Passa ai contenuti principali

#lartenonsifermaallospaziocomel

#laculturanonsiferma e lo Spazio COMEL Arte Contemporanea vuole continuare ad essere luogo di condivisione di emozioni, passioni, arte e cultura, anche in questo periodo di isolamento forzato a causa dell’epidemia di Nuovo Coronavirus attualmente in atto. 

Sarà dunque spostata temporaneamente l’attività di promozione dell’arte sul web con la mostra #lartenonsifermaallospaziocomel. Un’esposizione, per ora virtuale, che permette di creare dei ponti tra artisti e appassionati attraverso contenuti positivi che possano arricchire di colori, forme ed emozioni le nostre giornate. L’intento è anche quello di esplorare la creatività, i linguaggi, le sensazioni degli artisti contemporanei e offrirne una, chiaramente parziale, panoramica agli appassionati. 

L’invito a partecipare è rivolto a tutti gli artisti, chi è interessato può inviare la fotografia di un’opera che sia della produzione più recente, rappresentativa del proprio stato d’animo al momento o semplicemente del proprio percorso artistico; e un pensiero, un augurio o una citazione legati all’opera. 

Le prime foto già pervenute sono raccolte su Instragram e sulla pagina Facebook e dello Spazio COMEL nell’album #lartenonsifermaallospaziocomel dove chiunque può osservarle, commentare e chiedere informazioni agli artisti.

La partecipazione è gratuita, per ricevere maggiori informazioni o semplicemente aderire si può inviare foto, didascalia dell’opera e una frase inerente, all’indirizzo email eventi@spaziocomel.it .

INFO:
#lartenonsifermaallospaziocomel
Evento promosso da Maria Gabriella e Adriano Mazzola 
Spazio COMEL Arte Contemporanea, Via Neghelli 68 - Latina
Contatti: www.spaziocomel.it | 0773.487546 | eventi@spaziocomel.it
Instragram: https://www.instagram.com/spaziocomel/
Facebook: https://www.facebook.com/SpazioComel/ 

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC