Passa ai contenuti principali

Arte, il tributo di Artimino Contemporanea all’archi-star Zaha Hadid

La Ferdinanda e Florence Biennale protagoniste di esposizioni artistiche

Arte, il tributo di Artimino Contemporanea
all’archi-star Zaha Hadid

Al via domenica 24 aprile la mostra della toscana Franca Pisani che inaugura
la seconda edizione nella villa medicea patrimonio dell’Umanità Unesco


 
Artimino, 19 aprile 2016
 
Saranno le opere della pittrice e scultrice toscana Franca Pisani, a inaugurare la seconda edizione della rassegna “Artimino Contemporanea” organizzata dalla villa medicea “La Ferdinanda” e Florence Biennale, la biennale d’arte contemporanea di Firenze. Per il complesso di Artimino, un tempo residenza di caccia del Granduca Ferdinando I de’ Medici e oggi patrimonio mondiale dell’Umanità UNESCO, è il secondo ciclo di un progetto espositivo nato l’anno scorso in stretta collaborazione con Florence Biennale e che mira a trasformare la Villa dei Cento Camini in un luogo dove far dialogare arte, storia, natura, paesaggio ed eccellenze enogastronomiche.
 
E così, dopo le mostre di Giampaolo Talani, Andrea Roggi e Wessel Huisman, quest’anno l’onore di aprire “Artimino Contemporanea” va a una donna: Franca Pisani presenterà una retrospettiva dei suoi lavori dedicati alle più famose donne architetto, che ha avuto modo di ritrarre e conoscere personalmente. Tra queste, un cenno particolare merita il ritratto della celebre archi-star Zaha Hadid, recentemente scomparsa. L’esposizione si articola in una selezione di circa 30 ritratti di donne architetto.
 
Il vernissage della mostra di Franca Pisani è previsto per domenica 24 aprile alle ore 19 nel Salone degli Armigeri della villa di Artimino (Viale Papa Giovanni XXIII, 1-59015 Artimino, Prato): per l’occasione, verrà allestito un rinfresco con prodotti tipici locali. La mostra andrà avanti fino a domenica 1 maggio, e sarà visitabile dalle 10 alle 18,30, ingresso libero.
L’esposizione introduce il visitatore al mondo della Poesia Visiva, alla relazione tra spazio, immagine e parola, tra segno e significante: l’obiettivo dell’artista – che sin dagli anni Settanta fu tra le poche a misurarsi con questo concetto insieme a Ketty La Rocca o Lucia Marcucci – è creare un flusso empatico tra l’operazione linguistica e quella visivo-figurale. “Nasco dalla poesia visiva – spiega Franca Pisani – che rappresenta l’azzeramento e un nuovo linguaggio minimalista. Poi ho scoperto la magia dell’invenzione non solo intellettuale ma dell’ispirazione che per me, in preda ai fumi concettuali, è stata una rinascita”.
 
“Siamo molto contenti – aggiunge Jacopo Celona, Direttore di Florence Biennale – di poter aprire una nuova stagione di Artimino Contemporanea con un artista come Franca Pisani. Procediamo sul percorso intrapreso lo scorso anno che ha visto esporre in questa splendida location alcuni tra gli artisti più talentuosi dei nostri tempi. Con Franca, prima artista donna a esporre qui, si aggiunge un ulteriore tassello al progetto grazie a un artista che collega passato e futuro attraverso il segno archetipo, la parola e l’immagine”.
 
“Con Artimino Contemporanea – conclude Annabella Pascale, responsabile marketing del complesso mediceo – vogliamo realizzare una serie di eventi artistici culturali tesi a dar vita ad un luogo per la diffusione dell’arte e della cultura contemporanea, all’interno di una struttura che coniuga il passato storico di questi luoghi e le sue bellezze paesaggistiche ed enogastronomiche con la cultura dei giorni nostri”.
 
La rassegna Artimino Contemporanea 2016 è resa possibile grazie al sostegno del concessionario “BluScotti” di Empoli e Pontedera.

Info:
- Vernissage mostra personale Franca Pisani
- Domenica 24 aprile 2016, ore 19:00
- Presso Villa Medicea La Ferdinanda, Viale Papa Giovanni XXIII, 1 - 59015 Artimino – Carmignano (Prato)
- Ingresso Libero

Contatti:
Villa “La Ferdinanda”
Tel. +39 055 8751426/7/8 - villa@artimino.com
Ufficio stampa – Marco Gemelli 338.5624777
--
Florence Biennale
Tel. +39 055 3249173 – press@florencebiennale.org

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …