Passa ai contenuti principali

Omaggio a Fabio Mauri al Museo d'Arte Contemporanea di Lissone

Considerato fra le personalità più interessanti dell’arte italiana del secondo dopoguerra, Fabio Mauri (nato a Roma il 1 aprile 1926 e scomparso nella sua città natale il 19 maggio 2009) è fra i protagonisti del Padiglione Italia alla 55 Biennale Internazionale d’Arte di Venezia con l’opera "Ideologia e Natura". La performance fu presentata per la prima volta nel 1973, alla Galleria Duemila di Bologna e, a quarant’anni di distanza, continua ad avere un’estrema forza comunicativa, riuscendo a coinvolgere profondamente l’osservatore grazie ai suoi innumerevoli livelli di lettura.
 
Il percorso mentale compiuto da Fabio Mauri nella sua lunga carriera artistica è complesso e stratificato, non circoscrivibile nell’ambito delle arti visive e dell’estetica, ma più affine a una ricerca filosofica volta a indagare la presenza dell’uomo nel mondo e il suo rapporto con le vicende storiche. Proprio per la complessità che la caratterizza, la ricerca di Mauri è oggetto di continui studi. «Cosa significa considerare il tema ideologico come oggetto della ricerca artistica?» è l’argomento di dibattito che impegnerà l’incontro dedicato all’artista , che si terrà questa sera, Giovedì, 10 Ottobre 2013 alle ore 21:00 presso il Museo d'Arte Contemporanea di Lissone.
 
In occasione di questo omaggio sarà proiettato il video di Ideologia e Natura e verrà presentato il libro di Federica Boragina, " Fabio Mauri. Che cosa è, se è l’ideologianell’arte ", (Rubbettino editore, 2012) nel quale, a partire dagli scritti dell’artista, si indagherà il significato e l’evoluzione del concetto di ideologia nella poetica dell’artista. In bilico fra poesia e storia, l’ideologia non è intesa da Mauri solamente come impegno politico, ma come categoria di pensiero e, in quanto tale, essa subisce una costante evoluzione in base all’evolversi della ricerca artistica. Estetica, critica, autocritica e memoria: gli infiniti significati della parola ideologia sono espressi in una ricerca formale accurata ed estremamente poetica che i relatori della serata cercheranno di approfondire assieme al pubblico.

Omaggio a Fabio Mauri
Questa sera, Giovedì, 10 Ottobre 2013 - 21:00
Museo d'Arte Contemporanea Lissone
Viale Padania 6 Lissone (MB)
Interverranno: Achille Mauri, Francesco Tedeschi e Federica Boràgina
Modererà: Alberto Zanchetta

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …