Passa ai contenuti principali

Elena Modorati è Crossing the water al Fabbri Contemporary Art di Milano.

Da oggi, 7 maggio 2013,  Fabbri Contemporary Art espone le opere di Elena Modorati in una mostra, curata da Martina Cavallarin, dal titolo "Crossing the water".
 
Crossing the Water è una mostra che cresce sulla sedimentazione di elementi e accumuli culturali maturati da Elena Modorati nel corso di una ricerca teorica esplicitata con l’oggetto arte e l’impertinenza fisica dell’opera. La cera, il metallo, la carta giapponese, i reperti da archivio reinterpretati in una pratica installativa raffinata e meticolosa, attenta e virata alla bellezza quanto straordinariamente equilibrata nelle tonalità e nella densità degli elementi rappresentati, sono un abecedario recuperato per stratificazioni e raccolte.

Crossing the Water si esplicita e si srotola in una serie di lavori dedicati a La biblioteca di Ur, probabilmente la prima biblioteca della storia, un’architettura simbolo di un’epoca in cui la scrittura si evolve dall’impiego funzionale inaugurando la letteratura; Kit-corredi, piccole bacheche sulla tipologia delle teche di un museo archeologico; Onphalos, installazione dedicata a Pizia, sacerdotessa di Apollo, sul tema della veggenza e della centralità in quanto Onphalos, luogo in cui si trovava il santuario di Delfi, reputato l’ombelico del mondo; Dolmen, archetipo di costruzione, luogo di sepoltura e struttura che delimita uno spazio sacro, nella dialettica del dentro e del fuori; Senza una sola cifra - citazione di un verso di Rilke - lavoro emblematicamente dedicato a Philippe Petit.
 
La ricerca di Elena Modorati va nella direzione orizzontale e rizomatica di consapevolezza e innocenza. L’artista cerca le radici identitarie, ecco il rizoma, prova a decifrare orme e indizi.
Come afferma l’artista: “Vado verso un nucleo di senso che so già essere vuoto, potenziale. In questo sono archeologa e frugo il passato personale e collettivo; raccolgo exempla, paradigmi, distribuiti in un ritmo di anomalie, rotture e ripetizione. Più che "origine" archetipo, ogni incontro lampeggia di rimandi, mi fa dire io sono qui mentre mi trascina lontano.”

Per applicare lo sforzo l’esercizio è ginnico, costante, un allenamento dei muscoli del pensiero allertati anche all’equilibrio, come accade per il funambolo, il trapezista che studia e si esercita, l’archeologo che conserva e si prende cura. “(…) perché la visione non sia solo un'esternazione estemporanea, perché sfidare il limite è un atto straordinario, ma che se li porta dietro tutti, responsabilità compresa.... “
 
Crossing the Water è il titolo di una poesia di Sylvia Plath del 1971

Elena Modorati : Crossing the Water
Sede: FABBRI c.a. – Via Stoppani 15/C, Milano
Periodo espositivo: 7 maggio - 8 giugno 2013
Curatore: Martina Cavallarin
Catalogo: con testo di Martina Cavallarin
Inaugurazione: martedì 7 maggio 2013, ore 18.30
Orari: tutti i giorni 15.30 – 19.30; mattina su appuntamento, domenica e lunedì chiuso
Organizzazione e ufficio stampa: Fabbri Contemporary Art, Milano
info@fabbricontemporaryart.it
Ph. +39 02 91477463 – Mob. + 39 348 7474286
La mostra è organizzata in collaborazione con lo Studio Gabelli di Milano

Post popolari in questo blog

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …

Cancelli d’ombra alla Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia

La Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia (Corso Garibaldi, 4) presenta, dal 15 dicembre 2018 al 16 gennaio 2019, la consueta collettiva di Natale con opere pittoriche, scultoree e fotografiche di una trentina di autori contemporanei, da Julia Bornefeld e Sandra Brandeis Crawford a Luca Caccioni, Claudio Costa e Graziano Pompili.
La mostra trae il titolo – “Cancelli d’ombra” – da una poesia di Andrea Basiricò che recita: «… E i cancelli d’ombra / della sera ricamano / i giardini / dove occhi di silenzio / si spengono / sull’orlo dell’asfalto…».
In esposizione, opere di Andrea Basiricò, Julia Bornefeld, Mirko Baricchi, Anna Bennicelli, Alketa Bercaj Delishaj, Elisa Bertaglia, Sandra Brandeis Crawford, Luca Caccioni, Corrado Campisi, Claudio Costa, Giovanni Cossu, Omar Galliani, Federica Giulianini, Ludmila Kazinkina, Nicoletta Moncalieri, Maria Morelli, Silvia Pavarini, Simone Pellegrini, Graziano Pompili, Turi Rapisarda, Enzo Silvi, Sebastiano Simonini, Orfeo Tamburi, Giuseppe…