Passa ai contenuti principali

Arte Moderna e Contemporanea di Wannenes


Il 23 novembre a Milano l'asta di Arte Moderna e Contemporanea di Wannenes nei prestigiosi spazi di Open Care - Frigoriferi Milanesi - circa 300 - opere racconterà il meglio dell'arte italiana ed internazionale, dai maestri del XX secolo fino ai protagonisti dei nostri giorni. 

Le Luci compenetrate di Giacomo Balla, una delicata tempera su cartoncino sagomato del 1916-1918 (lotto 1, stima 20.000 - 30.000 euro), raccontano l'intenso periodo futurista dell'artista.

Il dinamismo del secondo futurismo lo possiamo ritrovare intatto in due disegni di Fortunato Depero: il primo Dentro e fuori l'osteria (studio per dipinto) del 1925 (lotto 6) stimato 2.400 - 3.200 euro, e Cantiere sonoro (studio per dipinto), del 1932-33, stimato 2.800 - 3.200 euro (lotto 7). 

Il vitale naturalismo di Ennio Morlotti lo possiamo percepire in Fiori appassiti del 1955, tela importante non solo perché è stata presente alla XXVIII Biennale Internazionale d'Arte di Venezia del 1956, ma soprattutto perché è esemplificativa di quella fase cruciale di passaggio dal figurativo all'informale, quando la materia diviene la cifra della sua maturità espressiva (lotto 34, stima 10.000 - 15.000 euro). 

L'eclettismo pittorico di Giorgio De Chirico della sua fase matura in una rara Natura morta del 1949-1950 (lotto 31, stima 30.000 - 40.000 euro), e nella Testa di cavallo del 1960 (lotto 37, stima 35.000 - 55.000 euro).

Spiccano due opere di Nuvolo(Giorgio Ascani),Cucito a macchina, 1960 (lotto 52, stima 50.000 - 70.000 euro) e Daino, 1959 (lotto 53, stima 20.000 - 30.000 euro) artista che esprime al meglio la febbrile e prolifica scena romana del secondo dopoguerra del XX secolo e una nutrita e colorata selezione di opere di Bruno MunariNegativo/positivo del 1951 (lotto 78, stima 18.000 - 22.000 euro) si caratterizza per la forma quadrata nelle quali sagome geometriche bicolore annullano la classica contrapposizione tra primo piano e sfondo, e la Curva di Peano del 1975, trova un suo equilibro nel cromatismo acceso e vitale distribuito con speculare geometria (lotto 115, stima 14.000 - 16.000 euro). 

L'astrattismo concreto di Max Bill - autentico genio poliedrico del XX secolo tedesco che spaziava dalla pittura all'architettura, dalla scultura al design e grafica - in Zerstrablung von blau del 1972-73 trova una sua esemplificazione iconica nella giustapposizione di colori primari e una geometria tanto semplice quanto perfetta (lotto 114, stima 18.000 - 20.000 euro).

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …