Passa ai contenuti principali

A Ca' Rezzonico di Flavio Favelli, Il bello inverso.

Quindici opere inedite formano l'intervento a Ca' Rezzonico di Flavio Favelli. Il bello inverso, "cioè a rovescio, opposto", spiega l'artista, racconta di “una bellezza pensata che è il mio immaginario, qualcosa che non è semplice da esporre in un luogo e in una città che è l'Arte per antonomasia".

"Venezia è sempre stata una tappa della mia vita; fin da bambino ci andavo perché, come diceva mia madre, "bisogna conoscere l'Italia”. E’ difficile esporre in luoghi così connotati: si cerca sempre il dialogo, si spera che l'artista di oggi, che per sua natura è considerato "leggero" rispetto all'arte del passato, renda un omaggio alla nostra Arte & Storia vista come una specie di ideale a cui guardare".

Le pedane di legno che per mesi sono state calpestate dai passanti che hanno attraversato il ponte dell'Accademia, rivestito per un restauro terminato alla fine dello scorso anno, con i segni dell'usura da calpestio e delle vernici del lavoro. Una stella rossa di pubblicitaria memoria, i lightbox con i loghi e nomi (Generali, Lacoste, Coca-Cola) e i marchi cancellati dalla pittura, la reinterpretazione di una vecchia etichetta del famoso aperitivo veneziano Select che si fa stendardo. Grate di ferro in forma di traliccio, motivi mimetici di navi da guerra, specchi graffiati, mobili ricomposti e vassoi silver plated. Il denominatore comune di queste opere è la sovrapposizione di immagini, trame e materiali. La forma è l'assemblaggio, la combinazione di forme e oggetti e significati, la composizione, il collage e infine la pittura. Il tema centrale è quello del segno-scritta-logo alterato e sofisticato per un'immagine differente che sposta e adultera il senso originale e porta a una nuova complessità formale e di concetto.

E ancora costruzioni, tralicci, mobili e tabelle di latta, insegne, statue "astratte" e lightbox. Come nota l'artista, nel Museo del Settecento Veneziano "non ci sono pareti da bucare": l'intervento è perciò site-specific nel senso più pratico, con opere tridimensionali.

Flavio Favelli non guarda solo alla storia dell'arte. Nella sua opera entrano la storia del costume, degli oggetti d'uso, della comunicazione, e della pubblicità "che in Italia ha influenzato la nostra storia più di quanto pensiamo", e c'è la stessa biografia dell'artista, anche nella sua storia personale quei materiali e quegli immaginari si sono depositati.




Si ringrazia 

F/ART per l’opera al neon Eternity 

www.fart-neon.com


INFO


Flavio Favelli

IL BELLO INVERSO


9 maggio-15 settembre 2019
Ca' Rezzonico | Museo del Settecento Veneziano

Dorsoduro, 3136, 30123  Venezia

www.carezzonico.visitmuve.it

Orari: dalle 10.30 alle 18.00. Chiuso il martedì 

Post popolari in questo blog

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …

Cancelli d’ombra alla Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia

La Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia (Corso Garibaldi, 4) presenta, dal 15 dicembre 2018 al 16 gennaio 2019, la consueta collettiva di Natale con opere pittoriche, scultoree e fotografiche di una trentina di autori contemporanei, da Julia Bornefeld e Sandra Brandeis Crawford a Luca Caccioni, Claudio Costa e Graziano Pompili.
La mostra trae il titolo – “Cancelli d’ombra” – da una poesia di Andrea Basiricò che recita: «… E i cancelli d’ombra / della sera ricamano / i giardini / dove occhi di silenzio / si spengono / sull’orlo dell’asfalto…».
In esposizione, opere di Andrea Basiricò, Julia Bornefeld, Mirko Baricchi, Anna Bennicelli, Alketa Bercaj Delishaj, Elisa Bertaglia, Sandra Brandeis Crawford, Luca Caccioni, Corrado Campisi, Claudio Costa, Giovanni Cossu, Omar Galliani, Federica Giulianini, Ludmila Kazinkina, Nicoletta Moncalieri, Maria Morelli, Silvia Pavarini, Simone Pellegrini, Graziano Pompili, Turi Rapisarda, Enzo Silvi, Sebastiano Simonini, Orfeo Tamburi, Giuseppe…