Passa ai contenuti principali

Luciano Angioli e Roberto Loreto e le loro Memorie di paesaggio

Dal 22 settembre al 18 ottobre 2018 ExpArt Studio&Gallery, in via Borghi 80 a Bibbiena (AR), presenta “Memorie di paesaggio”, doppia personale di Luciano Angioli e Roberto Loreto a cura di Silvia Rossi.

L’esposizione, a ingresso libero e gratuito, sarà visitabile dal martedì al mercoledì con orario 16,30/19, dal giovedì al sabato con orari 9,30/12 e 16,30/19, o su appuntamento.

Sabato 22 settembre, dalle ore 16, l’apertura della mostra.
Alle ore 17 la presentazione ufficiale con l’aperitivo offerto da Bar Le Logge. 


Memorie di paesaggio :

Inizia l’autunno, i colori si scaldano e i paesaggi mutano intorno a noi. Ogni stagione porta con sé un carico di odori, colori e visioni che richiamano alla memoria eventi passati, vicini o lontani, e ci ricordano l’immutabilità dello scorrere del tempo. Il trasformismo delle città e della natura si muove inesorabile ora a passo di danza, ora lento, ora come in una corsa frenetica.

Le opere di Luciano Angioli e Roberto Loreto, storici pittori toscani, segnano dei confini visivi entro cui questo mutamento avviene. La traccia del pennello diventa quella di un passaggio, di una trasformazione già avvenuta e non ancora terminata. Raccontano una memoria, il cui limite è labile e si dissolve con uno sguardo, trasportandoci in una dimensione vagamente onirica.

Luciano Angioli compone i suoi delicati acquerelli su tavola in un vortice in cui il paesaggio attinge ai luoghi in cui vive la sua quotidianità, per poi mescolarsi a elementi fantastici, come a rappresentare l’essenza emotiva di un luogo, racchiuso come in uno scrigno prezioso in cui simboli, realtà e fantasia restituiscono la purezza del vissuto di un ambiente.

Roberto Loreto ci racconta una delle più famose città italiane. Senza ricorrere a sterili, per quanto affascinanti, riproduzioni, la “sua” Firenze pulsa, si muove e si frastaglia. L’apparenza immobile dei palazzi storici prende nuova vita e attraversa indenne lo scorrere del tempo. La linfa vitale del capoluogo toscano è rivelata da forme e colori che si spezzano e si alternano.

Ciò che emerge dall’incontro dei lavori dei due autori è un racconto vivo di una memoria, di un paesaggio interiorizzato, vissuto e rimesso al mondo sotto una chiave di lettura quanto mai personale e autentica.



BREVI BIOGRAFIE:

Luciano Angioli nasce ad Arezzo nel 1953. Frequenta l'Istituto d'arte e sotto le armi realizza numerose pitture murali ancora oggi visibili. Nel 1976 ottiene l’abilitazione all’insegnamento di Educazione artistica ma prosegue anche nella ricerca personale, orientata e motivata da un forte legame con i testi poetici e letterari di vasto respiro. La passione per l’archeologia, la letteratura e la storia, unite all’amore per la storia dell’arte e il territorio toscano, sono gli elementi principali della sua indagine artistico-figurativa. Vive a Pistoia e dal 1976 espone in collettive e personali in Italia e all’estero. 

Roberto Loreto nasce a Napoli nel 1934. Ottenuto un diploma di perito tessile all’Istituto Buzzi di Prato, crea e disegna tessuti. Lavora per molto tempo nel campo tessile e negli ultimi anni si dedica alla pittura a tempo pieno. Vive e lavora a Firenze, dove ha iniziato esporre con la Galleria Mentana. Nel 2017 la sua arte ha visto la consacrazione con la mostra personale nella sede del Consiglio regionale della Toscana. Le opere di Loreto si trovano in collezioni private sia in Italia sia all’estero.

www.expartgallery.com

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …