Passa ai contenuti principali

Kees Goudzwaard con Setting for White al Cardi Black Box di Milano

La galleria Cardi Black Box presenta Setting for White, prima personale in Italia dell' ’artista olandese di fama internazionale Kees Goudzwaard nata a Utrecht nel 1958.  Inaugurazione 26 marzo 2012

KEES GOUDZWAARD   -  "SETTING FOR WHITE"
Il lavoro di Kees Goudzwaard è facilmente riconoscibile e la volontaria ripetizione strutturale nelle sue composizioni, caratterizzate da forme piane di colori tenute insieme attraverso nastro adesivo di carta, diventa un modo di incrementare la sensibilità dello spettatore verso leggere variazioni nella superficie, nei bordi, nei contorni e anche nelle dimensioni. Al limite tra astrazione e rappresentazione, i suoi lavori possono essere letti sia come quadri astratti composti da grandi campiture di colore che come nature morte composte di carta e nastro adesivo. Le sue composizioni grandi e piccole dimostrano, come la complessità pittorica possa essere raggiunta anche attraverso un vocabolario estremamente ristretto. Infatti la profonda tridimensionalità e il realismo di questi lavori, la loro capacità di ingannare lo spettatore attraverso l’uso di diversi piani, trasformano le singole tele in dei paesaggi prospettici.
Il segno del nastro adesivo sulla tela ha una doppia funzione: da un lato infonde un senso di equilibrio e di realtà alla composizione, dall’altro creando differenti griglie e spazi si sostituisce alla linea. In questo modo lo stesso nastro adesivo diventa l’elemento che contiene, traccia, seleziona e porta il segno della mano dell’artista e della sua decisione.
Questa è una conseguenza del processo di produzione del lavoro di Kees Goudzwaard  che inizia creando un collage di ritagli quadrati e rettangolari di fogli colorati, acetati e di pellicola trasparente che poi compone fissandoli in forme più o meno regolari.
Questo processo è lento e complicato, e si sviluppa gradualmente poiché implica numerose decisioni, riflessioni e pause fino a che l’artista ottiene l’atmosfera e la composizione desiderata.
A questo punto Kees Goudzwaard decide che può ricreare il suo collage originario riproducendolo meticolosamente sulla tela in scala 1 a 1, e trasformando così l’atto creativo della pittura in un lavoro di lenta trasposizione semi-meccanica. Lavorando come un fotografo che ha posizionato il diaframma della sua macchina fotografica in modo tale da rimanere aperta per mesi, talvolta per anni, Kees Goudzwaard trasforma la copia in un nuovo originale visto che il collage, che porta le tracce della creatività dell’artista, non si confronta mai con il pubblico e viene distrutto una volta finito la sua riproduzione su tela. Questo modo di lavorare offre all’artista la possibilità di concentrarsi esclusivamente sulla pittura e sul colore, permettendo così a lui e poi al suo pubblico di concentrarsi sull’immagine dipinta senza alcuna sorta di distrazione, rendendo in qualche modo la composizione e il soggetto insignificanti.
In questo modo gli olii di Kees Goudzward sembrano volontariamente provvisori, in qualche modo aperti e non finiti, poiché l’artista ha deciso di separare il momento della creazione dal momento della pittura. Questa pratica deriva da un inconscio scetticismo acquisito, da
un’impulsiva repulsione verso l’idea di una pittura chiusa e statica. Questi interventi, tuttavia non possono essere ridotti a degli esercizi post moderni autoriflessivi, in quanto sembrano acquisire un’ indipendenza che spiega la loro forte e silenziosa presenza fisica. E’ come se l’artista al fine di trovare un modo di comunicare direttamente con il suo pubblico abbia bisogno di agire in un universo puramente pittorico composto di colore, spazio e profondità; un universo fatto di trasparenze, bordi e griglie che sebbene visivamente sia totalmente bidimensionale, offre un’esperienza visuale intima che offre allo spettatore una relazione diretta con i colori e le forme riprodotte sulla tela.
Il fatto che Kees Goudzwaard sviluppi la sua poetica, ostinatamente sfidando gli imperativi dell’innovazione e dello sviluppo, rende il minuzioso processo di produzione dei suoi lavori un mezzo per un fine che è complesso, estetico e concettuale.
L’apparente aspetto distaccato e meccanico della sua pittura permette all’artista di concentrarsi sulla rappresentazione del proprio processo pittorico, come una metafora per rappresentare il tempo. Guardando il lavoro di Kees Goudzwaard diventiamo capaci di immaginare il tempo senza gli eventi: il tempo come un monolitico concetto totalmente astratto. Questo è il motivo per cui il suo processo di produzione diventa concettualmente importante ma, allo stesso tempo, non può essere la chiave per interpretare il suo lavoro e ritorna così ad essere qualcosa
di semplicemente strumentale.
Anche se la creatività di Kees Goudzwaard si manifesta nella prima fase in cui i collage di carte e nastro adesivo vengono composti, è il processo del trasporre su tela le forme che all'artista permette di catturare il tempo come se fosse un’entità solida. Questo spiega il senso di calma dell'esperienza visiva  dei lavori, capaci di contrastare l’esperienza frammentata e schizzofrenica della nostra realtà contemporanea, virtuale e digitalizzata.

_________________________________
KEES GOUDZWAARD – SETTING FOR WHITE
Mostra a cura di Art at Work
27 marzo – 21 aprile 2012Lun-Sab: 10:00-19:00
CARDI BLACK BOX GALLERYCorso di Porta Nuova, 38 - MilanoTel. + 39 02 45478189gallery@cardiblackbox.com
www.cardiblackbox.com


General inquires: Paola@cardiblackbox.com

Sales inquiries: Edoardo@cardiblackbox.com
follow us on facebook https://www.facebook.com/pages/CARDI-BLACK-BOX/164682270503
follow us on twitter http://twitter.com/#!/cardiblackbox

Post popolari in questo blog

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Tadao Cern, Okiiko & Blood Concept nel nuovo spazio CONTEMPORARY CLUSTER #05

Apre il 25 novembre 2017, alle ore 19.00, la stagione di Contemporary Cluster nella nuova sede romana di  Palazzo Cavallerini Lazzaroni, in Via dei Barbieri al civico sette.
Contemporary Cluster #05 proporrà l'arte visiva di Tadao Cern , il design di  Okiiko e le fragranze di Blood Concept per un'esperienza percettiva corale e unica.
In occasione della mostra verrà inoltre presentato il magazine Flewid, creato da Emi Marchionni, con Angelo Cricchi in qualità di Creative Director e Cecile De Montparnasse come Art Director, distribuito in Italia e all'estero dalla Pineapple Media Limited.
Sebastien Bromberger accompagnerà tutta la serata con una accurata selezione musicale. Per l'apertura del nuovo spazio di Via dei Barbieri, Contemporary Cluster presenta per la prima volta al pubblico italiano la personale di Tadao Cern (Vilnius, 1983), giovane artista lituano con all'attivo numerose mostre personali e partecipazioni a collettive in Europa e negli Stati Uniti: tra le al…

Il Ponte Casa d'Aste presenta l'Asta di Fotografia "Da Luigi Ghirri a Tracey Emin"

Ad aprire la stagione primaverile delle aste in Palazzo Crivelli sarà il neonato dipartimento di Fotografia, con una selezione di circa 300 lotti dei più celebri nomi nazionali ed internazionali.
Tra i fotografi italiani della seconda metà del '900 Luigi Ghirri è presente con undici dei suoi scatti più iconici, alcuni di questi stampati nel 1992, anno della sua morte, in occasione della mostra "Luigi Ghirri, Versailles" a Parigi ed esposti anche nella retrospettiva dell'autore tenutasi nel 2013 al MAXXI.
Di Gabriele Basilico e Berengo Gardin andranno all'incanto alcuni lavori dedicati alle architetture e ai parchi di Milano; di Mario Giacomelli una decina di scatti e la serie Pretini (val. 3.000 - 3.500 €); di Mimmo Jodice alcune delle immagini più rappresentative nelle quali la mitologia e la statuaria classica ritrovano energia espressiva grazie al forte contrasto di luci e ombre che caratterizza i suoi lavori.
Il bianco e nero torna nel tuffatore di Nino Migliori