Passa ai contenuti principali

ArtVerona 2017

La 13ª edizione di ArtVerona ribadisce la sua identità di fiera che da sempre dà spazio e voce al migliore sistema italiano, ponendo l'attenzione sulle giovani leve, che siano artisti, collezionisti o galleristi.

E sotto la nuova direzione artistica cattura l'interesse di nuove e interessanti realtà di mercato, proseguendo quell'attività di scouting e ricerca che ne caratterizzano il profilo e la visione. 
Forte di una selezione di 140 gallerie, di cui 30 presenti per la prima volta a Verona , alle quali si aggiungono le 14 nuove realtà indipendenti e le 20 del settore editoria.

Focus dell'edizione è Viaggio in Italia #backtoitaly, a sottolineare la vocazione italiana della manifestazione che, con una virata verso l'internazionalizzazione, ospiterà tra le altre gallerie straniere con sede in Italia e gallerie italiane che hanno aperto all'estero, in sinergia con l'intero sistema dell'arte.

Nei due padiglioni, tradizionalmente dedicati al Moderno e al Contemporaneo, sono cinque le sezioni espositive: Grand Tour e Scouting, novità di quest'anno, Main Section, Raw Zone e i8-spazi indipendenti.

Quest'ultima sezione, il cui format è ideato da Cristiano Seganfreddo e che quest'anno vede la partnership del MAXXI- Museo nazionale delle arti del XXI secolo di Roma, da otto anni dà spazio e visibilità in fiera a collettivi e associazioni che si muovono in maniera autonoma rispetto al sistema istituzionale, spesso catalizzatori di nuove tendenze.

Con il 2017 la vocazione di ArtVerona a promuovere i circuiti più indipendenti si allarga a un nuovo progetto, Free Stage che, da un'idea di Adriana Polveroni, vedrà coinvolti tre giovani artisti, Lula Broglio, Amos Cappucccio e Antonio Della Guardia, presentati da artisti della generazione precedente, quali H.H. Lim, artista sino-malese, arrivato in Italia a 18 anni per studiare all'Accademia di Belle Arti di Roma e da allora rimasto stabilmente nel nostro Paese, Giuseppe Pietroniro e Daniele Puppi, già insieme nel progetto indipendente "There is no place like home".

Questa scelta non vuole marginalizzare il ruolo del curatore, né della galleria, ma intende rispondere a un'esigenza registrata tra gli artisti di rimpossessarsi di una propria centralità e della possibilità di un confronto diretto, non mediato dal sistema. Una delle urgenze maggiormente avvertita oggi dagli artisti è, infatti, spesso il bisogno di tornare a essere il soggetto attivo della ricerca e di ritracciare la propria identità al di là dei vincoli imposti dal mercato.


Potenzialmente interessante il lavoro di Amos Cappuccio perché mi sembra indaghi con precisione sperimentale le potenzialità misteriose del suono e dello spazio percettivo  Daniele Puppi

L' attenzione all'opera di Antonio Della Guardia viene sviluppata attraverso una vasta gamma di linguaggi espressivi, tentando di ribaltare tramite minimi interventi le imposizioni legate all'individuo e alla sua narrazione di vita. H. H. Lim

L'attenzione visionaria e surreale e l'utilizzo dell'aspetto ludico e la monumentalità dei lavori. Lula Broglio, con le sue Barche Solari rievoca l'utopia delle macchine futuriste. G. Pietroniro

ArtVerona 2017
Veronafiere | padiglioni 11 e 12 Ingresso: Re Teodorico, Viale dell'Industria 
Uscita autostradale consigliata: Verona Sud | A4 Milano-Venezia 
da venerdì 13 a lunedì 16 Ottobre 2017 - Inaugurazione: venerdì 13 dalle ore 11.00 alle 14.00 (su invito) 
Informazioni: tel.+39 045 829 8204 - staff@artverona.it - www.artverona.it

Post popolari in questo blog

Il Ponte Casa d'Aste presenta l'Asta di Fotografia "Da Luigi Ghirri a Tracey Emin"

Ad aprire la stagione primaverile delle aste in Palazzo Crivelli sarà il neonato dipartimento di Fotografia, con una selezione di circa 300 lotti dei più celebri nomi nazionali ed internazionali.
Tra i fotografi italiani della seconda metà del '900 Luigi Ghirri è presente con undici dei suoi scatti più iconici, alcuni di questi stampati nel 1992, anno della sua morte, in occasione della mostra "Luigi Ghirri, Versailles" a Parigi ed esposti anche nella retrospettiva dell'autore tenutasi nel 2013 al MAXXI.
Di Gabriele Basilico e Berengo Gardin andranno all'incanto alcuni lavori dedicati alle architetture e ai parchi di Milano; di Mario Giacomelli una decina di scatti e la serie Pretini (val. 3.000 - 3.500 €); di Mimmo Jodice alcune delle immagini più rappresentative nelle quali la mitologia e la statuaria classica ritrovano energia espressiva grazie al forte contrasto di luci e ombre che caratterizza i suoi lavori.
Il bianco e nero torna nel tuffatore di Nino Migliori

Campania Mirabilis

Mercoledì 20 giugno alle 17.00, presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica Campania Mirabilis, a cura di Gabriella Ibello con foto di Monica Biancardi, Antonio Biasiucci, Stefano Cerio, Alessandro Cimmino, Raffaela Mariniello, Pino Musi, Luciano Romano e Luigi Spina
La mostra, promossa dall’associazione culturale Nuovorinascimento con il Patrocinio del MIBACT, Reggia di Caserta, Comune di Caserta e con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, sarà visitabile fino al 18 Luglio 2018.
Campania Mirabilis nasce da un’idea di Gabriella Ibello come progetto fotografico di osservazione, documentazione e ricerca sul patrimonio culturale e paesaggistico della Campania. Dopo Castel dell’Ovo, la mostra segna con la Reggia di Caserta la seconda tappa del Grand Tour della fotografia contemporanea che guarda al paesaggio e ai beni culturali. 
Il dialogo tra la Reggia vanvitelliana e la fotografi…

Maurizio Cilli protagonista di #WunderKit

Oggetti misteriosi, oggetti trovati per strada, regalati, rubati, oggetti presi dalla loro cassetta degli attrezzi, talismani e odradek autobiografici, oggetti totalmente inutili ma belli, oggetti transitori e anti-stress, oggetti che odorano di nuovo e oggetti antichi, oggetti che perseguitano, che ispirano. Due volte al mese, all’ora dell’aperitivo, BASE Milano presenta #WunderKit, un momento di incontro informale con un artigiano creativo per raccontare al pubblico gli oggetti che compongono il suo personale kit di mirabilia.


Giovedì 10 maggio, dalle ore 19.00 alle ore 20.00, l’appuntamento sarà con l’artista e architetto Maurizio Cilli che - proprio all’interno del programma di residenza artistica proposto da BASE nell’ambito della mostra 999 domande sull’abitare contemporaneo presentata a La Triennale di Milano - ha dato vita al progetto “senza casa, senza cosa?” dedicato a uno dei fenomeni più urgenti delle grandi città: il disagio estremo di chi vive senza una casa.
Un progetto c…