Passa ai contenuti principali

Arte, il tributo di Artimino Contemporanea all’archi-star Zaha Hadid

La Ferdinanda e Florence Biennale protagoniste di esposizioni artistiche

Arte, il tributo di Artimino Contemporanea
all’archi-star Zaha Hadid

Al via domenica 24 aprile la mostra della toscana Franca Pisani che inaugura
la seconda edizione nella villa medicea patrimonio dell’Umanità Unesco


 
Artimino, 19 aprile 2016
 
Saranno le opere della pittrice e scultrice toscana Franca Pisani, a inaugurare la seconda edizione della rassegna “Artimino Contemporanea” organizzata dalla villa medicea “La Ferdinanda” e Florence Biennale, la biennale d’arte contemporanea di Firenze. Per il complesso di Artimino, un tempo residenza di caccia del Granduca Ferdinando I de’ Medici e oggi patrimonio mondiale dell’Umanità UNESCO, è il secondo ciclo di un progetto espositivo nato l’anno scorso in stretta collaborazione con Florence Biennale e che mira a trasformare la Villa dei Cento Camini in un luogo dove far dialogare arte, storia, natura, paesaggio ed eccellenze enogastronomiche.
 
E così, dopo le mostre di Giampaolo Talani, Andrea Roggi e Wessel Huisman, quest’anno l’onore di aprire “Artimino Contemporanea” va a una donna: Franca Pisani presenterà una retrospettiva dei suoi lavori dedicati alle più famose donne architetto, che ha avuto modo di ritrarre e conoscere personalmente. Tra queste, un cenno particolare merita il ritratto della celebre archi-star Zaha Hadid, recentemente scomparsa. L’esposizione si articola in una selezione di circa 30 ritratti di donne architetto.
 
Il vernissage della mostra di Franca Pisani è previsto per domenica 24 aprile alle ore 19 nel Salone degli Armigeri della villa di Artimino (Viale Papa Giovanni XXIII, 1-59015 Artimino, Prato): per l’occasione, verrà allestito un rinfresco con prodotti tipici locali. La mostra andrà avanti fino a domenica 1 maggio, e sarà visitabile dalle 10 alle 18,30, ingresso libero.
L’esposizione introduce il visitatore al mondo della Poesia Visiva, alla relazione tra spazio, immagine e parola, tra segno e significante: l’obiettivo dell’artista – che sin dagli anni Settanta fu tra le poche a misurarsi con questo concetto insieme a Ketty La Rocca o Lucia Marcucci – è creare un flusso empatico tra l’operazione linguistica e quella visivo-figurale. “Nasco dalla poesia visiva – spiega Franca Pisani – che rappresenta l’azzeramento e un nuovo linguaggio minimalista. Poi ho scoperto la magia dell’invenzione non solo intellettuale ma dell’ispirazione che per me, in preda ai fumi concettuali, è stata una rinascita”.
 
“Siamo molto contenti – aggiunge Jacopo Celona, Direttore di Florence Biennale – di poter aprire una nuova stagione di Artimino Contemporanea con un artista come Franca Pisani. Procediamo sul percorso intrapreso lo scorso anno che ha visto esporre in questa splendida location alcuni tra gli artisti più talentuosi dei nostri tempi. Con Franca, prima artista donna a esporre qui, si aggiunge un ulteriore tassello al progetto grazie a un artista che collega passato e futuro attraverso il segno archetipo, la parola e l’immagine”.
 
“Con Artimino Contemporanea – conclude Annabella Pascale, responsabile marketing del complesso mediceo – vogliamo realizzare una serie di eventi artistici culturali tesi a dar vita ad un luogo per la diffusione dell’arte e della cultura contemporanea, all’interno di una struttura che coniuga il passato storico di questi luoghi e le sue bellezze paesaggistiche ed enogastronomiche con la cultura dei giorni nostri”.
 
La rassegna Artimino Contemporanea 2016 è resa possibile grazie al sostegno del concessionario “BluScotti” di Empoli e Pontedera.

Info:
- Vernissage mostra personale Franca Pisani
- Domenica 24 aprile 2016, ore 19:00
- Presso Villa Medicea La Ferdinanda, Viale Papa Giovanni XXIII, 1 - 59015 Artimino – Carmignano (Prato)
- Ingresso Libero

Contatti:
Villa “La Ferdinanda”
Tel. +39 055 8751426/7/8 - villa@artimino.com
Ufficio stampa – Marco Gemelli 338.5624777
--
Florence Biennale
Tel. +39 055 3249173 – press@florencebiennale.org

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…