Passa ai contenuti principali

Physis. I codici dell’invisibile

Dal 29 aprile al 29 maggio 2017 la Galleria Comunale d’Arte Contemporanea di Piazza San Francesco, ad Arezzo, ospita "Physis. I codici dell’invisibile", personale di Roberto Ghezzi a cura di Ilaria Margutti.

La mostra – patrocinata da Comune di Arezzo, Provincia di Arezzo, FAI Delegazione di Arezzo, Accademia Petrarca di Lettere, Arte e Scienze, Lions Club Mecenate Arezzo e Fraternita dei Laici – è sostenuta dai contributi di Estra, Coingas e Mastro Artista.

Sabato 29 aprile, alle ore 18,00, l’inaugurazione ufficiale alla presenza dell’artista e delle Autorità.
"Physis" sarà poi visitabile, con ingresso libero e gratuito, nei seguenti orari: dal martedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 14 alle ore 19; sabato e domenica dalle ore 10 alle ore 20.

LA MOSTRA
La Galleria Comunale d’Arte Contemporanea di Arezzo apre le sue sale a uno degli artisti più apprezzati e talentuosi del panorama toscano attuale.
Roberto Ghezzi, già noto come pittore di paesaggio, in questa occasione presenterà un inedito progetto artistico frutto di una lunga ricerca che, rimodulando il rapporto tra rappresentazione e realtà e tra autore e opera, lo ha portato al totale abbandono dei consueti strumenti pittorici in favore di un nuovo modo di concepire l'espressione artistica stessa.

“Per anni ho rappresentato soltanto ciò che vedevo attorno a me – spiega l’artista cortonese. – Prima i paesaggi toscani, poi la mia penisola e infine il nostro pianeta, nella sua parte più estrema, a nord, lontano dagli uomini. Soltanto acqua, aria e una sottile linea d’orizzonte, alla ricerca di qualcosa di invisibile che sentivo esistere dietro alle forme, in profondità. 
A un certo punto la rappresentazione della realtà non è stata più sufficiente: volevo immergere i miei supporti negli elementi, affinché fosse la natura stessa a scrivere sulle tele la sua verità. E così ho fatto. Per quanto a molti possa apparire assurdo, ho davvero installato tele nei torrenti e nei boschi... e continuo a farlo”.

L’artista – come scrive Ilaria Margutti, curatrice della mostra – inizia il suo nuovo viaggio, dall’ansia di capire, o ancora più in profondità, dall'Ansia d’Infinito”
Lo spettatore si troverà di fronte a una produzione innovativa, ma legata alla precedente ricerca, sia nei contenuti sia nei tracciati visivi proposti.

Non è nuovo – prosegue la Margutti – l’intimo legame con il suo territorio, che Ghezzi ha esplorato e indagato da sempre. Non è nuovo nemmeno il sentimento intenso che intreccia sul confine fra acqua e terra. È nuovo lo sguardo che posa su quell’orizzonte”.

L’artista, infatti, ha consegnato le sue tele agli stessi paesaggi che aveva da sempre dipinto, lasciando che gli elementi della Natura potessero sedimentarsi sulla loro superficie.

“Le immagini che vengono a crearsi sulle tele – continua la curatrice – sono il risultato del tempo trascorso; sovrapposizioni di passaggi, di strutture effimere che potrebbero continuare nella loro cancellazione e costruzione perennemente. Tutta la terra che abitiamo non è altro che un eterno stratificarsi di sedimenti e di segni che si cancellano nell’arco di poco, anche di qualche ora, immagini temporanee svolte le une sulle altre, che allo stesso tempo si accumulano a formare la materia. 
Quello a cui Roberto ci pone di fronte – conclude Ilaria Margutti – è un paesaggio svuotato da tutte le descrizioni. Siamo noi stessi a dover costruire, secondo il nostro orientamento di profondità, le coordinate della mappa”.

Dall’esperienza che nasce da questa nuova indagine, Ghezzi coinvolge anche altri linguaggi espressivi. 
Con la collaborazione di Andrea Cocchi e Daniele Baldiserri, saranno presentati tre video e un archivio fotografico che andranno a integrare il processo artistico del pittore cortonese. 
La mostra apre dunque con le premesse di un originale metodo di condivisione artistica, riunendo diverse competenze attorno alla stessa idea, al fine di coinvolgere lo spettatore in un’esperienza di completa immersione nell’opera.

EVENTI COLLATERALI
Durante l’esposizione saranno organizzati alcuni appuntamenti, sempre a ingresso libero e gratuito, connessi ai temi della mostra, tra cui la presentazione del catalogo a cura del Lions Club Mecenate di Arezzo, prevista per sabato 13 maggio, e una visita guidata a cura della delegazione aretina del FAI.

BIOGRAFIA
Roberto Ghezzi è nato a Cortona nel 1978, dove attualmente vive e lavora. Nipote del noto artista cortonese Gino Ghezzi, inizia a dipingere molto precocemente, frequentando lo studio di scultura e pittura di famiglia. Apprende le basi del disegno e della pittura dal nonno e dal padre. 
Negli anni approfondisce la tecnica del suo linguaggio artistico presso la Scuola “Processi Percettivi” all’Istituto d’Arte Piero della Francesca di Arezzo e successivamente frequentando l’Accademia delle Belle Arti Di Firenze.
A partire dagli anni Novanta tiene personali in alcune tra le più prestigiose sedi espositive italiane come il Museo Luciana Matalon - Milano, il Chiostro del Bramante - Roma, Palazzo Medici Riccardi - Firenze, Ca’ dei Carraresi - Treviso, il Museo Michelangiolesco - Caprese Michelangelo, la Fortezza Medicea - Montepulciano, Palazzo d’Aronco - Udine, Palazzo Saporiti - Milano e all’estero (Battersea Park-Londra, PuDong - Shanghai, Obernberg Am Inn - Austria), ottenendo positivo e crescente riscontro di pubblico e critica, nonché di galleristi e collezionisti.
Le prime opere hanno restituito il paesaggio naturale attraverso il suo sguardo, con una mimesi del dato fenomenico che, negli anni, è andata dissolvendosi assumendo i toni della soggettività e della rarefazione formale. L’attuale ricerca di Roberto Ghezzi, rimodulando il rapporto tra rappresentazione e realtà e tra artista e opera, ha portato al totale abbandono dei consueti strumenti pittorici in favore di un nuovo modo di concepire l’espressione artistica stessa.
"Credo che dietro alle cose, oltre il caos, esista una bellezza anteriore, più vasta e più profonda di quella che possiamo comprendere". ( Roberto Ghezzi)



Post popolari in questo blog

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Tadao Cern, Okiiko & Blood Concept nel nuovo spazio CONTEMPORARY CLUSTER #05

Apre il 25 novembre 2017, alle ore 19.00, la stagione di Contemporary Cluster nella nuova sede romana di  Palazzo Cavallerini Lazzaroni, in Via dei Barbieri al civico sette.
Contemporary Cluster #05 proporrà l'arte visiva di Tadao Cern , il design di  Okiiko e le fragranze di Blood Concept per un'esperienza percettiva corale e unica.
In occasione della mostra verrà inoltre presentato il magazine Flewid, creato da Emi Marchionni, con Angelo Cricchi in qualità di Creative Director e Cecile De Montparnasse come Art Director, distribuito in Italia e all'estero dalla Pineapple Media Limited.
Sebastien Bromberger accompagnerà tutta la serata con una accurata selezione musicale. Per l'apertura del nuovo spazio di Via dei Barbieri, Contemporary Cluster presenta per la prima volta al pubblico italiano la personale di Tadao Cern (Vilnius, 1983), giovane artista lituano con all'attivo numerose mostre personali e partecipazioni a collettive in Europa e negli Stati Uniti: tra le al…

Il Ponte Casa d'Aste presenta l'Asta di Fotografia "Da Luigi Ghirri a Tracey Emin"

Ad aprire la stagione primaverile delle aste in Palazzo Crivelli sarà il neonato dipartimento di Fotografia, con una selezione di circa 300 lotti dei più celebri nomi nazionali ed internazionali.
Tra i fotografi italiani della seconda metà del '900 Luigi Ghirri è presente con undici dei suoi scatti più iconici, alcuni di questi stampati nel 1992, anno della sua morte, in occasione della mostra "Luigi Ghirri, Versailles" a Parigi ed esposti anche nella retrospettiva dell'autore tenutasi nel 2013 al MAXXI.
Di Gabriele Basilico e Berengo Gardin andranno all'incanto alcuni lavori dedicati alle architetture e ai parchi di Milano; di Mario Giacomelli una decina di scatti e la serie Pretini (val. 3.000 - 3.500 €); di Mimmo Jodice alcune delle immagini più rappresentative nelle quali la mitologia e la statuaria classica ritrovano energia espressiva grazie al forte contrasto di luci e ombre che caratterizza i suoi lavori.
Il bianco e nero torna nel tuffatore di Nino Migliori