Passa ai contenuti principali

Moovartist 2019 a Castel dell’Ovo

Si intitola “Moovartist 2019” la mostra collettiva d’arte organizzata dalla Fondazione Amedeo Modigliani e da Moov-Visual communication, che si terrà da sabato 4 fino a martedì 7 maggio nella Sala le Sirene di Castel dell’Ovo a Napoli, con ingresso gratuito.

Patrocinata dalla Città Metropolitana di Napoli, la mostra sarà visitabile tutti i giorni dalle 9.30 alle 18.30 (solo domenica 5 dalle 9.30 alle 14) e sarà presentata ai media all’interno della sede espositiva sabato 4 maggio alle ore 13, alla presenza di Fabrizio Checchi (Presidente della Fondazione Amedeo Modigliani), Sergio Bernardi (Vice Presidente Fondazione Amedeo Modigliani), Mirko Perano (membro Cda della stessa Fondazione), Veronica Romaniello (storica dell'arte) e Ottavio Leo (Associazione Anti usura Anti Racket "Emergenza legalità”).

Nella storica e prestigiosa sede napoletana saranno in mostra i lavori di una sessantina di artisti provenienti dall’Italia e dall’estero; si tratta di opere di pittura, scultura, fotografia, ceramica e arte digitale che ben rappresentano un variegato insieme di esperienze e sensibilità a confronto. Inoltre il pubblico potrà incontrare direttamente gli artisti scambiando opinioni, idee e giudizi sul mondo dell’arte.

Arte, forma di dissuasione del crimine
«L’arte può diventare una delle forme più attive di dissuasione del crimine». Fabrizio Checchi, Presidente della Fondazione Amedeo Modigliani, ha ben chiaro l’obiettivo che Moovart si pone con la collaborazione dell’Associazione Anti usura Anti Racket "Emergenza legalità”. La mostra infatti si propone di sensibilizzare i giovani sui temi della legalità e in tal senso l’arte nel suo insieme può diventare un valido strumento di persuasione che i metodi criminali non portano ad alcun risultato positivo. Per cui, durante l’intero periodo della mostra collettiva, a Castel dell’Ovo sarà presente un legale rappresentante dell’Associazione Anti usura Anti Racket "Emergenza legalità” per illustrarne gli obiettivi e le attività in svolgimento e future.


La filosofia del Progetto Moovart
Come scriveva Amedeo Modigliani “Il tuo unico dovere è salvare i tuoi sogni.” Ed è proprio dai sogni che nasce il progetto Moovart, fortemente voluto dalla Fondazione di ricerca scientifica Amedeo Modigliani. Il sogno di Moovart è riuscire a portare alla ribalta artisti di ogni parte del mondo, che eccellono in qualsiasi disciplina artistica, scultura, pittura, fotografia, ceramica, digital art. La peculiarità del progetto Moovart è l’opportunità di esporre le proprie opere in location di prestigio e alla presenza di galleristi e critici d’arte.

La passione muove il mondo, e la passione è ciò che muove questo progetto. Moovart è arte in movimento, è fermento, evoluzione, ma con radici ben salde. Si occupano del progetto critici ed esperti d’arte, con un amore comune per Amedeo Modigliani. Moovart crea le condizioni ottimali per la conoscenza e la valutazione di nuovi artisti da parte sia di un pubblico attento all’arte, sia di operatori del settore. Come Modigliani si inoltrò in quella Parigi dei primi del 900 per sperimentare e affermare se stesso e la sua opera, così Moovart si pone l’obiettivo della divulgazione dell’opera dei nuovi artisti.



MOOVART 
Contemporary artists
www.moovart.org




Segnalato da : Marco Ferri
press@marcoferri.info

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …