Passa ai contenuti principali

Parole, libri e lettere: Henry James e l'Italia, Henry James e Roma

In occasione del centenario della morte di Henry James, il 28 settembre 2016, dalle ore 15.30 alle ore 19.30, il Polo Museale del Lazio diretto da Edith Gabrielli presenta, in collaborazione con il Centro per il libro e la lettura, una mostra curata da Maria Giuseppina Di Monte e Gottardo Pallastrelli in collaborazione con Emilia Ludovici e una giornata di studio dedicate al grande scrittore americano.

La mostra e la collegata giornata di studio rappresentano un tributo significativo e un omaggio alla memoria di Henry James che amò profondamente Roma, scenario frequentemente evocato nei suoi scritti più famosi.

Saranno esposti una selezione di rari volumi di opere jamesiane, per la maggior parte prime edizioni pubblicate fra fine Ottocento e inizio Novecento insieme a lettere inedite, provenienti da collezione privata italiana, scritte in un lungo arco temporale. Nella mostra saranno esposte anche fotografie e testi facenti parte della biblioteca del Museo.

Con la correlata giornata di studio, oltre ad approfondire la personalità umana e letteraria di Henry James e la sua fondamentale rilevanza nella letteratura fra Otto e Novecento, s’intende documentarne gli stretti e poco noti rapporti con l’Italia, Roma e la Casa Museo Andersen.

Allestita negli spazi della casa museo l’esposizione integra e approfondisce quella attualmente in corso “Femminile e femminino. Donne a casa Andersen” che sarà prolungata fino a domenica 8 gennaio 2017. Al tema della donna nei romanzi di James si collegano anche le letture e le proiezioni che arricchiranno la giornata di studi.


Giornata di studi e inaugurazione Mostra 28 settembre 2016 ore 15,30 – 19,30

Saluti del Direttore del Polo Museale del Lazio, Edith Gabrielli e del Direttore del Museo Hendrik Andersen, Maria Giuseppina Di Monte.

Saluti del Presidente e del Direttore del Centro per il libro e la lettura, Romano Montroni e Flavia Cristiano.


Interventi

Nadia Fusini, Henry James, dal balcone o sulla panchina

Flaminia Gennari Santori, “There was money in the air": Henry James e i collezionisti del suo     tempo

Michele Di Monte, Ever not quite. I fratelli James e la psicologia degli italiani

Claudio Zambianchi, Henry James, Walter Sickert e un'altra Venezia

Matteo Piccioni, Henry James e il museo tra realtà e finzione

Gottardo Pallastrelli, Henry James e il viaggio. Una lettera inedita

Emilia Ludovici, Considerazioni sulla mostra ‘Femminile e femminino. Donne a casa Andersen’



E' prevista la lettura di brani, tratti dai romanzi dedicati a Roma, a cura di Francesca Gatto (Centro per il libro e la lettura) e la proiezione di sequenze tratte dai film “Ritratto di Signora” di Jane Campion (1997) e“Daisy Miller” di Peter Bogdanovich (1974).



Museo Hendrik Christian Andersen
Via Pasquale Stanislao Mancini, 20
00196 Roma 
tel. +39 06 3219089
pm-laz.museoandersen@beniculturali.it
https://www.facebook.com/Museo-Hendrik-Christian-Andersen-161429973926958/timeline/
https://twitter.com/MuseoAndersen

Ufficio stampa del Polo Museale del Lazio
Marco Sala con Davide Latella
Piazza San Marco, 49
00186 Roma (Italia)
tel. +39 06 69994347 - 4204 - 4289
pm-laz.ufficiostampa@beniculturali.it 
www.polomusealelazio.beniculturali.it 
http://www.facebook.com/693717467310893 
https://twitter.com/pmlazio



Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…