Passa ai contenuti principali

Elena Modorati è Crossing the water al Fabbri Contemporary Art di Milano.

Da oggi, 7 maggio 2013,  Fabbri Contemporary Art espone le opere di Elena Modorati in una mostra, curata da Martina Cavallarin, dal titolo "Crossing the water".
 
Crossing the Water è una mostra che cresce sulla sedimentazione di elementi e accumuli culturali maturati da Elena Modorati nel corso di una ricerca teorica esplicitata con l’oggetto arte e l’impertinenza fisica dell’opera. La cera, il metallo, la carta giapponese, i reperti da archivio reinterpretati in una pratica installativa raffinata e meticolosa, attenta e virata alla bellezza quanto straordinariamente equilibrata nelle tonalità e nella densità degli elementi rappresentati, sono un abecedario recuperato per stratificazioni e raccolte.

Crossing the Water si esplicita e si srotola in una serie di lavori dedicati a La biblioteca di Ur, probabilmente la prima biblioteca della storia, un’architettura simbolo di un’epoca in cui la scrittura si evolve dall’impiego funzionale inaugurando la letteratura; Kit-corredi, piccole bacheche sulla tipologia delle teche di un museo archeologico; Onphalos, installazione dedicata a Pizia, sacerdotessa di Apollo, sul tema della veggenza e della centralità in quanto Onphalos, luogo in cui si trovava il santuario di Delfi, reputato l’ombelico del mondo; Dolmen, archetipo di costruzione, luogo di sepoltura e struttura che delimita uno spazio sacro, nella dialettica del dentro e del fuori; Senza una sola cifra - citazione di un verso di Rilke - lavoro emblematicamente dedicato a Philippe Petit.
 
La ricerca di Elena Modorati va nella direzione orizzontale e rizomatica di consapevolezza e innocenza. L’artista cerca le radici identitarie, ecco il rizoma, prova a decifrare orme e indizi.
Come afferma l’artista: “Vado verso un nucleo di senso che so già essere vuoto, potenziale. In questo sono archeologa e frugo il passato personale e collettivo; raccolgo exempla, paradigmi, distribuiti in un ritmo di anomalie, rotture e ripetizione. Più che "origine" archetipo, ogni incontro lampeggia di rimandi, mi fa dire io sono qui mentre mi trascina lontano.”

Per applicare lo sforzo l’esercizio è ginnico, costante, un allenamento dei muscoli del pensiero allertati anche all’equilibrio, come accade per il funambolo, il trapezista che studia e si esercita, l’archeologo che conserva e si prende cura. “(…) perché la visione non sia solo un'esternazione estemporanea, perché sfidare il limite è un atto straordinario, ma che se li porta dietro tutti, responsabilità compresa.... “
 
Crossing the Water è il titolo di una poesia di Sylvia Plath del 1971

Elena Modorati : Crossing the Water
Sede: FABBRI c.a. – Via Stoppani 15/C, Milano
Periodo espositivo: 7 maggio - 8 giugno 2013
Curatore: Martina Cavallarin
Catalogo: con testo di Martina Cavallarin
Inaugurazione: martedì 7 maggio 2013, ore 18.30
Orari: tutti i giorni 15.30 – 19.30; mattina su appuntamento, domenica e lunedì chiuso
Organizzazione e ufficio stampa: Fabbri Contemporary Art, Milano
info@fabbricontemporaryart.it
Ph. +39 02 91477463 – Mob. + 39 348 7474286
La mostra è organizzata in collaborazione con lo Studio Gabelli di Milano

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





Spoleto Arte, un osservatorio sull’arte contemporanea

L’esposizione è stata pensata e realizzata dal manager della cultura e di personaggi dello spettacolo Salvo Nunges, e si avvarrà della preziosa curatela del critico d’arte Vittorio Sgarbi. Visto il grande successo e clamore avvenuto in occasione dell’inaugurazione, avvenuta il 1° luglio, il comitato artistico ha deciso di prorogarla fino alla fine del mese di agosto.
Spoleto Arte” è stata definita da Sgarbi: “un osservatorio sull’arte contemporanea” e rappresenta un contenitore di cultura e arte in cui quest’anno si sono viste numerose personalità di spicco: dal viceministro Maria Elena Boschi al presidente del “Festival dei Due Mondi” Fabrizio Cardarelli, dall’On. Lella Golfo al volto noto di Canale 5 Alessandro Meluzzi, da Livia Pomodoro alla scrittrice Sveva Casati Modignani, da Paola Severini della Rai alla statistica Linda Laura Sabbadini, da Sonia Laura Tatò all’inviato di “Striscia la Notizia” Patrick Pugliese, dal noto conduttore televisivo Pippo Franco alla funzionaria press…