Passa ai contenuti principali

Maurizio Cilli protagonista di #WunderKit

Oggetti misteriosi, oggetti trovati per strada, regalati, rubati, oggetti presi dalla loro cassetta degli attrezzi, talismani e odradek autobiografici, oggetti totalmente inutili ma belli, oggetti transitori e anti-stress, oggetti che odorano di nuovo e oggetti antichi, oggetti che perseguitano, che ispirano. Due volte al mese, all’ora dell’aperitivo, BASE Milano presenta #WunderKit, un momento di incontro informale con un artigiano creativo per raccontare al pubblico gli oggetti che compongono il suo personale kit di mirabilia.



Giovedì 10 maggio, dalle ore 19.00 alle ore 20.00, l’appuntamento sarà con l’artista e architetto Maurizio Cilli che - proprio all’interno del programma di residenza artistica proposto da BASE nell’ambito della mostra 999 domande sull’abitare contemporaneo presentata a La Triennale di Milano - ha dato vita al progetto “senza casa, senza cosa?” dedicato a uno dei fenomeni più urgenti delle grandi città: il disagio estremo di chi vive senza una casa.

Un progetto che ora diventa un libro: una pubblicazione volta a raccogliere le tracce dell’intero percorso di genesi dell’opera collettiva, nutrita da numerose collaborazioni offerte dagli artisti indipendenti invitati a partecipare al processo creativo durante la residenza artistica.


Considerate le dimensioni crescenti dell’Homelessness e la sua territorializzazione urbana, “senza casa, senza cosa?” invita a un riposizionamento dello sguardo, libero da pietismi e retoriche, che richiami l’urgenza di affermare i diritti di chi vive la propria esistenza senza una casa. Le sempre più frequenti campagne di panico morale, rancore e criminalizzazione condizionano negativamente le modalità di governo del disagio. Questo lavoro si rivolge in particolare a chi una casa ce l’ha e appartiene alle fasce sociali più esposte alle nuove forme di povertà; innesco di un processo costellato di “eventi critici” che conducono lavoratori improvvisamente licenziati o liberi professionisti senza delle entrate fisse a una situazione di progressiva marginalità. Per molti di loro non è facile accettare di usare le strutture di accoglienza e per questo motivo tendono a una totale indipendenza e solitudine; precarizzati nei loro diritti intraprendono un percorso di progressiva e irreversibile esclusione sociale.

La collezione di oggetti e strumenti esposti all’interno della mostra 999 domande sull’abitare contemporaneo manifestano, in chiave poetica, le fasi di un mutamento: senza casa muta il rapporto con le cose, gli oggetti i propri libri, fonte di nutrimento dell’anima vengono gradualmente sostituiti da strumenti salvifici a protezione dei bisogni del corpo. Un passaggio che pone nuovi paradigmi del senso inconscio del domestico a difesa della propria dignità di abitare.

Il libro, a cura dell’autore con Federica Boragina e Giulia Brivio, sarà edito da Boîte Editions e raccoglierà i contributi di Alice Benessia, Melina Benedetto, Francesca Cirilli, Andrea Caretto e Raffaella Spagna, FANNIDADA, Mario Pandiani, Gaia Rayneri, Remo Ricchetti, Alessandro Sciaraffa, Alfred Von Escher.

La pubblicazione sarà finanziata da una campagna di crowdfunding – fino al 2 giugno 2018 - ospitata sulla piattaforma Produzionidalbasso.com. La modalità di raccolta fondi prevede un sistema di scambio reciproco per cui a ogni donazione, a partire da 10 €, corrisponde un oggetto.

Qualora l’obbiettivo non dovesse essere raggiunto, il libro sarà finanziato da sponsorizzazioni private.

All’intero progetto è dedicata una pagina facebook, sulla cui bacheca è ospitato il “Gioco dell’Odradek”, una grande narrazione collettiva che svela il potere magico ed evocativo degli oggetti e permette di vincere una copia speciale del libro.



> Talk: “senza casa, senza cosa?” il racconto

Martedì 8 maggio, alle 18:30

presso 515 creative shop, via Mazzini 40, Torino

Intervengono: Maurizio Cilli (autore del libro), Federica Boràgina e Giulia Brivio (Boîte Editions)

Ingresso gratuito

Per info: senzacasasenzacosa@gmail.com



Link

https://www.produzionidalbasso.com/project/senza-casa-senza-cosa/

www.facebook.com/senzacasasenzacosa

www.instagram.com/senzacasasenzacosa

Post popolari in questo blog

Il Ponte Casa d'Aste presenta l'Asta di Fotografia "Da Luigi Ghirri a Tracey Emin"

Ad aprire la stagione primaverile delle aste in Palazzo Crivelli sarà il neonato dipartimento di Fotografia, con una selezione di circa 300 lotti dei più celebri nomi nazionali ed internazionali.
Tra i fotografi italiani della seconda metà del '900 Luigi Ghirri è presente con undici dei suoi scatti più iconici, alcuni di questi stampati nel 1992, anno della sua morte, in occasione della mostra "Luigi Ghirri, Versailles" a Parigi ed esposti anche nella retrospettiva dell'autore tenutasi nel 2013 al MAXXI.
Di Gabriele Basilico e Berengo Gardin andranno all'incanto alcuni lavori dedicati alle architetture e ai parchi di Milano; di Mario Giacomelli una decina di scatti e la serie Pretini (val. 3.000 - 3.500 €); di Mimmo Jodice alcune delle immagini più rappresentative nelle quali la mitologia e la statuaria classica ritrovano energia espressiva grazie al forte contrasto di luci e ombre che caratterizza i suoi lavori.
Il bianco e nero torna nel tuffatore di Nino Migliori

Campania Mirabilis

Mercoledì 20 giugno alle 17.00, presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica Campania Mirabilis, a cura di Gabriella Ibello con foto di Monica Biancardi, Antonio Biasiucci, Stefano Cerio, Alessandro Cimmino, Raffaela Mariniello, Pino Musi, Luciano Romano e Luigi Spina
La mostra, promossa dall’associazione culturale Nuovorinascimento con il Patrocinio del MIBACT, Reggia di Caserta, Comune di Caserta e con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, sarà visitabile fino al 18 Luglio 2018.
Campania Mirabilis nasce da un’idea di Gabriella Ibello come progetto fotografico di osservazione, documentazione e ricerca sul patrimonio culturale e paesaggistico della Campania. Dopo Castel dell’Ovo, la mostra segna con la Reggia di Caserta la seconda tappa del Grand Tour della fotografia contemporanea che guarda al paesaggio e ai beni culturali. 
Il dialogo tra la Reggia vanvitelliana e la fotografi…