Passa ai contenuti principali

Rammendo Mending - Oriella Montin

Oriella Montin, Rammendo Mending n.1255, 2012,
intervento con ago e filo su fotografia d'epoca,
cm. 24x18,1,pezzo unico
Settima partecipazione a "Fotografia Europea" per la Galleria VV8artecontemporanea di Reggio Emilia (Cortile di Palazzo Borzacchi, via Emilia S. Stefano, 14) che, dal 4 maggio al 2 giugno 2013, ospita la personale dell'artista veneta Oriella Montin. Accompagnata da un testo critico di Francesca Baboni, l'esposizione rientra nel programma di promozione della giovane ricerca contemporanea che lo spazio espositivo porta avanti da alcuni anni, seguendo e sostenendo autori italiani ed internazionali.
 
Titolo della mostra, "Rammendo Mending", riferibile ad un ciclo di opere realizzate a partire dal 2009. Vecchie fotografie, recuperate con cura nei mercati delle pulci, sulle quali l'artista interviene con ago e filo, coniugando l'antica pratica del cucito a tematiche di grande attualità, come la famiglia e il ruolo della donna.
 
Come scrive, infatti, Francesca Baboni, «Oriella Montin agisce con una modalità cruda e poetica al contempo, cucendo ed aggrovigliando fili e pezzi di esistenze come le nostre genitrici riparavano con gesti rassicuranti brani di vestiti, delineando strade contorte e percorsi accidentati [...], cancellando in modo cruento volti, ingabbiando corpi, scegliendo con cura parti anatomiche, cuore o cervello, prendendo la mira per colpire con esattezza e rammendare quella ferita più o meno aperta che ognuno porta con sé».
 
Una ventina di opere accomunate da quella che la stessa Montin definisce "Poetica del rammendo", ossia «una pratica emozionale ed emotiva del tutto femminile, tesa alla conservazione del ricordo e della memoria». Fonte d'ispirazione, i romanzi dello scrittore statunitense Richard Yates, nei quali «il fulcro centrale dell'esistenza è la famiglia, inizio e fine di ogni cosa».
 
Oriella Montin nasce a Rovigo nel 1978. Diplomata in pittura presso la NABA, Nuova Accademia di Belle Arti, vive e lavora a Milano. Ha preso parte a diverse esposizioni, tra le quali si segnalano "Film Muto" (Galleria Luciano Inga-Pin, Milano, 2004), "Underworld" (Galleria e-studio, Milano, 2007), "Due Racconti" (Associazione Culturale Renzo Cortina, Milano, 2008), "Biennale di Alessandria" (Alessandria, 2011), "Piccole donne crescono" (Sabrina Raffaghello Artecontemporanea, Alessandria, 2012), "Memorie" (Whitelabs, Milano, 2012) e "Donna 2.0" (Arena Gallery, Milano, 2013), partecipando inoltre alle fiere d'arte "ArtVerona" (Verona, 2010 e 2012), "Set Up Fair" (Bologna, 2013) e "Step 09" (Milano, 2013).
 
La mostra, che sarà inaugurata sabato 4 maggio alle ore 18.00, osserverà particolari orari di apertura in occasione di "Fotografia Europea": 4 e 5 maggio ore 10.00-13.00 e 16.00-20.00. La galleria rimarrà successivamente aperta da martedì a sabato con orario 10.30-13.00 e 16.30-19.00, 2 giugno compreso. Per informazioni: 0522 432103 - galleriavv8@alice.it.

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Art in dark alla Cristiano Art Gallery

Dal 29 febbraio al 29 marzo 2020 la  Cristiano Art Gallery  di via Leone I, a Pignataro Interamna (FR), ospita  “Art in dark” , mostra di  Giancarlo Montuschi  a cura di  Ivan Caccavale .  Sabato 29 febbraio, alle ore 18.30, l’inaugurazione ufficiale che alle 20.30 proseguirà nel salotto culturale del ristorante L'Horto dei Semplici di piazza San Salvatore, con cena su prenotazione alla presenza dell'artista.
“Art in dark”  è un progetto espositivo di   Cristiano Tomassi , diretto da   Antonio Evangelista . Responsabile dell’evento è   Luigi D’Agostino .

Giancarlo Montuschi, pittore e ceramista-scultore di vaglia, si esprime da decenni con un linguaggio ingenuo, fiabesco e sostanzialmente fantastico, caratterizzato da venature alchemico-esoteriche.
Scrive il curatore Ivan Caccavale: «Nella serie “Pulp stories” il maestro, personalità sensibile e osservatore critico degli episodi di storia e di cronaca, soprattutto americana, conduce il fruitore in un universo visivo in cui deline…