Passa ai contenuti principali

Mostra di Raffaello a Mosca: “Quando invece il gioco vale la candela”

Comunicato-replica ad alcune errate affermazioni apparse ieri e oggi sulla stampa nazionale e locale in riferimento ai prestiti di opere delle Gallerie degli Uffizi per la mostra dedicata a Raffaello che si inaugura domani a Mosca. 


In relazione alla mostra su Raffaello, che si inaugura domani sera a Mosca, ieri sono stati pubblicati vari articoli sulla stampa nazionale e locale – poi ripresi da altre testate sul web - che contengono numerosi imprecisioni e errori, che la Direzione degli Uffizi intende correggere con questo comunicato.

In primo luogo la mostra “Raffaello. La Poesia del Volto” non è stata affatto concepita e organizzata in soli tre mesi. Questo lasso di tempo indica solo il periodo intercorso dalla data della sottoscrizione dell’accordo di collaborazione tra il museo Puškin e le Gallerie degli Uffizi. In genere infatti gli accordi istituzionali - diversamente dalle lettere di intento - sono firmati in corrispondenza alle fasi finali di preparazione di una mostra. Nel caso specifico, l’esposizione si trovava, al momento della firma, in fase organizzativa già da cinque mesi (periodo di tempo del tutto normale per una mostra con 11 opere). Ma la sua elaborazione culturale risale ben più indietro nel tempo: ad anni – se non decenni, ad esempio per quanto riguarda Lina Bolzoni – di ricerche svolte dagli autori del catalogo. Se lo si vorrà leggere – prima di esprimere trancianti giudizi aprioristici – si potranno apprezzare i numerosi e originali risultati scientifici in esso presentati. Infatti il rapporto tra pittura e poesia (che richiama il consueto detto oraziano ut pictura poēsis, che ha ispirato e permeato molti studi, in particolare a partire dagli anni Quaranta del Novecento) viene qui ripreso e declinato in relazione alla ritrattistica di Raffaello, per comprendere come già a partire dalla metà del Cinquecento si assista alla nascita di uno specifico lessico critico, dedicato alla elaborazione di una prima formulazione del significato e degli obiettivi più generali dell’arte dell’Urbinate. La scelta di una chiave di lettura così specifica è stata accolta dal Museo Puškin con grande entusiasmo al punto che, per comunicare un’immagine poetica dell’arte di Raffaello, nel risvolto di copertina del catalogo i colleghi russi hanno scelto un epigramma in latino di Girolamo Borgia, composto tra il 1516 e il 1520, affiancandolo ad una sua traduzione nella loro lingua. 

Inoltre, sulla stampa è stato erroneamente riportato che “i restauratori” hanno manifestato resistenze al prestito dei ritratti dei Coniugi Doni di Raffaello, della Galleria Palatina, e che perfino l’Opificio delle Pietre Dure si è “categoricamente” pronunciato contrario. Queste valutazioni, basate su alcuni brani ricavati da una relazione sullo stato di conservazione delle opere in questione, sono del tutto infondate: si è infatti stravolto il senso di questo documento, in quanto le frasi sono citate fuori contesto. La relazione fa parte di una pratica di verifica sulla possibilità di prestito delle opere d’arte, introdotta proprio dal nuovo direttore, Eike Schmidt, in accordo con il comitato scientifico delle Gallerie degli Uffizi, nella prima metà del corrente anno, procedura che prevede un esame tecnico-scientifico particolareggiato di ogni singola opera richiesta per mostre fuori sede, invece di una semplice dichiarazione del curatore, seguita da una scheda di catalogo, come era previsto in precedenza, con l’esame dello stato di conservazione effettuato solo al momento della partenza dell’opera.

A proposito dei ritratti dei coniugi Doni di Raffaello, la relazione redatta dal restauratore Roberto Bellucci, dell’Opificio delle Pietre Dure, afferma che “lo stato di conservazione delle due opere è sostanzialmente buono, così come appare la stabilità del colore” come premessa all'esame sistematico di ogni potenziale criticità, che quindi segue una valutazione positiva, ma che, come doveroso, illustra minuziosamente ogni singolo dettaglio, naturalmente delicato e da tenere in considerazione per l'età e per le caratteristiche specifiche di opere di tale preziosità. La relazione illustra inoltre i provvedimenti da adottare nell’eventualità del viaggio. Il restauratore non esclude “categoricamente” che le opere possano viaggiare (come si evince invece dall’errata citazione sulla stampa), ma scrive testualmente: “sarebbe categoricamente da escludere che viaggiassero in camion, per quanto ammortizzato si tratterebbe comunque di un viaggio di alcuni giorni continuamente”. Inoltre Bellucci sconsiglia giustamente “il viaggio in stiva di aereo” se “assemblate in pallet insieme ad altri involucri di vario genere”, ipotizzando invece un viaggio in cabina: e puntualmente è stato previsto un imballo specificamente studiato dal punto di vista della sicurezza e della conservazione per le opere in questione.

Come previsto dal regolamento, la relazione dell’Opificio delle Pietre Dure è servita come base di valutazione per accordare il prestito e come punto di partenza per definire le misure precauzionali da adottare per il trasporto delle opere. Naturalmente queste procedure sono state definite in stretto dialogo con i restauratori e i trasportatori. Dal momento che i dipinti sono realizzati su supporto ligneo, in particolar modo era necessario evitare eventuali sbalzi microclimatici, accorgimenti che si possono ottenere grazie a metodi e tecnologie precise.

Non sorprende quindi che dopo un viaggio in aereo durante il quale sono stati adottati tutti i provvedimenti di sicurezza del caso, i due ritratti Doni – e anche tutte le altre opere in mostra a Mosca – siano arrivati sani e salvi. Quod erat demonstrandum.


GALLERIE DEGLI UFFIZI
Piazzale degli Uffizi 6, 50122 Firenze – Tel. 055-23885
ga-uff@beniculturali.it; www.uffizi.beniculturali.it



Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…