Passa ai contenuti principali

From Ruins to Rust

Il giorno giovedì 21 settembre 2017, dalle 18 alle 20,30, Davide Gallo arte contemporanea ha il piacere di inaugurare la mostra personale dell’artista Adeela Suleman, dal titolo “From Ruins to Rust”. Prima di una serie di mostre che per tutto il 2017/18 la galleria desidera dedicare alle donne artiste, al loro lavoro intellettuale, politico, filosofico.

Nata a Karachi nel 1970, dopo una carriera oramai universalmente nota, che include prestigiose mostre internazionali, la Suleman giunge a Milano con un nuovo corpo di lavori. Per l’artista non esiste una linea di demarcazione tra il “quotidiano” e la “storia”, tra il macrocosmo della politica globale e il microcosmo della vita di tutti i giorni. Ecco che da sempre, utilizzando oggetti di uso quotidiano, la Suleman costruisce istallazioni, sculture che rimandano e denunciano fatti del nostro tempo. In una prima fase l’artista utilizzava ad esempio, pentole, coperchi, stoviglie, normali oggetti da cucina trovati nei mercati di Karachi, per creare elmetti, strutture protettive da indossare, metaforicamente, per difendere il capo… la difesa dalla violenza, da un eventuale attacco, è un elemento molto presente nell’opera della Suleman. 

Successivamente ha elaborato altre formule linguistiche, ma sempre senza mai dimenticare l’origine “quotidiana” della materia usata, come per esempio una lega di acciaio leggero adoperata in Pakistan per creare plaquette decorative per auto e scooter, con cui l’artista ha realizzato sculture a muro dalle complesse iconografie, che rimandano sia alla mitologia induista, che a quella mussulmana e talvolta cristiana. Bisogna sottolineare che nel lavoro della Suleman ha molta importanza la questione dello scontro-incontro tra culture e religioni diverse. Il subcontinente indiano è storicamente terra di scontro tra mussulmani e induisti, e le opere della Suleman evocano l’idea -la speranza- di un nuovo melting pot culturale che sappia essere sovranazionale e interreligioso. Ultimamente la Suleman, in modo ironico e sagace, approccia ancora una nuova esperienza estetica: raccogliendo vecchi piatti da esposizione, interviene, decorando ulteriormente la parte interna con figure tratte dall’immaginario cavalleresco, sia occidentale che orientale. 

Nell’eterno scontro tra occidente e oriente, tra crociati ed infedeli, tra culture diverse, il piatto, l’oggetto comune, ironicamente investito di esperienza comunicativa, denuncia l’assurdità, il grottesco di questa lotta che non è una lotta tra bene e male, come l’élite politiche da sempre hanno volto farci intendere, ma una lotta tra le due facce della medesima medaglia, cioè la violenza, la prevaricazione, lo sfruttamento ideologico per l’interesse economico. Cavalieri islamici, i mitici Mubarizuns, affrontano cavalieri crociati in scontri tanto violenti quanto grotteschi, non c’è vinto né vincitore ma solo la violenza che giustifica se stessa. E in conclusione, citando l’artista: “Il mio interesse è cresciuto nella tensione tra la bellezza naturale, la violenza sempre presente, e il caos che sembrano essere un impianto permanente dell’intera umanità, delle culture, delle religioni e della storia stessa. Il ciclo continuo e crescente della violenza e degli sconvolgimenti che colpiscono il Pakistan non solo sta lasciando il segno nella consapevolezza e nei ricordi degli individui, ma ha cominciato a penetrare in ogni spazio e paesaggio delle esperienze quotidiane del cittadino, e della coscienza collettiva.”

La mostra sarà visitabile tutti i giorni dal 22 al 30 settembre, dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 19. Dal 3 ottobre al 10 novembre per appuntamento.

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …