Passa ai contenuti principali

RAW - LESS : Ceramica d’autore a Milan Design Week 2018

Raw-less è un progetto di art-design sulla ceramica d’autore, nato da un’idea di Marta Sansoni e Alessio Sarri, che vede il coinvolgimento di undici firme del design italiano: Giampaolo Babetto - Sergio Maria Calatroni - Nathalie Du Pasquier - Anna Gili - Johanna Grawunder - Massimo Mariani - Alessandro Mendini - Andrea Ponsi - Franco Raggi - Marta Sansoni - George Sowden. La ceramica è il denominatore comune e la realizzazione degli oggetti è stata affidata al ceramista Alessio Sarri.

In occasione della Milano Design Week 2018 Raw-less verrà presentato al pubblico presso la showroom di Patrizia Pepe, in Via Ferrante Aporti 8, nell’area della stazione centrale, cuore di uno dei distretti emergenti del fuorisalone milanese.

Raw-less è un neologismo che riflette le molte anime del progetto: raw-less come la pesantezza e la crudezza di una materia - l’argilla - che viene meno grazie alle abili mani di un artigiano straordinario; raw-less come la purezza di un sentimento ancestrale che è trasfigurato e reinterpretato dalla soggettività dei designer coinvolti. Il risultato è una “popolazione” sorprendente ed eterogenea, formata da undici sculture totemiche e nella maggior parte dei casi anche “autobiografiche”.

Ad ogni designer è stato chiesto di lavorare sulla grande dimensione - ogni manufatto ha un'altezza intorno a 60 cm e una larghezza di circa 40 cm - per creare degli oggetti che rispecchiassero in qualche modo la loro soggettività e la loro formazione culturale, ma che allo stesso tempo avessero una funzione non puramente decorativa, ma anche aggiunta, pratica in senso lato.

Si è composta così una teoria di oggetti unici e dalla personalità singolare, da un vaso per fiori a un centrotavola per la frutta fino a un altarino porta oggetti, realizzati in ceramica, porcellana e gres ceramico e con una tiratura di 7+2 edizioni per ciascun pezzo, seguendo le regole della ceramica “opera unica”.

Marta Sansoni, ideatrice e curatrice del progetto, ha coinvolto fin da subito il ceramista toscano Alessio Sarri, un vero e proprio demiurgo della ceramica che applica la capacità predittiva dell’artista alla sapienza del narratore di storie ogni volta nuove e affascinanti, collaborando da più di 30 anni con i più grandi designer italiani e internazionali, un esempio su tutti Ettore Sottsass.

Sono lieta che i nostri spazi possano vivere di espressioni estetiche alternative alla moda”, commenta Patrizia Bambi, direttore creativo di Patrizia Pepe. “Il mio stile si nutre del dialogo costante con gli altri mondi creativi ed è per questo che abbraccio con interesse e curiosità tutto ciò che rappresenta gli ideali di armonia e bellezza. Il design è una forma d’arte, una visione di cultura, ricerca e sperimentazione senza limiti, capace di immaginare forme sempre più audaci e originali, che diventano fonte di grande energia e ispirazione”.

Un altro partner importante del progetto è la Galleria Antonella Villanova di Firenze che curerà la diffusione, distribuzione e vendita delle opere attraverso esposizioni, mostre, fiere, la prima in ordine di tempo Art Basel a giugno 2018.

È così che dai progetti immaginifici di un gruppo di designer che non hanno perso la capacità di sognare, uniti al saper fare di Alesio Sarri che ha reso la ceramica protagonista di tante storie diverse, è nato Raw-less. Patrizia Pepe, che già da molto tempo promuove artisti e designer attraverso mostre ed eventi, ha deciso di aprire al design la sua showroom di Via Ferrante Aporti 8, un attico open space di 900 mq nella sede storica di Palazzo Aporti che, per la prima volta, ospiterà un evento della Milano Design Week.

Post popolari in questo blog

Il Ponte Casa d'Aste presenta l'Asta di Fotografia "Da Luigi Ghirri a Tracey Emin"

Ad aprire la stagione primaverile delle aste in Palazzo Crivelli sarà il neonato dipartimento di Fotografia, con una selezione di circa 300 lotti dei più celebri nomi nazionali ed internazionali.
Tra i fotografi italiani della seconda metà del '900 Luigi Ghirri è presente con undici dei suoi scatti più iconici, alcuni di questi stampati nel 1992, anno della sua morte, in occasione della mostra "Luigi Ghirri, Versailles" a Parigi ed esposti anche nella retrospettiva dell'autore tenutasi nel 2013 al MAXXI.
Di Gabriele Basilico e Berengo Gardin andranno all'incanto alcuni lavori dedicati alle architetture e ai parchi di Milano; di Mario Giacomelli una decina di scatti e la serie Pretini (val. 3.000 - 3.500 €); di Mimmo Jodice alcune delle immagini più rappresentative nelle quali la mitologia e la statuaria classica ritrovano energia espressiva grazie al forte contrasto di luci e ombre che caratterizza i suoi lavori.
Il bianco e nero torna nel tuffatore di Nino Migliori

Campania Mirabilis

Mercoledì 20 giugno alle 17.00, presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica Campania Mirabilis, a cura di Gabriella Ibello con foto di Monica Biancardi, Antonio Biasiucci, Stefano Cerio, Alessandro Cimmino, Raffaela Mariniello, Pino Musi, Luciano Romano e Luigi Spina
La mostra, promossa dall’associazione culturale Nuovorinascimento con il Patrocinio del MIBACT, Reggia di Caserta, Comune di Caserta e con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, sarà visitabile fino al 18 Luglio 2018.
Campania Mirabilis nasce da un’idea di Gabriella Ibello come progetto fotografico di osservazione, documentazione e ricerca sul patrimonio culturale e paesaggistico della Campania. Dopo Castel dell’Ovo, la mostra segna con la Reggia di Caserta la seconda tappa del Grand Tour della fotografia contemporanea che guarda al paesaggio e ai beni culturali. 
Il dialogo tra la Reggia vanvitelliana e la fotografi…

Maurizio Cilli protagonista di #WunderKit

Oggetti misteriosi, oggetti trovati per strada, regalati, rubati, oggetti presi dalla loro cassetta degli attrezzi, talismani e odradek autobiografici, oggetti totalmente inutili ma belli, oggetti transitori e anti-stress, oggetti che odorano di nuovo e oggetti antichi, oggetti che perseguitano, che ispirano. Due volte al mese, all’ora dell’aperitivo, BASE Milano presenta #WunderKit, un momento di incontro informale con un artigiano creativo per raccontare al pubblico gli oggetti che compongono il suo personale kit di mirabilia.


Giovedì 10 maggio, dalle ore 19.00 alle ore 20.00, l’appuntamento sarà con l’artista e architetto Maurizio Cilli che - proprio all’interno del programma di residenza artistica proposto da BASE nell’ambito della mostra 999 domande sull’abitare contemporaneo presentata a La Triennale di Milano - ha dato vita al progetto “senza casa, senza cosa?” dedicato a uno dei fenomeni più urgenti delle grandi città: il disagio estremo di chi vive senza una casa.
Un progetto c…