Passa ai contenuti principali

ARTE per non dormire • Pontedera e oltre • XXI secolo

ARTE per non dormire • Pontedera e oltre • XXI secolo , una mostra negli spazi di Villa Crastan con opere, bozzetti e suggestive installazioni che hanno animato Pontedera negli ultimi anni.

Giovedì 15 dicembre - ore 19 - Villa Crastan .  Appuntamento durante il quale prende il via un anno importante per storia culturale di Pontedera

PONTEDERA: DA VITTORIO SGARBI A MARCO LODOLA, PASSANDO PER BAJ
Un anno - il 2017 -  all’insegna dell’arte per la Città di Pontedera, da oltre dieci anni impegnata nel creare un percorso culturale attraverso l’arte contemporanea

Dall’installazione dei tre elefanti alla rotatoria di snodo della strada di grande comunicazione Firenze-Pisa-Livorno, dal titolo Viaggiando Viaggiando di Alberto Bartalini, a Enrico Baj che nel 2006 scelse Pontedera per una delle più grandi installazioni concepite durante la sua straordinaria carriera artistica, passando per Ugo Nespolo, Nado Canuti, Giuliano Vangi, Pietro Cascella, Kan Yasuda, Arturo Carmassi, Simon Benetton (recentemente scomparso) e tanti altri, sono moltissimi i protagonisti della grande arte che in questi anni hanno toccato la città.

Un progetto coraggioso e unico che ha visto alternarsi artisti di fama internazionale in un percorso che ormai dura da oltre dieci anni. «Non avremmo mai pensato – dice il Sindaco di Pontedera Simone Millozzi – quando il Comune ha dato il via a questa operazione che l’attrazione sarebbe cresciuta così tanto da far diventare la città un centro di scambio artistico e culturale di alto livello. Questo dimostra che la bellezza è un obiettivo che si può raggiungere attraverso la caparbietà e la costanza».

Un anniversario importante che il Comune ha deciso di celebrare per un intero anno con ARTE per non dormire • Pontedera e oltre • XXI secolo che chiamerà a raccolta artisti e uomini di cultura per un ciclo di eventi straordinario durante il 2017.

Il progetto - presentato alla cittadinanza e alla stampa lo scorso 21 ottobre presso gli spazi di Villa Crastan - sarà finalmente inaugurato il 15 dicembre alle 19 con una mostra di immagini - sempre negli spazi di Villa Crastan - opere, bozzetti e suggestive installazioni che hanno animato Pontedera negli ultimi anni

Il progetto proseguirà poi con diverse tappe di rilievo a livello nazionale e non solo come l’installazione delle  Biancherie di Alberto Bartalini collocate in due rotonde all’ingresso della città e sponsorizzate da Reica Luminarie • Reica Group.

A primavera 2017 una grande mostra arriverà in città con le opere luminose di Marco Lodola e il convegno sull’arte urbana animato da Vittorio Sgarbi, per seguire poi con una particolarissima installazione in Piazza Duomo dell’artista pontederese BABB (Giorgio Dal Canto), sponsorizzata da Giuseppe Diomelli.

Sono però molte altre le mostre e gli eventi che nei prossimi 12 mesi animeranno la città, con artisti di fama internazionale, ma anche con giovani promesse. Iniziative che saranno poi racchiuse in un volume che uscirà alla conclusione di questo ciclo. 

A tal proposito dice il regista Alberto Bartalini «Il 2017 sarà caratterizzato da altri appuntamenti che per adesso non sveliamo, ma che racchiudiamo sotto il titolo di “Varie ed Eventuali”, ossia la ricerca di nuove eccellenze, giovani e non, sul panorama della sperimentazione artistica».

Il tutto è stato voluto e promosso dal Comune di Pontedera, ed è stato reso possibile grazie al sostegno di importanti partner come Fondazione Pisa, Ecofor, Toscana Pallets, Ideal Forme 2000, Giannoni&Santoni, Reica Luminarie•Reica Group, Bandecchi & Vivaldi e Toscana Energia. 

«Arte come sintesi di ragione e fantasia, stimolo forte per non lasciarsi andare all’indifferenza. Arte per non dormire» ha affermato il curatore generale del progetto, il critico e storico dell’arte Ilario Luperini.

Dunque appuntamento imperdibile quello di giovedì 15 dicembre, alle 19, a Villa Crastan. Appuntamento durante il quale prende il via un anno importante per storia culturale di Pontedera. 

Info
T. 0587.2999620

Post popolari in questo blog

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Tadao Cern, Okiiko & Blood Concept nel nuovo spazio CONTEMPORARY CLUSTER #05

Apre il 25 novembre 2017, alle ore 19.00, la stagione di Contemporary Cluster nella nuova sede romana di  Palazzo Cavallerini Lazzaroni, in Via dei Barbieri al civico sette.
Contemporary Cluster #05 proporrà l'arte visiva di Tadao Cern , il design di  Okiiko e le fragranze di Blood Concept per un'esperienza percettiva corale e unica.
In occasione della mostra verrà inoltre presentato il magazine Flewid, creato da Emi Marchionni, con Angelo Cricchi in qualità di Creative Director e Cecile De Montparnasse come Art Director, distribuito in Italia e all'estero dalla Pineapple Media Limited.
Sebastien Bromberger accompagnerà tutta la serata con una accurata selezione musicale. Per l'apertura del nuovo spazio di Via dei Barbieri, Contemporary Cluster presenta per la prima volta al pubblico italiano la personale di Tadao Cern (Vilnius, 1983), giovane artista lituano con all'attivo numerose mostre personali e partecipazioni a collettive in Europa e negli Stati Uniti: tra le al…

Il Ponte Casa d'Aste presenta l'Asta di Fotografia "Da Luigi Ghirri a Tracey Emin"

Ad aprire la stagione primaverile delle aste in Palazzo Crivelli sarà il neonato dipartimento di Fotografia, con una selezione di circa 300 lotti dei più celebri nomi nazionali ed internazionali.
Tra i fotografi italiani della seconda metà del '900 Luigi Ghirri è presente con undici dei suoi scatti più iconici, alcuni di questi stampati nel 1992, anno della sua morte, in occasione della mostra "Luigi Ghirri, Versailles" a Parigi ed esposti anche nella retrospettiva dell'autore tenutasi nel 2013 al MAXXI.
Di Gabriele Basilico e Berengo Gardin andranno all'incanto alcuni lavori dedicati alle architetture e ai parchi di Milano; di Mario Giacomelli una decina di scatti e la serie Pretini (val. 3.000 - 3.500 €); di Mimmo Jodice alcune delle immagini più rappresentative nelle quali la mitologia e la statuaria classica ritrovano energia espressiva grazie al forte contrasto di luci e ombre che caratterizza i suoi lavori.
Il bianco e nero torna nel tuffatore di Nino Migliori