Passa ai contenuti principali

13^ edizione di ArtVerona

La stagione delle grandi mostre apre con i Collateral della 13^ edizione di ArtVerona | Art Project Fair, che si tiene a Verona dal 13 al 16 ottobre e coinvolge gran parte delle istituzioni cittadine in progettualità che vedono la partecipazione di artisti internazionali.

Alla Galleria d'Arte Moderna A. Forti - Palazzo della Ragione è in programma dal 13 ottobre al 28 gennaio la mostra, ideata da Adriana Polveroni e co curata con Patrizia Nuzzo, Il mio corpo nel tempo.Lüthi, Ontani, Opalka che indaga il concetto del tempo e il suo disvelarsi nel corpo, attraverso i percorsi e le opere dei tre artisti.

Il susseguirsi delle immagini, nelle quali a volte con fatica si riconosce l'uomo odierno, rivela un percorso artistico di estrema coerenza e di grande fascino, dall'inizio fino ad oggi, ciascuno secondo il proprio linguaggio. Rigorosamente formale e quasi minimalista, nel caso di Opalka. Libero e con accenti ironici, che spazia dalla fotografia all'installazione per Lüthi. Quasi barocco, saturo di colori e volutamente citazionista per Ontani.


Iconofilia e iconoclastia sono i temi della mostra Iconoclash. Il conflitto delle immagini , al Museo di Castelvecchio dal 13 ottobre al 7 gennaio, curata da Antonio Grulli in collaborazione con i collezionisti Diego Bergamaschi e Marco Martini (Eddy Merckx), questo progetto, che vede 33 opere date in prestito da 21 collezionisti del Consorzio Collezionisti delle Pianure nato nei mesi scorsi con ArtVerona, intende mettere al centro la figura del collezionista, imprescindibile protagonista del sistema dell'arte, per proseguire il confronto già avviato nelle passate edizioni.

Una mostra che riflette sull'uso e le potenzialità dell'immagine, spesso negate, attraverso le opere diun gruppo di artisti, quali Jiri Kolar, Giulia Cenci, Matteo Rubbi, Mandla Reuter, Simon Sterling, Stefano Arienti, Mimmo Jodice, Alessandro di Pietro, Vincenzo Simone, Paolo Gioli, Fabio Mauri, Gianni Politi, Jesse Ash, Nicola Samorì, Ketty la Rocca, Davide Trabucco, in dialogo con le collezioni e gli spazi espositivi del Museo di Castelvecchio.


Ospite d'eccezione a Verona durante la fiera, sabato 14 ottobre alle 21.00, Daniel Spoerri con un Banchetto Palindromo , esclusiva cena-performance, organizzata in collaborazione con la Galleria Boxart di Verona (evento a pagamento e su prenotazione; massimo 100 posti) e patrocinato dal Comune di Verona. 

L'evento propone la versione "palindroma" del banchetto, la più complicata da realizzare, di fatto concretizzatasi solo altre due volte nella carriera di Spoerri e mai in Italia. La cornice scelta è lo storico Palazzo dei Mutilati dove verrà inaugurata la sera stessa una mostra personale dell'artista dal titolo Riordinare il mondo, a cura di Marco Bazzini.


Non sono però soltanto i musei i luoghi deputati all'arte e alla cultura: Festival Veronetta è il programma di installazioni, mostre, dj set, performance, workshop e talk, che, passando da luoghi istituzionali come la Soprintendenza, l'Università, l'ESU e il Teatro Camploy, coinvolge associazioni come Morse per la IV^ edizione del Path Festival, e, per La seconda notte di quiete curata da Christian Caliandro, esercizi commerciali, botteghe, bar e osterie dell'omonimo quartiere, ricco di storia e dalla forte identità, a due passi dal centro città.

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Dardano, il cavaliere dal mantello svolazzante

Domenica 17 marzo, dalle ore 10:30, presso il Museo della Città e del Territorio di Cori (LT), si volgerà l’ultimo appuntamento del ciclo di letture animate e laboratori per le famiglie “Che Mito! Storie e leggende dalla collezione museale e dal territorio”. Il progetto è ideato e realizzato dall’associazione culturale Arcadia nell’ambito dei Servizi Educativi del Museo, con la collaborazione della “Libreria Anacleto” di Cisterna di Latina ed “Utopia 2000” Società Cooperativa Sociale Onlus, patrocinato dal Comune di Cori.
Protagonisti dell’incontro saranno i fondatori mitici dell’antica Cora (tra i quali Dardano) e le copie delle monete coniate nel III secolo a.C. raffiguranti al rovescio un cavaliere all’assalto con lancia, corta spada, mantello e petaso, in cui è presente la scritta “CORANO”. Probabilmente la figura simboleggia il fondatore mitico della città.
Nella sezione relativa ai miti di fondazione si ascolteranno i tre filoni leggendari sulla nascita di Cori: Plinio e Solino, r…