Passa ai contenuti principali

From Ruins to Rust

Il giorno giovedì 21 settembre 2017, dalle 18 alle 20,30, Davide Gallo arte contemporanea ha il piacere di inaugurare la mostra personale dell’artista Adeela Suleman, dal titolo “From Ruins to Rust”. Prima di una serie di mostre che per tutto il 2017/18 la galleria desidera dedicare alle donne artiste, al loro lavoro intellettuale, politico, filosofico.

Nata a Karachi nel 1970, dopo una carriera oramai universalmente nota, che include prestigiose mostre internazionali, la Suleman giunge a Milano con un nuovo corpo di lavori. Per l’artista non esiste una linea di demarcazione tra il “quotidiano” e la “storia”, tra il macrocosmo della politica globale e il microcosmo della vita di tutti i giorni. Ecco che da sempre, utilizzando oggetti di uso quotidiano, la Suleman costruisce istallazioni, sculture che rimandano e denunciano fatti del nostro tempo. In una prima fase l’artista utilizzava ad esempio, pentole, coperchi, stoviglie, normali oggetti da cucina trovati nei mercati di Karachi, per creare elmetti, strutture protettive da indossare, metaforicamente, per difendere il capo… la difesa dalla violenza, da un eventuale attacco, è un elemento molto presente nell’opera della Suleman. 

Successivamente ha elaborato altre formule linguistiche, ma sempre senza mai dimenticare l’origine “quotidiana” della materia usata, come per esempio una lega di acciaio leggero adoperata in Pakistan per creare plaquette decorative per auto e scooter, con cui l’artista ha realizzato sculture a muro dalle complesse iconografie, che rimandano sia alla mitologia induista, che a quella mussulmana e talvolta cristiana. Bisogna sottolineare che nel lavoro della Suleman ha molta importanza la questione dello scontro-incontro tra culture e religioni diverse. Il subcontinente indiano è storicamente terra di scontro tra mussulmani e induisti, e le opere della Suleman evocano l’idea -la speranza- di un nuovo melting pot culturale che sappia essere sovranazionale e interreligioso. Ultimamente la Suleman, in modo ironico e sagace, approccia ancora una nuova esperienza estetica: raccogliendo vecchi piatti da esposizione, interviene, decorando ulteriormente la parte interna con figure tratte dall’immaginario cavalleresco, sia occidentale che orientale. 

Nell’eterno scontro tra occidente e oriente, tra crociati ed infedeli, tra culture diverse, il piatto, l’oggetto comune, ironicamente investito di esperienza comunicativa, denuncia l’assurdità, il grottesco di questa lotta che non è una lotta tra bene e male, come l’élite politiche da sempre hanno volto farci intendere, ma una lotta tra le due facce della medesima medaglia, cioè la violenza, la prevaricazione, lo sfruttamento ideologico per l’interesse economico. Cavalieri islamici, i mitici Mubarizuns, affrontano cavalieri crociati in scontri tanto violenti quanto grotteschi, non c’è vinto né vincitore ma solo la violenza che giustifica se stessa. E in conclusione, citando l’artista: “Il mio interesse è cresciuto nella tensione tra la bellezza naturale, la violenza sempre presente, e il caos che sembrano essere un impianto permanente dell’intera umanità, delle culture, delle religioni e della storia stessa. Il ciclo continuo e crescente della violenza e degli sconvolgimenti che colpiscono il Pakistan non solo sta lasciando il segno nella consapevolezza e nei ricordi degli individui, ma ha cominciato a penetrare in ogni spazio e paesaggio delle esperienze quotidiane del cittadino, e della coscienza collettiva.”

La mostra sarà visitabile tutti i giorni dal 22 al 30 settembre, dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 19. Dal 3 ottobre al 10 novembre per appuntamento.

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.
Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.
Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro. Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criti…