Passa ai contenuti principali

Pinksie the Whale organizza un laboratorio creativo gratuito.

Pinksie the Whale organizza  domenica 22 maggio alle ore 16:30 un laboratorio gratuito con il kit creativo di Matteo Ragni e letture animate a cura di Associazione Libellula con Alessandra Pierattelli, durante i quali i bambini dai 4 ai 10 anni potranno ascoltare le storie della balena Pinksie. I libri Pinksie the Whale for Adventures Only, Pinksie and the Deep Blue Sea e il nuovo Pinksie the Whale - A third helping saranno disponibili anche presso l’Acquario.

“Pinksie the Whale porta arte e creatività nelle scuole per insegnare il valore della diversità ai bambini e per restituire loro importanti fattori di crescita: la fiducia in se stessi, il pensiero indipendente e originale e la capacità di lavorare con e per gli altri: sempre con il sorriso! – hanno dichiarato Matilde Battistini e Maria Stella Wirz, curatrici del progetto Pinksie the Whale in Italia – In scuole sempre più multietniche (80/90% di diverse nazionalità), i bambini hanno dato un contributo decisivo al progetto PINKSIE portando ciascuno la propria specificità culturale e raggiungendo insieme i risultati straordinari che vedrete in mostra. Ringraziamo gli insegnanti che hanno condiviso le idee di PINKSIE e che ogni giorno si impegnano tra mille difficoltà affinché i bambini crescano uniti nella diversità, nel rispetto reciproco, gettando di fatto le basi per l’Italia del prossimo futuro.”

Siamo contentissimi di intraprendere questa nuova avventura all’insegna della sensibilizzazione dei bambini al valore della diversità” – ha dichiarato Giovanni Battistini, presidente di Associazione Mercurio. Con Pinksie the Whale vogliamo trasmetter ai più piccoli la consapevolezza della propria individualità unitamente al desiderio della condivisione. Rivolgiamo un ringraziamento particolare allo IED, che ha condiviso valori e progettualità insieme ai suoi docenti artisti e creativi. Grazie ancora ai curatori Gentucca Bini, Alessandro Busci e Matteo Ragni, che conoscono e sostengono Pinksie fin dagli esordi, a Filippo Lotti, AD di Sotheby’s Italia, all’Assessorato all’Educazione e Istruzione, all’Assessorato alla Cultura, ai Consigli di Zona per il contributo dato all’iniziativa.

Quest’anno IED celebra il cinquantenario della sua fondazione e, continuando a porsi dalla parte dello sviluppo dell’ingegno creativo, ha accolto con entusiasmo la proposta di entrare a far parte del progetto Pinksie che si pone l’obiettivo di trasmettere ai bambini il valore della diversità attraverso l’arte e la creatività – ha dichiarato Emanuele Soldini, Direttore IED Italia. Tutti i bambini sono naturalmente creativi e IED, insieme a Pinksie, si è impegnato a sviluppare questa predisposizione, per compiere il primo passo verso la formazione di persone che sappiano interpretare la diversità e la complessità del reale come risorse per la creatività.”

“Ho i visto i diversi luoghi dove molti bambini si sono misurati con PINKSIE e io mi sento di commentare in questo modo: credo che l’accettazione della diversità sia la condizione fondamentale per stabilire l'uguaglianza tra tutti gli uomini e donne di questo mondo – afferma Francesco Cappelli – Assessore all'Istruzione ed Educazione del Comune di Milano. Altra cosa importante in questo progetto è che Pinksie utilizza forme che ci possono far scoprire attitudini creative presenti in ciascuno di noi, in modo vario. Queste fanno parte del nostro essere diversi e speciali. Grazie perché è stata un’esperienza per me molto significativa.”

“Sono davvero convinto dell’importanza di investire nelle nuove e future generazioni” Sostiene Giuseppe Notarbartolo di Sciara – Presidente Istituto Tethys - Quei pochi cambiamenti di opinione che si vedono oggi nel pubblico mostrano la direzione della tendenza, e lavorare sui bambini è il modo più naturale per cercare di favorirla e accelerarla.” Maddalena Jahoda -Responsabile comunicazione Tethys “A volte noi studiosi di cetacei ci sentiamo un po’ “Pinksie”, bizzarra balena rosa tra le azzurre. Spesso ci capita di dover “nuotare” controcorrente, di far capire che la conoscenza è il primo passo per evitare pregiudizi, che il rispetto per gli altri può cominciare anche dal rispetto per il mare; che diversità e biodiversità sono un patrimonio prezioso.”

“Con l’amica PINKSIE The WHALE vogliamo portare tra i bambini il concetto della Diversity”, - dichiara Andrea Stella – Fondatore dell’Associazione ‘Lo Spirito di Stella - “secondo cui siamo tutti parte di un’umanità anche se abbiamo sembianze ed orientamenti diversi, il senso di “avventura”, di superamento delle barriere, del potere della determinazione. La convinzione che le difficoltà si trasformano in opportunità e le opportunità si evolvono in storie uniche, eccezionali.”

"Con questa bella iniziativa prosegue l’amicizia ormai triennale con gli amici di Pinksie – commenta Filippo Lotti, AD e auctioner di Sotheby’s Italia – grazie alla generosità dei tanti artisti italiani e internazionali che hanno contribuito donando le loro opere per questo progetto dalla forte valenza educativa e sociale.”

Il progetto Pinksie the Whale gode della collaborazione del Comune di Milano, del sostegno dei Consigli di Zona 2, 3, 4, 6, ed è inserito tra i progetti promossi dall’Associazione culturale e di promozione sociale Mercurio. (www.associazione-mercurio.org).


Associazione Mercurio e il team di Pinksie the Whale ringraziano per il loro sostegno all’iniziativa: Fondazione Cariplo, l’Assessorato all’Educazione e all’Istruzione, l’Assessorato alla Cultura, l’Acquario Civico di Milano, Istituto Europeo del Design – IED, Sotheby’s, Comieco, DDL studio, Driade, Paolo Carlini Photography, TSHIRT T-SHOPS, Dianella, Binda Tessuti, LORENZO GAETANI DESIGN, Mary Bellantani - Quadrature Interiors . Un grazie particolare a Giuseppe Notarbartolo di Sciara e Andrea Stella per la loro testimonianza a favore della diversità e a Ilaria Duprè, Caterina Battistini di s27 architettura per il supporto organizzativo.

Per Informazioni: www.pinksie.org - www.associazione-mercurio.org- www.ied.it 

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…