culturale e paesaggistico della Campania. Dopo Castel dell’Ovo, la mostra segna con la Reggia di Caserta la seconda tappa del Grand Tour della fotografia contemporanea che guarda al paesaggio e ai beni culturali. 
Il dialogo tra la Reggia vanvitelliana e la fotografi…