Passa ai contenuti principali

Rammendo Mending - Oriella Montin

Oriella Montin, Rammendo Mending n.1255, 2012,
intervento con ago e filo su fotografia d'epoca,
cm. 24x18,1,pezzo unico
Settima partecipazione a "Fotografia Europea" per la Galleria VV8artecontemporanea di Reggio Emilia (Cortile di Palazzo Borzacchi, via Emilia S. Stefano, 14) che, dal 4 maggio al 2 giugno 2013, ospita la personale dell'artista veneta Oriella Montin. Accompagnata da un testo critico di Francesca Baboni, l'esposizione rientra nel programma di promozione della giovane ricerca contemporanea che lo spazio espositivo porta avanti da alcuni anni, seguendo e sostenendo autori italiani ed internazionali.
 
Titolo della mostra, "Rammendo Mending", riferibile ad un ciclo di opere realizzate a partire dal 2009. Vecchie fotografie, recuperate con cura nei mercati delle pulci, sulle quali l'artista interviene con ago e filo, coniugando l'antica pratica del cucito a tematiche di grande attualità, come la famiglia e il ruolo della donna.
 
Come scrive, infatti, Francesca Baboni, «Oriella Montin agisce con una modalità cruda e poetica al contempo, cucendo ed aggrovigliando fili e pezzi di esistenze come le nostre genitrici riparavano con gesti rassicuranti brani di vestiti, delineando strade contorte e percorsi accidentati [...], cancellando in modo cruento volti, ingabbiando corpi, scegliendo con cura parti anatomiche, cuore o cervello, prendendo la mira per colpire con esattezza e rammendare quella ferita più o meno aperta che ognuno porta con sé».
 
Una ventina di opere accomunate da quella che la stessa Montin definisce "Poetica del rammendo", ossia «una pratica emozionale ed emotiva del tutto femminile, tesa alla conservazione del ricordo e della memoria». Fonte d'ispirazione, i romanzi dello scrittore statunitense Richard Yates, nei quali «il fulcro centrale dell'esistenza è la famiglia, inizio e fine di ogni cosa».
 
Oriella Montin nasce a Rovigo nel 1978. Diplomata in pittura presso la NABA, Nuova Accademia di Belle Arti, vive e lavora a Milano. Ha preso parte a diverse esposizioni, tra le quali si segnalano "Film Muto" (Galleria Luciano Inga-Pin, Milano, 2004), "Underworld" (Galleria e-studio, Milano, 2007), "Due Racconti" (Associazione Culturale Renzo Cortina, Milano, 2008), "Biennale di Alessandria" (Alessandria, 2011), "Piccole donne crescono" (Sabrina Raffaghello Artecontemporanea, Alessandria, 2012), "Memorie" (Whitelabs, Milano, 2012) e "Donna 2.0" (Arena Gallery, Milano, 2013), partecipando inoltre alle fiere d'arte "ArtVerona" (Verona, 2010 e 2012), "Set Up Fair" (Bologna, 2013) e "Step 09" (Milano, 2013).
 
La mostra, che sarà inaugurata sabato 4 maggio alle ore 18.00, osserverà particolari orari di apertura in occasione di "Fotografia Europea": 4 e 5 maggio ore 10.00-13.00 e 16.00-20.00. La galleria rimarrà successivamente aperta da martedì a sabato con orario 10.30-13.00 e 16.30-19.00, 2 giugno compreso. Per informazioni: 0522 432103 - galleriavv8@alice.it.

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Tutti i premi di Artissima 2017

Scoprire la bellezza, riconoscerla, premiarla, sostenerla, diffonderla: fedele al suo ruolo di fiera innovativa, sperimentale e anticipatrice, anche quest'anno Artissima supporta il futuro dell'arte contemporanea attraverso l'assegnazione di 7 premi. Nati in collaborazione con sponsor e istituzioni, i riconoscimenti 2017 sono rivolti ad artisti e gallerie presenti in fiera e sono assegnati da giurie internazionali composte da curatori e direttori dei principali musei d'arte contemporanea del mondo.


Campari Art Prize (new): promosso dal Gruppo Campari, il premio è assegnato a un artista under 35 che incentri la sua ricerca sul potere evocativo del racconto nelle sue molteplici declinazioni e sulla dimensione comunicativa dell’opera. Giuria: Adam Budak, Francesco Stocchi, Carina Plath
Refresh Premio Irinox (new): promosso da Irinox, il premio è assegnato a un artista della sezione Disegni che si distingua per la capacità di 'reinventare conservando', esaltando in …