Passa ai contenuti principali

Premiazione dei 47 finalisti della terza edizione del Premio internazionale d’arte contemporanea LYNX

Sabato 23 settembre 2017 alle ore 11 si terrà a Trieste presso la sala Teatro Piccola Fenice gestita dal Circolo aziendale Fincantieri-Wärtsilä (via San Francesco D’Assisi, 5) la premiazione dei 47 finalisti della terza edizione del Premio internazionale d’arte contemporanea LYNX. L’evento è promosso dall’Associazione Culturale Il Sestante e curato da Enea Chersicola e Riccardo Tripodi con la partnership di Franco Rosso Editore.

Quasi trecento quest’anno sono stati gli iscritti provenienti da trentacinque nazioni. Ottantotto le opere preselezionate dalla giuria internazionale tra le quali sono state successivamente definite le quarantasette finaliste.

Durante la cerimonia verranno assegnati i primi premi per le categorie di pittura, fotografia, digital art e grafica. Saranno indicati inoltre i vincitori dei premi speciali (Be Art Builder, Biafarin e TST). A sottolineare l’attenzione dell’organizzazione verso gli artisti più giovani, verrà assegnato anche quest’anno un premio speciale Under 21 e un premio giovani conferito dal Consiglio regionale della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. 

Alle ore 17.00, si terrà presso la Lux Art Gallery (via Cecilia De Rittmeyer 7/a, Trieste) l’inaugurazione della prima mostra che ospiterà le opere dei finalisti. L’organizzazione del Premio LYNX ha progettato quest’anno tre esposizioni in diverse sedi: dopo la mostra presso la Lux Art Gallery, le opere si sposteranno ad Ajdovščina (Slovenia) ospiti della Lokarjeva Galerija, successivamente saranno esposte a Livorno presso il Cisternino di Città. 

L’iniziativa promossa dall’Associazione Culturale Il Sestante ha avuto la collaborazione del Comune di Livorno ed è stata patrocinata dal Comune di Trieste e dal Consiglio Regionale del Friuli Venezia Giulia, nonché dal Comune di Ajdovščina e dal Museo Ugo Guidi di Forte dei Marmi.

Gli artisti finalisti sono:

Arianna Bosa, Justyna Adamczyk, Dario Agrimi, Rodolfo Angelosante, Rossella Bianchi, Lino Budano, Michael Busse, Stefano Cescon, Elisa Cornacchia, Peppe Denaro, Didymos, Carlo D'Orta, Carlo Ferrara, Veronica Figus, Foto Marvellini, Irene Gittarelli, Darius Grazenas, Janusz Jurek, Nadezhda Kashina, Vladimir Lalic, Lina Leoni, Fabio Costantino Macis, Monica Mangili, Giovanni Mantovani, Carlos Mendoza, Marta Moretto, Kei Nagayoshi, Barbara Nati, Riccardo Giovanni Patriarca, Guido Persico, G.RIOT Gruppo Artisti Emergenti, Samira Pishnamazi, Giovanni Presutti, Davide Prevosto, Vincenzo Punzo, Neda Rahi, Paola Rizzi, Antonella Romano, Thomas W. Schaller, Fereshteh Setayesh, Tina Sgrò, Andrea Solaja, Li Sun, Ricardo Aleodor Venturi, Vittorio Venturini, Anna Zarshin, Francesco Zefferino.

Sul sito www.premiolynx.com saranno online dopo l’inaugurazione assieme alle immagini della premiazione le immagini relative alle opere finaliste e vincitrici. Sul sito del Premio Lynx sarà possibile inoltre trovare informazioni utili alla visita di ciascuna delle tre mostre in programma.

Il catalogo, realizzato da Franco Rosso Editore, sarà disponibile in galleria o tramite richiesta all’indirizzo associazioneilsestante@gmail.com. L’esposizione presso la Lux Art Gallery sarà visitabile fino a domenica 15 ottobre con i seguenti orari: dom e lun 18.00-20.00, mar gio ven 17.00-20.00, sab  10.30-12.30 / 17.00-20.00, ingresso libero.


Associazione Culturale Il Sestante
Via Tivarnella, 5
34132 – Trieste

associazioneilsestante@gmail.com
tel. 389-6774508
www.premiolynx.com 

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …