Passa ai contenuti principali

IL PONTE PRESENTA L'ASTA DI ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA

L'asta autunnale di Arte Moderna e Contemporanea de Il Ponte Casa d'Aste, appuntamento particolarmente atteso dal pubblico, proporrà anche in questa occasione una selezione ricca e diversificata di opere di artisti italiani e internazionali. Verranno infatti battuti all'asta i lavori dei più importanti e apprezzati artisti italiani, tra cui Lucio Fontana, Fausto Melotti, Afro, Tancredi, Adolfo Wildt, Carol Rama, Maurizio Cattelan, Vincenzo Agnetti, Mario Merz, Mimmo Rotella e Mario Schifano. Tra gli autori internazionali più importanti, si segnalano opere di Roman Opalka, François Morellet, Wifredo Lam, Shozo Shimamoto, Hervé Télémaque, Joan Miró, Christo.

Novecento Italiano- Sarà presente una sezione dedicata alla pittura del primo Novecento Italiano, con opere di Giorgio De Chirico, Massimo Campigli, Filippo De Pisis, Ottone Rosai, Ardengo Soffici, Giulio D'Anna, Giorgio Morandi, Umberto Boccioni. Tra gli highlights si evidenziano due elegantissimi disegni di Adolfo Wildt eseguiti nel 1915 e nel 1917 (stima € 12.000-15.000), "Paesaggio marino - La tenda sul mare" , un olio del 1940 di Carlo Carrà, stimato € 25.000-35.000; un raro Gino Rossi del 1913-14, di ispirazione vangoghiana ; un importante dipinto di Renato Paresce del 1924.


Informale - Una sezione di rilievo è dedicata all'arte informale, tra cui i collezionisti troveranno i più significativi esponenti del Dopoguerra italiano. Capolavoro assoluto è la grande tela "Racconti di Guascogna" eseguita da Afro nel 1951; degli anni '50 anche Pesca in Adriatico di Renato Birolli (stima € 9.000 - 12.000); entrambe furono esposte alla Catherine Viviano Gallery di New York negli anni '50.
Due opere di Tancredi testimoniano due differenti periodi dell'attività dell'artista: un'opera su carta, eseguita negli anni '50, e una grande tela del 1960. In catalogo è anche presente una raccolta di opere di Emilio Scanavino, tra cui la storica "I nostri fiori" del 1978 (stima € 10.000 - 15.000 ), e quattro opere di Ennio Morlotti, tra cui una tela del periodo di Corrente.

Un nucleo a parte è costituito dagli artisti del Gruppo Forma 1, sostenitori della "forma come mezzo e fine" per giungere a forme astratte oggettive: Carla Accardi è rappresentata da tre opere, tra cui "Capriccio spagnolo 6" , bellissima tela di cm 130x87, valutata € 20.000 - 30.000. Di Pietro Consagra "Colloquio con il vento" un ferro del 1962 (stima € 19.000 - 25.000 ). Del gruppo, non mancano lavori di Giulio Turcato, Piero Dorazio e Achille Perilli.

Arte Povera - Da un'importante collezione privata proviene una raccolta di opere di Arte Povera.
Di Pier Paolo Calzolari due "sali", parte della sua produzione più tipica, di cui uno di grande formato valutato € 50.000 - 70.000, di Giulio Paolini sei opere, tra cui alcuni collage di carte. Di Gilberto Zorio tre "stelle" valutate tra i 6.000 e i 10.000 €. Claudio Cintoli è presente con "Annodare" del 1969 (stima € 6.000 - 8.000 ). Lavoro importante è inoltre "Sassaia di fiume" di Piero Gilardi, composizione storica di cm 100x100x20. Infine, la coppia di sculture "Aria di Daria" di Mario Ceroli, valutata € 8.000 - 12.000.
Saranno presenti importanti dipinti dell'Astrattismo, un'ampia scelta di opere di Arte Concettuale e, per quanto riguarda la Ceramica e Scultura, parte consistente del catalogo è costituita da una collezione di sculture.



Highlights
Meritano infine una menzione a parte alcune opere di particolare importanza, che fanno parte dei top lot di questa sessione autunnale.
Su tutti, una rara e bellissima opera di Fausto Melotti, monumentale scultura eseguita negli anni '70, non manca in catalogo Lucio Fontana con una preziosa lamiera graffita, eseguita nei primi anni '60  per Mario Queirolo. Di rilievo è la sezione dedicata a Carol Rama, artista il cui mercato è in costante crescita, costituita da sei opere degli anni '60 provenienti da collezioni private torinesi. Preziosa è la tecnica mista con unghioni su tela e la "Dorina" del 1944. "I colori si toccano" delicatissimo trittico nelle sfumature di azzurro, uno dei "colori atmosferici" amati da Ettore Spalletti, valutato € 30.000/50.000.
Per finire, un'opera di Roman Opalka "Opalka 1965/1- ∞ Detail 1370001 - 1373095", testimonianza del fondamento del suo lavoro: la registrazione di una progressione che documenta il tempo e la sua definizione."Tutta la mia opera è un'unica cosa, è le descrizione dal numero uno all'infinito. Un'unica cosa, un'unica vita".

Contatti:

Erica Risso - erica.risso@ponteonline.com +39028631411
Ludovica Celsi - ludovica.celsi@ponteonline.com  +39028631422
Camilla Aghilar - camilla.aghilar@ponteonline.com +39028631410
Anna Barzanti - anna.barzanti@ponteonline.com +39028631411

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …