Passa ai contenuti principali

Le Cose di Mario Francesconi in mostra alla galleria Zetaeffe

Sabato 27 gennaio 2018 ore 17 inaugura Cose opere di Mario Francesconi alla galleria Zetaeffe via maggio 47r Firenze

Dal testo in catalogo di Carlo Sisi

«...alle origini della modernità, si paragonavano i quadri appesi alle pareti ai tronchi intagliati e dipinti presenti in una capanna tribale, idoli che erano forma sensibile di un concetto astratto, magico o apotropaico, e nello stesso tempo assemblaggi di materiali eterogenei estratti dal grande deposito della natura. Un confronto che molto spiega del potenziale mitico, in termini moderni spirituale, intuibile nel lavoro di Francesconi, così sensibile all’arcaicità delle materie da lui stesso recuperate alle soglie della loro inevitabile dispersione e resuscitate a nuova vita estetica con accostamenti di forte impatto evocativo, che mi han fatto pensare a volte agli straordinari assemblaggi escogitati da Piero Tosi per i costumi di scena della Medea di Pasolini, sontuosamente primitivi e insieme consapevoli dell’ancor vitale matericità dell’informale. Anche Francesconi si dichiara appassionato demiurgo di un universo di immagini ‘preistoriche’ ma egualmente ricomposte in attualissima sostanza, radicate sì nel vigile controllo della misura formale ma disposte a sempre ulteriori significazioni pertinenti alla sfera del simbolo, dei traslati, delle intermittenze del cuore. 


Dal testo in catalogo di Franco Zabagli

«...opere fatte di ramoscelli annodati con l’antico gesto di un contadino, pezzi di vetro fissati in un castone di fil di ferro, toppe e bottoni cuciti grossolanamente, come su un vecchio vestito logoro, che non si ha cuore di buttar via. L’atto estetico dell’objettrouvé, che ha regalato un senso a tanta arte del Novecento, in Mario Francesconi ha perso finalmente ogni intellettuale residuo. Mario riconosce gli oggetti che gli servono per lo stupore implicito nella loro stessa realtà, e il gesto di artista che li elegge è diventato un gratuito atto di amore. Sono oggetti che non trasmettono un significato, non suggeriscono sofisticate analogie, non vogliono esser chiamati con concetti filosofici. Semplicemente esistono. Sono Cose. »




Galleria ZetaEffe

Via Maggio 47 Rosso

50125 Firenze

Telefono +39 055 264345

www.galleriazetaeffe.com

Post popolari in questo blog

Tadao Cern, Okiiko & Blood Concept nel nuovo spazio CONTEMPORARY CLUSTER #05

Apre il 25 novembre 2017, alle ore 19.00, la stagione di Contemporary Cluster nella nuova sede romana di  Palazzo Cavallerini Lazzaroni, in Via dei Barbieri al civico sette.
Contemporary Cluster #05 proporrà l'arte visiva di Tadao Cern , il design di  Okiiko e le fragranze di Blood Concept per un'esperienza percettiva corale e unica.
In occasione della mostra verrà inoltre presentato il magazine Flewid, creato da Emi Marchionni, con Angelo Cricchi in qualità di Creative Director e Cecile De Montparnasse come Art Director, distribuito in Italia e all'estero dalla Pineapple Media Limited.
Sebastien Bromberger accompagnerà tutta la serata con una accurata selezione musicale. Per l'apertura del nuovo spazio di Via dei Barbieri, Contemporary Cluster presenta per la prima volta al pubblico italiano la personale di Tadao Cern (Vilnius, 1983), giovane artista lituano con all'attivo numerose mostre personali e partecipazioni a collettive in Europa e negli Stati Uniti: tra le al…

Il Ponte Casa d'Aste presenta l'Asta di Fotografia "Da Luigi Ghirri a Tracey Emin"

Ad aprire la stagione primaverile delle aste in Palazzo Crivelli sarà il neonato dipartimento di Fotografia, con una selezione di circa 300 lotti dei più celebri nomi nazionali ed internazionali.
Tra i fotografi italiani della seconda metà del '900 Luigi Ghirri è presente con undici dei suoi scatti più iconici, alcuni di questi stampati nel 1992, anno della sua morte, in occasione della mostra "Luigi Ghirri, Versailles" a Parigi ed esposti anche nella retrospettiva dell'autore tenutasi nel 2013 al MAXXI.
Di Gabriele Basilico e Berengo Gardin andranno all'incanto alcuni lavori dedicati alle architetture e ai parchi di Milano; di Mario Giacomelli una decina di scatti e la serie Pretini (val. 3.000 - 3.500 €); di Mimmo Jodice alcune delle immagini più rappresentative nelle quali la mitologia e la statuaria classica ritrovano energia espressiva grazie al forte contrasto di luci e ombre che caratterizza i suoi lavori.
Il bianco e nero torna nel tuffatore di Nino Migliori

Campania Mirabilis

Mercoledì 20 giugno alle 17.00, presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica Campania Mirabilis, a cura di Gabriella Ibello con foto di Monica Biancardi, Antonio Biasiucci, Stefano Cerio, Alessandro Cimmino, Raffaela Mariniello, Pino Musi, Luciano Romano e Luigi Spina
La mostra, promossa dall’associazione culturale Nuovorinascimento con il Patrocinio del MIBACT, Reggia di Caserta, Comune di Caserta e con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, sarà visitabile fino al 18 Luglio 2018.
Campania Mirabilis nasce da un’idea di Gabriella Ibello come progetto fotografico di osservazione, documentazione e ricerca sul patrimonio culturale e paesaggistico della Campania. Dopo Castel dell’Ovo, la mostra segna con la Reggia di Caserta la seconda tappa del Grand Tour della fotografia contemporanea che guarda al paesaggio e ai beni culturali. 
Il dialogo tra la Reggia vanvitelliana e la fotografi…