Passa ai contenuti principali

Luciano Angioli e Roberto Loreto e le loro Memorie di paesaggio

Dal 22 settembre al 18 ottobre 2018 ExpArt Studio&Gallery, in via Borghi 80 a Bibbiena (AR), presenta “Memorie di paesaggio”, doppia personale di Luciano Angioli e Roberto Loreto a cura di Silvia Rossi.

L’esposizione, a ingresso libero e gratuito, sarà visitabile dal martedì al mercoledì con orario 16,30/19, dal giovedì al sabato con orari 9,30/12 e 16,30/19, o su appuntamento.

Sabato 22 settembre, dalle ore 16, l’apertura della mostra.
Alle ore 17 la presentazione ufficiale con l’aperitivo offerto da Bar Le Logge. 


Memorie di paesaggio :

Inizia l’autunno, i colori si scaldano e i paesaggi mutano intorno a noi. Ogni stagione porta con sé un carico di odori, colori e visioni che richiamano alla memoria eventi passati, vicini o lontani, e ci ricordano l’immutabilità dello scorrere del tempo. Il trasformismo delle città e della natura si muove inesorabile ora a passo di danza, ora lento, ora come in una corsa frenetica.

Le opere di Luciano Angioli e Roberto Loreto, storici pittori toscani, segnano dei confini visivi entro cui questo mutamento avviene. La traccia del pennello diventa quella di un passaggio, di una trasformazione già avvenuta e non ancora terminata. Raccontano una memoria, il cui limite è labile e si dissolve con uno sguardo, trasportandoci in una dimensione vagamente onirica.

Luciano Angioli compone i suoi delicati acquerelli su tavola in un vortice in cui il paesaggio attinge ai luoghi in cui vive la sua quotidianità, per poi mescolarsi a elementi fantastici, come a rappresentare l’essenza emotiva di un luogo, racchiuso come in uno scrigno prezioso in cui simboli, realtà e fantasia restituiscono la purezza del vissuto di un ambiente.

Roberto Loreto ci racconta una delle più famose città italiane. Senza ricorrere a sterili, per quanto affascinanti, riproduzioni, la “sua” Firenze pulsa, si muove e si frastaglia. L’apparenza immobile dei palazzi storici prende nuova vita e attraversa indenne lo scorrere del tempo. La linfa vitale del capoluogo toscano è rivelata da forme e colori che si spezzano e si alternano.

Ciò che emerge dall’incontro dei lavori dei due autori è un racconto vivo di una memoria, di un paesaggio interiorizzato, vissuto e rimesso al mondo sotto una chiave di lettura quanto mai personale e autentica.



BREVI BIOGRAFIE:

Luciano Angioli nasce ad Arezzo nel 1953. Frequenta l'Istituto d'arte e sotto le armi realizza numerose pitture murali ancora oggi visibili. Nel 1976 ottiene l’abilitazione all’insegnamento di Educazione artistica ma prosegue anche nella ricerca personale, orientata e motivata da un forte legame con i testi poetici e letterari di vasto respiro. La passione per l’archeologia, la letteratura e la storia, unite all’amore per la storia dell’arte e il territorio toscano, sono gli elementi principali della sua indagine artistico-figurativa. Vive a Pistoia e dal 1976 espone in collettive e personali in Italia e all’estero. 

Roberto Loreto nasce a Napoli nel 1934. Ottenuto un diploma di perito tessile all’Istituto Buzzi di Prato, crea e disegna tessuti. Lavora per molto tempo nel campo tessile e negli ultimi anni si dedica alla pittura a tempo pieno. Vive e lavora a Firenze, dove ha iniziato esporre con la Galleria Mentana. Nel 2017 la sua arte ha visto la consacrazione con la mostra personale nella sede del Consiglio regionale della Toscana. Le opere di Loreto si trovano in collezioni private sia in Italia sia all’estero.

www.expartgallery.com

Post popolari in questo blog

Il Ponte Casa d'Aste presenta l'Asta di Fotografia "Da Luigi Ghirri a Tracey Emin"

Ad aprire la stagione primaverile delle aste in Palazzo Crivelli sarà il neonato dipartimento di Fotografia, con una selezione di circa 300 lotti dei più celebri nomi nazionali ed internazionali.
Tra i fotografi italiani della seconda metà del '900 Luigi Ghirri è presente con undici dei suoi scatti più iconici, alcuni di questi stampati nel 1992, anno della sua morte, in occasione della mostra "Luigi Ghirri, Versailles" a Parigi ed esposti anche nella retrospettiva dell'autore tenutasi nel 2013 al MAXXI.
Di Gabriele Basilico e Berengo Gardin andranno all'incanto alcuni lavori dedicati alle architetture e ai parchi di Milano; di Mario Giacomelli una decina di scatti e la serie Pretini (val. 3.000 - 3.500 €); di Mimmo Jodice alcune delle immagini più rappresentative nelle quali la mitologia e la statuaria classica ritrovano energia espressiva grazie al forte contrasto di luci e ombre che caratterizza i suoi lavori.
Il bianco e nero torna nel tuffatore di Nino Migliori

Campania Mirabilis

Mercoledì 20 giugno alle 17.00, presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica Campania Mirabilis, a cura di Gabriella Ibello con foto di Monica Biancardi, Antonio Biasiucci, Stefano Cerio, Alessandro Cimmino, Raffaela Mariniello, Pino Musi, Luciano Romano e Luigi Spina
La mostra, promossa dall’associazione culturale Nuovorinascimento con il Patrocinio del MIBACT, Reggia di Caserta, Comune di Caserta e con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, sarà visitabile fino al 18 Luglio 2018.
Campania Mirabilis nasce da un’idea di Gabriella Ibello come progetto fotografico di osservazione, documentazione e ricerca sul patrimonio culturale e paesaggistico della Campania. Dopo Castel dell’Ovo, la mostra segna con la Reggia di Caserta la seconda tappa del Grand Tour della fotografia contemporanea che guarda al paesaggio e ai beni culturali. 
Il dialogo tra la Reggia vanvitelliana e la fotografi…

Maurizio Cilli protagonista di #WunderKit

Oggetti misteriosi, oggetti trovati per strada, regalati, rubati, oggetti presi dalla loro cassetta degli attrezzi, talismani e odradek autobiografici, oggetti totalmente inutili ma belli, oggetti transitori e anti-stress, oggetti che odorano di nuovo e oggetti antichi, oggetti che perseguitano, che ispirano. Due volte al mese, all’ora dell’aperitivo, BASE Milano presenta #WunderKit, un momento di incontro informale con un artigiano creativo per raccontare al pubblico gli oggetti che compongono il suo personale kit di mirabilia.


Giovedì 10 maggio, dalle ore 19.00 alle ore 20.00, l’appuntamento sarà con l’artista e architetto Maurizio Cilli che - proprio all’interno del programma di residenza artistica proposto da BASE nell’ambito della mostra 999 domande sull’abitare contemporaneo presentata a La Triennale di Milano - ha dato vita al progetto “senza casa, senza cosa?” dedicato a uno dei fenomeni più urgenti delle grandi città: il disagio estremo di chi vive senza una casa.
Un progetto c…