Passa ai contenuti principali

Mamma.... voglio fare l' artista.

"Mamma voglio fare l'artista" : il libro di Francesco Bonami che sfata i 10 falsi miti sul mondo dell'arte e degli artisti.
 
 1 - La Biennale? Un punto di partenza, non d’arrivo
Bisogna andare alla Biennale, ma è probabile che finisca male. Di un invito alla mostra bisogna essere contenti, ma si deve anche andare ben preparati (un po’ come all’ esame di maturità), altrimenti si rischia di venire bocciati. La Biennale di Venezia non è una laurea, è un esame. Non è un punto di arrivo, ma di partenza. Chi crede di essere arrivato come artista con l’invito alla Biennale è come quei turisti che scendono a Mestre pensando sia Venezia e rimangono delusi. Attenti a non fare diventare la Biennale la vostra Mestre.
 
 2 - Il catalogo non è tutto... anzi, è niente
Il catalogo non fa il monaco. Arrivano spesso volumi lussuosi dedicati alle opere di emeriti sconosciuti: centinaia di pagine su carta preziosa con illustrazioni bellissime di opere schifosissime. Se pensate che un bel catalogo di orribile arte riesca a fare fesso qualcuno, vi sbagliate di grosso. Soldi buttati al macero. Meglio produrre arte seria (e magari anche bella), ai libri si pensa dopo.
 
 3 - I collezionisti comprano tutto. Anche le ciofeche
Il sogno di ogni artista? Che una sua opera sia acquistata da qualche famoso collezionista. Che, però, non comprano soltanto opere o artisti importanti. A volte acquistano qualcosa solo per fare contenti il figlio, l’amante o la moglie. Uno dei maggiori collezionisti del mondo e uno dei più famosi, Charles Saatchi (foto), insieme con le famose opere di Damien Hirst, come lo squalo da 13 milioni di dollari, ha comprato centinaia e centinaia di ciofeche. Compresa, probabilmente, la vostra.
 
 4 - L’ arte interattiva è vecchia come il mondo
L’arte interattiva è fantastica... Ma tutta l’arte è interattiva, perché basta mettersi a guardare un
quadro e già s’interagisce con l’opera. Se un’opera
d’arte quando la toccate si muove o parla o vi risponde, non vuole dire che sia un’opera più contemporanea di un’altra. Allora anche la cacca che pestiamo sul marciapiede è interattiva...
 
 5 - Meglio Guttuso della Street art
Viva la Street art! Se Renato Guttuso avesse dipinto una delle sue signore nude sul muro sotto casa, sarebbe stato anche lui uno street artist. Peccato che spesso la Street art creda che basti cambiare supporto per migliorare o essere più cool. Mentre l’unico supporto che deve funzionare è il nostro cervello.
 
 6  - Talmente interessante che è meglio andarsene...
Molto interessante... Si tratta di un’affermazione senza alcuna conseguenza pronunciata da critici, curatori e collezionisti davanti a un’opera nella speranza che questa dichiarazione metta fine al faticoso incontro. Evitate interpretazioni ottimistiche.
 
 7 - Lo spettacolo non deve cominciare
Opere di grande spettacolarità! Chi reagisce così davanti a un’opera d’arte di solito non capisce nulla di arte. L’arte prima di essere spettacolo deve essere un’esperienza. Anche il tizio sparato dal cannone è spettacolare, però non è un grande attore come Robert De Niro (foto). Bisogna puntare a essere i De Niro dell’ arte, non l’omino sparato dal cannone.
 
  8 - L’ artigianato non sempre è una forma d’arte
Il muratore non è l’architetto. Saper fare un muro non vuole dire saper disegnare una bella casa. Stesso vale per l’arte: saper disegnare o dipingere un albero come se fosse vero non vuol dire essere capaci di pensare una vera opera d’arte. L’artigiano non è necessariamente un artista.
 
 9 - Meglio un artista folle o un folle artista?
Oggi va di moda fra i giovani curatori riscoprire artisti morti, morenti o pazzi. Non sempre queste «qualità» sono garanzia di successo. La differenza fra un artista folle e un folle artista è che il primo sa quando fermarsi e l’altro invece no. Dei morti, dei morenti e dei pazzi poi non si può dire male, il che limita il numero di recensioni negative.
 
 10 - Morire giovani non è di successo
Non tutti gli artisti morti giovani tragicamente diventano famosi. Sconsiglio vivamente questa scorciatoia verso il successo.

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.
Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.
Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro. Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criti…