Passa ai contenuti principali

Davide Weber - Labyrinth: puzzle metropolis

La Galleria Flaviostocco di Castelfranco Veneto inaugura Domenica 6 Ottobre 2013 alle ore 18.00 la mostra di fotografia di Davide Weber dal titolo "Labyrinth: puzzle metropolis" , visitabile fino al 28 Ottobre 2013. La presentazione è a cura di Sandro Parmiggiani . In esposizione venticinque fotografie scelte dei cicli : "Any Given Day" e "Lost in structures".
 
"Davide Weber - come scrive Parmiggiani nel testo di presentazione nel catalogo - è uno dei giovani fotografi che hanno qualcosa di peculiare da dire: la prova è che non si può passare accanto alle sue immagini senza esserne coinvolti e intrigati. Forse perchè, oltre a una ormai pienamente acquisita padronanza del mezzo tecnico, c'è sempre un pensiero che si può individuare nei suoi cicli di immagini, un pensiero, una linfa, un sangue che vi circolano dentro e che uniscono ciascuno dei capitoli della sua pur breve esperienza. E c'è, sopratutto, nelle fotografie di Weber, qualcosa di fondamentale: il desiderio autentico di valicare un confine, di andare incontro all'altro da sé, di indagare e capire la metamorfosi che il mondo sta subendo, ciò che inevitabilmente ha a che fare con la nostra storia passata, presente e futura."
 
Davide Weber nasce a Treviso nel Marzo 1983. Dal 2011 lavora come fotografo freelance con base a Parigi. Divide il suo tempo tra reportage a stampo socio-culturale e progetti d’arte espressiva. E’ stato fotografo ufficiale del blog dedicato a Parigi su “Il Fatto Quotidiano”, più volte pubblicato sulla rivista internazionale in rete “Cafè Babel”. Ha partecipato nel 2011 a Padova alla collettiva “I volti delle Povertà”, nel 2013 a Mogliano Veneto Centro d'Arte Brolo "il mio nome è 174517" giorno della memoria, sempre al Brolo alla bi-personale "Frammentimetropolitani" e a Trevignano "Fotografia" 4° Edizione. Vive e lavora a Parigi.

"Davide Weber - Labyrinth: puzzle metropolis"
Galleria Flaviostocco
Castelfranco Veneto (TV) - dal 6 al 27 ottobre 2013
+39 0423495661 , +39 0423495661 (fax)flaviostocco@tiscali.it www.flaviostocco.it

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.
Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.
Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro. Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criti…