Passa ai contenuti principali

Paola Volpato - Femminicidio. Donne uccise 2015-2017

A Roma, la Sala del Cenacolo del Complesso di Vicolo Valdina/Camera dei deputati , ospita dal 24 novembre al 7 dicembre 2017 l'installazione di Paola Volpato dal titolo Femminicidio. Donne uccise 2015-2017 (2017).

Su fogli di carta cotone dipinti a china affiorano numerosi volti di donne: sono i ritratti delle donne uccise nel 2015, 2016 e 2017. Tutte insieme danno vita a un pattern gigantesco che restituisce il dramma di un fatto di cronaca perpetuo, il femminicidio.

L'esposizione, a cura di Cesare Biasini Selvaggi e Giorgia Calò sarà inaugurata giovedì 23 novembre 2017, alle ore 17.00.

Paola Volpato è nata a Venezia nel 1953. Vive e lavora a Noale (Venezia). Compie studi classici e si laurea in Scienze Politiche all'Università di Padova, diplomandosi poi all'Accademia di Belle Arti di Venezia-Scuola Libera del Nudo e alla Scuola Internazionale di Grafica. Fa della fotografia, del video, dell'azione performativa, così come del disegno e della pittura, un uso militante e politico. L'arte è da lei concepita come uno strumento per raccontare la realtà attraverso l'assunzione di uno sguardo sessuato che esplora le differenze di genere, per costruire relazioni, scambi e nuove strategie di rappresentazione del femminile nella dimensione sociale. Tra le ultime partecipazioni, si annoverano quella alla 54° Biennale Venezia-Pad. Spagna, su progetto di Cesare Pietroiusti; e ad ArtVerona 2015, "Arbor Memorial", nell'ambito degli spazi indipendenti, a cura di Cristian Seganfreddo.

Da sempre attenta ai temi di genere, l'installazione odierna site specific di Paola Volpato, nella sua articolazione, trasforma l'imponente e atavica architettura dello spazio espositivo romano della Sala del Cenacolo del Complesso di Vicolo Valdina, alterando la percezione del luogo, per condurre lo spettatore in un ambiente crepuscolare che lo inghiotte completamente. Mentre lo sguardo viene irretito da un cubo, una black box della memoria che sembra catapultata da un "oltre" molto lontano. Inaccessibile ai vivi. Una struttura totemica interamente tappezzata di ritratti, chine su carta, 288 in tutto (tanti quante sono le vittime del femminicidio strappate alla vita dal 2015 a oggi).

Volti di donne intrappolate in quell'eterno presente di chi è morto prematuramente. Innaturalmente. Sono disegni che agiscono nel profondo. Tramite la loro carica psicologica penetrano, infatti, la sensibilità di chi li osserva. Le pennellate rapide e fluide di cui l'artista veneziana si avvale, e che lasciano intere porzioni di carta scoperte, delineano le fisionomie rarefatte delle involontarie protagoniste. Catturate in un'istantanea pittorica che viene da fotografie ricavate da ritagli di giornale o da Internet (in alcuni casi, 66 in tutto, non è stato possibile reperire il volto della vittima, sostituito da un foglio immerso da, non meno eloquenti, tonalità di un nero insondabile). I volti sono composti da linee scivolose, tanto da sembrare sul punto di disfarsi, di liquefarsi, mentre rimane intatta l'espressione intensa, addirittura pulsante, che li caratterizza.

Volpato, così come Chauvet e altre artiste che hanno lavorato e lavorano sull'argomento, tentano di riscattare quelle donne relegate troppo spesso al mero ruolo di vittime al fine di restituirne una memoria che va oltre al sensazionalismo con cui vengono presentate dai media. È un duro lavoro, che tenta di ristabilire una memoria pubblica facendo riflettere su una tragedia che non colpisce solo le donne in quanto vittime, ma l'intera società.


Paola Volpato - Femminicidio. Donne uccise 2015-2017
Sala Del Cenacolo, Complesso di Vicolo Valdina, ingresso di Piazza Campo Marzio 42, Roma
a cura di Cesare Biasini Selvaggi, Giorgia Calò
inaugurazione: giovedì 23 novembre 2017 - ore 17.00 Camera dei deputati

R.S.V.P.: cerimoniale.adesioni@camera.it (indicando data e orario dell'evento). L'ingresso sarà consentito entro le ore 16.45 fino a esaurimento posti
intervengono: on. Delia Murer, Cesare Biasini Selvaggi, Giorgia Calò, Laura Zangarini
durata mostra: dal 24 novembre al 7 dicembre 2017
orari: dalle ore 10.00 alle ore 18.00 (con chiusura il sabato e la domenica)
infoline: 339 3489691711

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …