Passa ai contenuti principali

Moovartist 2019 a Castel dell’Ovo

Si intitola “Moovartist 2019” la mostra collettiva d’arte organizzata dalla Fondazione Amedeo Modigliani e da Moov-Visual communication, che si terrà da sabato 4 fino a martedì 7 maggio nella Sala le Sirene di Castel dell’Ovo a Napoli, con ingresso gratuito.

Patrocinata dalla Città Metropolitana di Napoli, la mostra sarà visitabile tutti i giorni dalle 9.30 alle 18.30 (solo domenica 5 dalle 9.30 alle 14) e sarà presentata ai media all’interno della sede espositiva sabato 4 maggio alle ore 13, alla presenza di Fabrizio Checchi (Presidente della Fondazione Amedeo Modigliani), Sergio Bernardi (Vice Presidente Fondazione Amedeo Modigliani), Mirko Perano (membro Cda della stessa Fondazione), Veronica Romaniello (storica dell'arte) e Ottavio Leo (Associazione Anti usura Anti Racket "Emergenza legalità”).

Nella storica e prestigiosa sede napoletana saranno in mostra i lavori di una sessantina di artisti provenienti dall’Italia e dall’estero; si tratta di opere di pittura, scultura, fotografia, ceramica e arte digitale che ben rappresentano un variegato insieme di esperienze e sensibilità a confronto. Inoltre il pubblico potrà incontrare direttamente gli artisti scambiando opinioni, idee e giudizi sul mondo dell’arte.

Arte, forma di dissuasione del crimine
«L’arte può diventare una delle forme più attive di dissuasione del crimine». Fabrizio Checchi, Presidente della Fondazione Amedeo Modigliani, ha ben chiaro l’obiettivo che Moovart si pone con la collaborazione dell’Associazione Anti usura Anti Racket "Emergenza legalità”. La mostra infatti si propone di sensibilizzare i giovani sui temi della legalità e in tal senso l’arte nel suo insieme può diventare un valido strumento di persuasione che i metodi criminali non portano ad alcun risultato positivo. Per cui, durante l’intero periodo della mostra collettiva, a Castel dell’Ovo sarà presente un legale rappresentante dell’Associazione Anti usura Anti Racket "Emergenza legalità” per illustrarne gli obiettivi e le attività in svolgimento e future.


La filosofia del Progetto Moovart
Come scriveva Amedeo Modigliani “Il tuo unico dovere è salvare i tuoi sogni.” Ed è proprio dai sogni che nasce il progetto Moovart, fortemente voluto dalla Fondazione di ricerca scientifica Amedeo Modigliani. Il sogno di Moovart è riuscire a portare alla ribalta artisti di ogni parte del mondo, che eccellono in qualsiasi disciplina artistica, scultura, pittura, fotografia, ceramica, digital art. La peculiarità del progetto Moovart è l’opportunità di esporre le proprie opere in location di prestigio e alla presenza di galleristi e critici d’arte.

La passione muove il mondo, e la passione è ciò che muove questo progetto. Moovart è arte in movimento, è fermento, evoluzione, ma con radici ben salde. Si occupano del progetto critici ed esperti d’arte, con un amore comune per Amedeo Modigliani. Moovart crea le condizioni ottimali per la conoscenza e la valutazione di nuovi artisti da parte sia di un pubblico attento all’arte, sia di operatori del settore. Come Modigliani si inoltrò in quella Parigi dei primi del 900 per sperimentare e affermare se stesso e la sua opera, così Moovart si pone l’obiettivo della divulgazione dell’opera dei nuovi artisti.



MOOVART 
Contemporary artists
www.moovart.org




Segnalato da : Marco Ferri
press@marcoferri.info

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.
Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.
Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro. Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criti…