Passa ai contenuti principali

War , quello che rimane in Hands

Quest'oggi, domenica 6 maggio alle ore 18 , in HANDS di Manuela Veronesi spazio eventi d’arte con la curatela di Angela Stefani di Metamorfosi Gallery e in collaborazione con Poetry Vicenza 2018, si inaugura WAR QUELLO CHE RIMANE collettiva d’arte dedicata al tema della guerra, oggi più che mai attuale visti i recenti fatti di cronaca. 

La collettiva d’arte presenta una selezione di SETTE ARTISTI che a vario titolo rappresentano la frattura esistenziale che ha segnato e segna i popoli e la vita dei singoli; la guerra, è pensata e rappresentata dagli artisti nei suoi effetti, in “quello che rimane”

Le opere di Carmine Bellucci, Emjl Berdin, Danilo Calegari, Ivano Mercanzin, Anastasia Moro, Nicola Paglia, Anne Cecile Surga, danno vita alla distruzione / ricostruzione che ogni guerra, lontana o vicina, mondiale o non, passata o presente, porta con sè. Gli artisti indagano questo processo lento, ma costante e vitale che, da quello che rimane, rigenera un equilibrio materiale e morale, ripristina confini alla violenza e all’aggressività, risveglia dall’individualismo, scuote le coscienze anestetizzate. Una ricostruzione fondata sui frammenti dell’essere, sulle macerie e che svela la nostra realtà presente che dalle guerre è alimentata. 

Ospite d’onore della rassegna è Weiso, giovane artista siriano la cui poetica è costruita sulla contraddittorietà e sul significato ambiguo delle immagini a partire dal proprio vissuto. 

Ad aprire la serata inaugurale alle ore 18 un’azione performativa “INDIFFERENCE” di RITA PIERANGELO intende rappresentare come in una società apparentemente pacifica, gli atti quotidiani svelino la costante presenza di violenza e conflitti generati innanzi tutto dall’indifferenza nei confronti del singolo prima ancora che da espliciti atti di sopraffazione 
Evento nell’evento, sabato 12 maggio ore 17.00 “LA VITA DI-FRONTE” reading in musica di Stefano Presi (voce) e Valentina Cacco (violoncello): un approfondimento sul tema della memoria . Le letture (scelte con la consulenza letteraria di Luca Matteazzi) sono ricordi, racconti in prima persona dei reduci dal conflitto della Grande Guerra, che mettono in luce le ragioni di sopravvivenza nel quotidiano, nei piccoli gesti che sembrano “dare un senso” al resistere a oltranza. Il reading è un tassello del progetto ”Letture Incomplete” ideato da Stefano Presi come performances di reading in musica. 

A conclusione della mostra domenica 20 maggio ore 18:00, si svolgerà la performance teatrale “NO WAR!” recital di musica e poesia a cura di Michele Silvestrin e Marica Rampazzo con musiche di Pietro Tanzola e Stefano Bassato. Il recital si incentra su alcuni testi poetici composti su specifici conflitti mondiali, mentre altri si riferiscono a particolari sciagure e conflitti delle ultime decadi e a lotte per la libertà contro le dittature, ma tutti contengono un accorato appello alla pace e alla tolleranza fra i popoli. 

La mostra è a ingresso libero, visitabile da martedì a domenica dalle 16:00 alle 19:30. in HANDS sede espositiva e laboratorio di scultura e pittura che accoglie eventi d’arte per la diffusione del contemporaneo a Vicenza. 

L’iniziativa è presentata nel catalogo WAR quello che rimane, volume che raccoglie e descrive le opere in mostra edito da Metamorfosi Gallery e a cura di Angela Stefani


HANDS
Contra’ Ss.Apostoli, 29 - Vicenza - Veneto
dal 06/05/2018 - al 20/05/2018

Sito web: www.metamorfosigallery.it

Email: info@metamorfosigallery.it


Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …