Passa ai contenuti principali

ArtVerona 2017

La 13ª edizione di ArtVerona ribadisce la sua identità di fiera che da sempre dà spazio e voce al migliore sistema italiano, ponendo l'attenzione sulle giovani leve, che siano artisti, collezionisti o galleristi.

E sotto la nuova direzione artistica cattura l'interesse di nuove e interessanti realtà di mercato, proseguendo quell'attività di scouting e ricerca che ne caratterizzano il profilo e la visione. 
Forte di una selezione di 140 gallerie, di cui 30 presenti per la prima volta a Verona , alle quali si aggiungono le 14 nuove realtà indipendenti e le 20 del settore editoria.

Focus dell'edizione è Viaggio in Italia #backtoitaly, a sottolineare la vocazione italiana della manifestazione che, con una virata verso l'internazionalizzazione, ospiterà tra le altre gallerie straniere con sede in Italia e gallerie italiane che hanno aperto all'estero, in sinergia con l'intero sistema dell'arte.

Nei due padiglioni, tradizionalmente dedicati al Moderno e al Contemporaneo, sono cinque le sezioni espositive: Grand Tour e Scouting, novità di quest'anno, Main Section, Raw Zone e i8-spazi indipendenti.

Quest'ultima sezione, il cui format è ideato da Cristiano Seganfreddo e che quest'anno vede la partnership del MAXXI- Museo nazionale delle arti del XXI secolo di Roma, da otto anni dà spazio e visibilità in fiera a collettivi e associazioni che si muovono in maniera autonoma rispetto al sistema istituzionale, spesso catalizzatori di nuove tendenze.

Con il 2017 la vocazione di ArtVerona a promuovere i circuiti più indipendenti si allarga a un nuovo progetto, Free Stage che, da un'idea di Adriana Polveroni, vedrà coinvolti tre giovani artisti, Lula Broglio, Amos Cappucccio e Antonio Della Guardia, presentati da artisti della generazione precedente, quali H.H. Lim, artista sino-malese, arrivato in Italia a 18 anni per studiare all'Accademia di Belle Arti di Roma e da allora rimasto stabilmente nel nostro Paese, Giuseppe Pietroniro e Daniele Puppi, già insieme nel progetto indipendente "There is no place like home".

Questa scelta non vuole marginalizzare il ruolo del curatore, né della galleria, ma intende rispondere a un'esigenza registrata tra gli artisti di rimpossessarsi di una propria centralità e della possibilità di un confronto diretto, non mediato dal sistema. Una delle urgenze maggiormente avvertita oggi dagli artisti è, infatti, spesso il bisogno di tornare a essere il soggetto attivo della ricerca e di ritracciare la propria identità al di là dei vincoli imposti dal mercato.


Potenzialmente interessante il lavoro di Amos Cappuccio perché mi sembra indaghi con precisione sperimentale le potenzialità misteriose del suono e dello spazio percettivo  Daniele Puppi

L' attenzione all'opera di Antonio Della Guardia viene sviluppata attraverso una vasta gamma di linguaggi espressivi, tentando di ribaltare tramite minimi interventi le imposizioni legate all'individuo e alla sua narrazione di vita. H. H. Lim

L'attenzione visionaria e surreale e l'utilizzo dell'aspetto ludico e la monumentalità dei lavori. Lula Broglio, con le sue Barche Solari rievoca l'utopia delle macchine futuriste. G. Pietroniro

ArtVerona 2017
Veronafiere | padiglioni 11 e 12 Ingresso: Re Teodorico, Viale dell'Industria 
Uscita autostradale consigliata: Verona Sud | A4 Milano-Venezia 
da venerdì 13 a lunedì 16 Ottobre 2017 - Inaugurazione: venerdì 13 dalle ore 11.00 alle 14.00 (su invito) 
Informazioni: tel.+39 045 829 8204 - staff@artverona.it - www.artverona.it

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …