Passa ai contenuti principali

COMBAT ART: Roma 1968-1978

La Galleria Mascherino è lieta di annunciare la riapertura, il 16 aprile alle ore 18.30 nella stessa sede, con la mostra COMBAT ART: Roma 1968-1978, dedicata ai rapporti tra arte e politica nella scena romana degli anni Settanta. L'esposizione segna il nuovo indirizzo della galleria aperto al dialogo tra diversi media e linguaggi artistici della contemporaneità: attraverso una selezione di dipinti, disegni, fotografie, serigrafie, manifesti e bozzetti cinematografici, copertine di dischi e libri, riviste e fanzine la mostra pone in relazione differenti ambiti espressivi per evidenziarne convergenze e frizioni, proponendo un campo di indagine allargato alla cultura visiva del decennio.

Le opere di Franco Angeli, Nanni Balestrini, Tomaso Binga, Tano D'Amico, Pablo Echaurren, Sergio Lombardo, Mario Schifano, autori che con declinazioni diverse hanno interpretato le nuove istanze sociali ed estetiche dell'epoca, sono poste in relazione con la coeva ricerca grafica di impegno politico, con l'obiettivo di fare emergere una reciprocità di sguardi e tensioni, per raccontare la storia di quegli anni attraverso una polifonia di voci che ne restituisca la complessità.

La scelta di questi artisti di ricorrere all'uso di stencil, serigrafie o di tecniche affini a quelle adoperate in campo grafico risponde, oltre che a fattori strettamente formali, all'esigenza di allargare il bacino di fruitori attraverso il superamento del concetto di unicum dell'opera nella prospettiva politica di un'arte diffusa e non elitaria. Molte delle opere in mostra non soltanto evidenziano la predilezione per soggetti apertamente politici diffusa nella neoavanguardia romana, ma sono anche esempi significativi del dialogo tra cultura alta e iconosfera mediatica tipico di quella stagione. Alcuni tra i lavori di arte moltiplicata presenti nell'esposizione hanno avuto, inoltre, finalità politiche ancora più immediate, perché prodotti appositamente per sostenere l'attività di gruppi extraparlamentari come Potere Operaio o l'Unione dei Comunisti Italiani Marxisti-Leninisti.

Nel confrontarsi con le trasformazioni sociali in atto, questi artisti attingono al repertorio di immagini grafiche e mediatiche dell'epoca e nel contempo lo influenzano, talvolta in modo diretto, illustrando riviste e quotidiani o progettando la grafica di libri e manifesti, come nel caso della copertina di Porci con le ali disegnata da Echaurren. Le battaglie per i diritti civili, le rivendicazioni salariali, il femminismo, le marce pacifiste, l'interesse per la Cina, l'anticapitalismo, la strategia della tensione e l'emergere della lotta armata sono i temi attorno a cui ruotano le immagini esposte, accomunate da uno slancio utopico e da una conflittualità dichiarata, che documentano l'urgenza di cambiamento emersa nel decennio.

Benché l'impegno sia un terreno comune, gli artisti in mostra vivono il rapporto tra arte e politica secondo un'ottica personale: la serigrafia con Mao Tze Tung di Sergio Lombardo propone ad esempio una rilettura concettuale dell'icona, attraverso l'introduzione di una legenda esplicativa che, tautologicamente, indica i nomi dei colori usati per realizzarla. Di carattere metalinguistico sono anche le opere di Mario Schifano, dove suoi quadri della serie Compagni Compagni sono da lui fotografati all'aperto, in un parco, prima di essere trasportati in mostra. Più diretto è invece il coinvolgimento politico espresso dai dipinti, i disegni e le litografie di Franco Angeli: dagli half dollar che demistificano l'imperialismo nordamericano, alle diverse rappresentazioni di cortei di operai e studenti realizzate dall'artista a ridosso del '68, quando il suo legame con i movimenti antagonisti si fa più stretto.

Opere in mostra di Franco Angeli, Nanni Balestrini, Tomaso Binga, Tano D'Amico, Agnese De Donato, Pablo Echaurren, Sergio Lombardo, Mario Schifano, Giuseppe Tubi.

COMBAT ART: Roma 1968-1978 è la prima di una serie di esposizioni che la Galleria Mascherino dedicherà ai rapporti tra arte e politica; seguirà nella prossima stagione una mostra dedicata alla rilettura dell'eredità dei regimi totalitari da parte di artisti italiani e internazionali attivi negli anni Sessanta e Settanta.



Combat Art: Roma 1968 - 1978
Galleria Mascherino
Roma - dal 16 aprile al 15 giugno 2019
Via Del Mascherino 24 (00193)
+39 0668803820 , +39 0668803820 (fax), +39 3382699414
mascherino@iol.it


Post popolari in questo blog

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…