Passa ai contenuti principali

ArtVerona 2017

La 13ª edizione di ArtVerona ribadisce la sua identità di fiera che da sempre dà spazio e voce al migliore sistema italiano, ponendo l'attenzione sulle giovani leve, che siano artisti, collezionisti o galleristi.

E sotto la nuova direzione artistica cattura l'interesse di nuove e interessanti realtà di mercato, proseguendo quell'attività di scouting e ricerca che ne caratterizzano il profilo e la visione. 
Forte di una selezione di 140 gallerie, di cui 30 presenti per la prima volta a Verona , alle quali si aggiungono le 14 nuove realtà indipendenti e le 20 del settore editoria.

Focus dell'edizione è Viaggio in Italia #backtoitaly, a sottolineare la vocazione italiana della manifestazione che, con una virata verso l'internazionalizzazione, ospiterà tra le altre gallerie straniere con sede in Italia e gallerie italiane che hanno aperto all'estero, in sinergia con l'intero sistema dell'arte.

Nei due padiglioni, tradizionalmente dedicati al Moderno e al Contemporaneo, sono cinque le sezioni espositive: Grand Tour e Scouting, novità di quest'anno, Main Section, Raw Zone e i8-spazi indipendenti.

Quest'ultima sezione, il cui format è ideato da Cristiano Seganfreddo e che quest'anno vede la partnership del MAXXI- Museo nazionale delle arti del XXI secolo di Roma, da otto anni dà spazio e visibilità in fiera a collettivi e associazioni che si muovono in maniera autonoma rispetto al sistema istituzionale, spesso catalizzatori di nuove tendenze.

Con il 2017 la vocazione di ArtVerona a promuovere i circuiti più indipendenti si allarga a un nuovo progetto, Free Stage che, da un'idea di Adriana Polveroni, vedrà coinvolti tre giovani artisti, Lula Broglio, Amos Cappucccio e Antonio Della Guardia, presentati da artisti della generazione precedente, quali H.H. Lim, artista sino-malese, arrivato in Italia a 18 anni per studiare all'Accademia di Belle Arti di Roma e da allora rimasto stabilmente nel nostro Paese, Giuseppe Pietroniro e Daniele Puppi, già insieme nel progetto indipendente "There is no place like home".

Questa scelta non vuole marginalizzare il ruolo del curatore, né della galleria, ma intende rispondere a un'esigenza registrata tra gli artisti di rimpossessarsi di una propria centralità e della possibilità di un confronto diretto, non mediato dal sistema. Una delle urgenze maggiormente avvertita oggi dagli artisti è, infatti, spesso il bisogno di tornare a essere il soggetto attivo della ricerca e di ritracciare la propria identità al di là dei vincoli imposti dal mercato.


Potenzialmente interessante il lavoro di Amos Cappuccio perché mi sembra indaghi con precisione sperimentale le potenzialità misteriose del suono e dello spazio percettivo  Daniele Puppi

L' attenzione all'opera di Antonio Della Guardia viene sviluppata attraverso una vasta gamma di linguaggi espressivi, tentando di ribaltare tramite minimi interventi le imposizioni legate all'individuo e alla sua narrazione di vita. H. H. Lim

L'attenzione visionaria e surreale e l'utilizzo dell'aspetto ludico e la monumentalità dei lavori. Lula Broglio, con le sue Barche Solari rievoca l'utopia delle macchine futuriste. G. Pietroniro

ArtVerona 2017
Veronafiere | padiglioni 11 e 12 Ingresso: Re Teodorico, Viale dell'Industria 
Uscita autostradale consigliata: Verona Sud | A4 Milano-Venezia 
da venerdì 13 a lunedì 16 Ottobre 2017 - Inaugurazione: venerdì 13 dalle ore 11.00 alle 14.00 (su invito) 
Informazioni: tel.+39 045 829 8204 - staff@artverona.it - www.artverona.it

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.
Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.
Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro. Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criti…