Passa ai contenuti principali

A Painting Cycle

Con la cura di Cecilia Canziani e Ilaria Gianni, si inaugura domani alla Nomas Foudation "A Painting Cycle”, rassegna sullo specifico linguaggio della pittura nell'arte e sui suoi significati al giorno d'oggi. Ogni due settimane, fino a maggio, gli spazi della Fondazione si trasformeranno in una "Quadreria” che darà spazio anche a dibattiti, workshop e all'apertura di una biblioteca tematica.

Cosa significa lavorare con la pittura oggi? Come si è modificata - se lo ha fatto - confrontandosi con i differenti media che nel secolo scorso gli artisti hanno adottato? E’ possibile parlare di stile, tecnica o utilizzare il termine rappresentazione? Qual è la consapevolezza con la quale si affronta il linguaggio pittorico oggi? Sono solo alcuni degli interrogati che la manifestazione vuole sollevare intorno al mezzo pittorico, il medium tradizionale dell'arte che più di ogni altro si lega all'idea della creatività e che negli ultimi tempi sembra aver avuto una rinascita anche tra gli stessi addetti ai lavori. Inaugura il ciclo, domani, l’artista inglese Jessica Warboys con una selezione di lavori della serie Sea Paintings realizzata a Stromboli,  insieme all’anteprima di Stone Throat (2011), il film girato sull’isola in autunno. Il 22 marzo sarà la volta di Julia Schmidt, il 5 aprile di Christopher Orr, il 19 di Agnieszka Brzezanska per chiudere il prossimo 3 maggio con Luca Bertolo.

Cinque differenti prospettive sul linguaggio pittorico a partire anche dal patrimonio artistico di Roma: ogni pittore sarà chiamato a identificare anche le opere presenti in città che hanno influenzato il personale percorso pittorico nella creazione di un'ideale mappa. E di "mappatura” si può parlare anche nei confronti del laboratorio che terrà Alessandro Sarra in occasione del "Ciclo di Pittura” della Nomas. "Progettare il cielo”, questo il titolo del workshop, sarà distribuito su dieci incontri, a cadenza settimanale, tra la sede di Nomas, lo studio dell'artista e alcuni musei romani. Insomma la pittura è viva..... e se è viva, allora "Viva la pittura!".

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Tadao Cern, Okiiko & Blood Concept nel nuovo spazio CONTEMPORARY CLUSTER #05

Apre il 25 novembre 2017, alle ore 19.00, la stagione di Contemporary Cluster nella nuova sede romana di  Palazzo Cavallerini Lazzaroni, in Via dei Barbieri al civico sette.
Contemporary Cluster #05 proporrà l'arte visiva di Tadao Cern , il design di  Okiiko e le fragranze di Blood Concept per un'esperienza percettiva corale e unica.
In occasione della mostra verrà inoltre presentato il magazine Flewid, creato da Emi Marchionni, con Angelo Cricchi in qualità di Creative Director e Cecile De Montparnasse come Art Director, distribuito in Italia e all'estero dalla Pineapple Media Limited.
Sebastien Bromberger accompagnerà tutta la serata con una accurata selezione musicale. Per l'apertura del nuovo spazio di Via dei Barbieri, Contemporary Cluster presenta per la prima volta al pubblico italiano la personale di Tadao Cern (Vilnius, 1983), giovane artista lituano con all'attivo numerose mostre personali e partecipazioni a collettive in Europa e negli Stati Uniti: tra le al…