Passa ai contenuti principali

Il Ponte Casa d'Aste presenta l'Asta di Fotografia "Da Luigi Ghirri a Tracey Emin"

Ad aprire la stagione primaverile delle aste in Palazzo Crivelli sarà il neonato dipartimento di Fotografia, con una selezione di circa 300 lotti dei più celebri nomi nazionali ed internazionali.

Tra i fotografi italiani della seconda metà del '900 Luigi Ghirri è presente con undici dei suoi scatti più iconici, alcuni di questi stampati nel 1992, anno della sua morte, in occasione della mostra "Luigi Ghirri, Versailles" a Parigi ed esposti anche nella retrospettiva dell'autore tenutasi nel 2013 al MAXXI.

Di Gabriele Basilico e Berengo Gardin andranno all'incanto alcuni lavori dedicati alle architetture e ai parchi di Milano; di Mario Giacomelli una decina di scatti e la serie Pretini (val. 3.000 - 3.500 €); di Mimmo Jodice alcune delle immagini più rappresentative nelle quali la mitologia e la statuaria classica ritrovano energia espressiva grazie al forte contrasto di luci e ombre che caratterizza i suoi lavori.

Il bianco e nero torna nel tuffatore di Nino Migliori (val. 3.500 - 4.000 €) e nelle fotografie dei primi paparazzi Tazio Secchiaroli Elio Sorci, in asta con alcuni divertenti momenti di scena di Sofia Loren e Federico Fellini che dà istruzioni a Mastroianni durante le riprese del film Otto e mezzo. Dal cinema si arriva alla moda con i lavori di Gian Paolo Barbieri Giovanni Gastel, presente con un prezioso ritratto realizzato su fondo dorato (val. 800 - 900 €).

La fotografia di denuncia è in catalogo con una serie di opere dedicate al fermento politico e sociale che caratterizzò gli anni '70. Le proteste studentesche sono immortalate da Uliano LucasAldo Bonasia che in Vivere a Milano documenta il primo convegno nazionale degli studenti tenutosi all'università Statale (val. 150 - 200 €), e Fausto Giaccone che ritrae tra i manifestanti i giovanissimi Gillo Dorfles e Massimiliano Fuksas (val. 400 - 500 €).

Il filone della fotografia al femminile è rappresentato da Paola Agosti Libera Mazzoleni che affrontano la difficile condizione della donna in quegli anni, e da Letizia Battaglia che si concentra sui delitti di mafia con immagini crude e toccanti.
Agli anni Settanta è riservata anche una sezione dedicata alla fotografia sperimentale con gli scatti concettuali di Vaccari, Guerzoni, Altamira, Zorio Gioli e le opere di Cioni Carpi, Valeria Borsari Michele Zaza.

Lo scenario internazionale è ben rappresentato in catalogo dai lavori di numerosi artisti. Provocatorio quanto unico è l'autoritratto racchiuso tra due bottiglie di Champagne firmato dalle artiste Tracey Emin Sarah Lucas (val. 18.000 - 22.000 € ), che rientra nel progetto della mostra/performance "From Army to Armani", realizzato a Ginevra presso la Galleria Analix Forever di Barbara Polla nel 1993.

A una nicchia di intenditori è rivolto il lavoro del fotografo giapponese Fukase Masahisa in cui ritrae la moglie prima della loro separazione.

Le atmosfere dei film polizieschi sono immortalate da Weege che, con un geniale espediente, riuscì ad intercettare le comunicazioni radio della polizia newyorkese e ad arrivare prima di chiunque altro sul luogo del delitto.
Tra gli altri si ricordano Roni HornDavid Bailey Philippe Halsman, autore dei più famosi ritratti di Marilyn Monroe e di numerosi altri artisti e l'intramontabile Steve McCurry, con un'opera sull'Oriente di grande formato (val. 3.000 - 3.500 € ).
Un catalogo ricco e variegato per questo debutto, in grado di soddisfare i gusti degli appassionati e catturare l'interesse sia dei collezionisti consolidati che dei neofiti.


Contatti:
Sara Bortoletto
+39 02 86314 90

Post popolari in questo blog

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …

Cancelli d’ombra alla Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia

La Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia (Corso Garibaldi, 4) presenta, dal 15 dicembre 2018 al 16 gennaio 2019, la consueta collettiva di Natale con opere pittoriche, scultoree e fotografiche di una trentina di autori contemporanei, da Julia Bornefeld e Sandra Brandeis Crawford a Luca Caccioni, Claudio Costa e Graziano Pompili.
La mostra trae il titolo – “Cancelli d’ombra” – da una poesia di Andrea Basiricò che recita: «… E i cancelli d’ombra / della sera ricamano / i giardini / dove occhi di silenzio / si spengono / sull’orlo dell’asfalto…».
In esposizione, opere di Andrea Basiricò, Julia Bornefeld, Mirko Baricchi, Anna Bennicelli, Alketa Bercaj Delishaj, Elisa Bertaglia, Sandra Brandeis Crawford, Luca Caccioni, Corrado Campisi, Claudio Costa, Giovanni Cossu, Omar Galliani, Federica Giulianini, Ludmila Kazinkina, Nicoletta Moncalieri, Maria Morelli, Silvia Pavarini, Simone Pellegrini, Graziano Pompili, Turi Rapisarda, Enzo Silvi, Sebastiano Simonini, Orfeo Tamburi, Giuseppe…