Passa ai contenuti principali

In space no one can hear you laugh.

Il libro “Making World: Art and Science Fiction”, raccoglie saggi di artisti, curatori, storici dell’arte, professori e scrittori con una passione per l’arte e la fantascienza. Gli scritti sono legati dall’idea comune di usare la fantascienza come lente attraverso la quale il mondo, incluso quello dell’arte, può essere compreso in maniera nuova.

Gli artisti sono stati chiamati dunque a lavorare sul concetto di fantascienza e arte, legate silenziosamente nel corso della storia da una qualità comune e mai davvero presa in considerazione: entrambe sono infatti veicoli di creazione di mondi. Mondi nuovi, possibili, impossibili, utopici, sognati, immateriali, distrutti, alieni, o qualsiasi altra idea possa essere elencata in una lista delle infinite possibilità dell’immaginazione e della realtà stessa.

L’idea è di dare alla mostra la potenza della fantascienza, ovvero quella di trattare con le cose non ancora avvenute – con le immagini caricate di uno stato di futuro potenziale, o di spazi infusi di una radicale temporalità – che ci mette in contatto con la capacità di immaginare, e con la capacità dell’immaginario di costruire nuovi mondi. Questo è anche un processo esplicitamente politico. Proprio come l’artista australiano Tom Nicholson ha notato, la creazione di mondi è qualcosa che non è veramente importante solo per l'arte, ma anche per il nostro comportamento politico e sociale. Non dobbiamo per forza accettare il mondo com’è perché possiamo re-immaginarlo – e ridisegnarlo – diversamente.

La fantascienza diventa la fonte per capire il mondo e immaginare nuove possibilità, con un impatto visivo versatile che spazia su territori che comprendono il viaggio nel tempo, la geofilosofia, scenari post apocalittici, la materia nera, l’estetica aliena, la filologia, l’antropologia, la distopia, la telepatia, e così via.

Artisti:
Felicia Atkinson (Francia), Julius von Bismark (Germania), Marion Goix (Francia), Benjamin Maus (Germania), Enrico Boccioletti (Italia), CCH (Italia), Julian Charrière (Svizzera), Kasia Fudakowski (Regno Unito), Tue Greenfort (Danimarca), Elise Lammer (Svizzera), Tyra Tingleff (Norvegia), Alvaro Urbano (Spagna).

In space no one can hear you laugh
GALLERIA GIOVANNI BONELLI
Milano - dal 5 aprile al 14 maggio 2016
Via Luigi Porro Lambertenghi 6 (20159)
+39 0287246945
info@galleriagiovannibonelli.it
www.galleriagiovannibonelli.it

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…