Passa ai contenuti principali

La meglio Gioventù a Torre Annunziata

La stagione espositiva dello Spazio Zero11, per il ciclo "Contatto sociale", inizia con un evento dedicato ad un gruppo di ex studenti (Gaetano Acunzo, Omar Cacace, Nunzio Cirillo, Marco Matrone, Nunzio Montuori, Mario Paolucci, Valerio Sarnataro, Pasquale Sorrentino e Ciro Zeno) dell'Istituto d'arte G. de Chirico di Torre Annunziata . La mostra, curata da Franco Cipriano, Felicio Izzo e Carlo Mosca, con la collaborazione di Raffella Barbato, presenta materiali grafici, fotografie, disegni, video, oggetti, che compongono lo scenario di un cammino in corso aperto a inedite evoluzioni.

In questa esposizione si vogliono indicare alcune giovani presenze che hanno avuto la loro iniziale formazione nei corsi dell’Istituto d’arte di Torre Annunziata e che hanno poi trovato, in continuità o differente sviluppo con gli studi medi artistici, un riscontro di indubbia qualità professionale nel mondo delle arti visive applicate, delle pratiche progettuali e di discipline dello spettacolo. Sono giovani che hanno percorso vie diverse per dare spazio operativo alla loro "volontà d'arte", tutti corrispondendo ad una interiore necessità che è l'espressione stessa del loro "vivere il mondo". Franco Cipriano scrive, infatti, che per essere nel senso dell’esistenza, i giovani delle generazioni devono riscattare il tempo, il loro tempo, dal corso che gli impone la storia che li ha “gettati nel mondo". Il tempo che loro domandano è per il riconoscersi quali soggetti: corpi, pensieri, gesti che danno visione e forma al presente in cerca di futuro. Ne suscitano l’evento, il generarsi del nuovo.

Le attività di questi giovani nell’ambito creativo, intorno a nuclei espressivi individualmente forti - il disegno, il progetto, la grafica, la scena e il cinema – articolano interattivamente anche altri linguaggi più “liberi”, indipendenti, per così dire, dai vincoli dei percorsi produttivi della ragione professionale. Di questa cangiante espressività, si avranno i segni evidenti allorché nel periodo dell'esposizione alcuni di loro interverranno nell'esterno e negli interni dell'istituto con dipinti murali di rilevante significatività. Si tesse nel loro operare un intreccio, a volte singolarissimo, tra segni dell'esistente e eccedente immaginazione di altri mondi. E' un espandersi del pensiero che oltrepassa la funzionalità estetico-produttiva del fare, per incrociarsi e estendersi nei territori aperti del possibile delle forme, delle immagini, dei suoni, degli spazi, in liberi percorsi immaginativi.

Scrive Felicio Izzo, dirigente del Liceo Artistico de Chirico, nella presentazione dell'evento che "la
gioventù è l’improvviso che anticipa l’accaduto, l’attimo che fugge, ma solo per lasciare il posto
ad un altro. Perché la gioventù è il futuro equidistante dai vertici di ogni ambizione, speranza o semplice attesa. E’ una sibilla immemoriale, la luminosa futilità dei segni da lasciare, la gloriosa fatica degli anni, l’eterno, splendente corteo delle parole."
 
La meglio Gioventù
Spazio Zero11
Via V. Veneto,514 514 (80058)
+39 081.5362838
Torre Annunziata (NA) - dal 23 ottobre al 7 dicembre 2013
www.liceodechirico.it
Liceo Artistico de Chirico, Torre Annunziata -Na, Via Vittorio Veneto 514
Info: 3338998740

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …