Passa ai contenuti principali

Le sculture di Argenziano alla Galleria d' Arte Le Tracce di Genova.

"Terra e Pietre" - sculture di Argenziano
Galleria d' Arte Le Tracce
via San Bernardo 35R, Genova
 
"Terra e Pietre.
Dormono, sognano, scrutano curiose.
Fissate in un istante che non appartiene al tempo, sono in attesa le teste di Argenziano. Viandanti smarriti, bussole senza ago, orologi privi di lancette. Sono trappole per gli sguardi, generatori di interrogativi e si mostrano prive di capelli come fossero inutili abiti gettati a terra prima di fare l'amore: il cranio diventa uno spazio per raccontare, una tela tridimensionale.
 
Ed é l'amore per l'essenziale che dall'artista scaturisce prepotente. La testa é sintesi dell'uomo che ascolta, riflette, parla, mentre l'anima è una presenza che di volta in volta dimora in uno sguardo, è contenuta dentro un seme (simbolo arcaico di vita e crescita), è attorcigliata alle spire di rame che sguainate come fioretti acuminati, recidono spazi, difendono convinzioni.

Teste dagli occhi socchiusi come in equilibrio tra veglia e sonno che osservano di nascosto. Teste dagli occhi spalancati che guardano dentro spazi interiori. Teste ove é celato il sentiero che unisce bocca e orecchio, il labirinto misterioso che intrappola il suono, il custode dei lemmi, l'abisso ove regna il leviatano che divora la parola.

Quale misteriosa trasformazione subisce quando viene udita, elaborata e pronunciata? In quella brevissima distanza interiore cosa si appende alle sue curve, cosa la colora? Il sedimento che rimane é polvere di pensiero: il cibo preferito per gli interrogativi che abitano in noi.

Argenziano é arrivata qui dopo un percorso che ha radici nella scrittura, nella pittura, nell'architettura e nella fotografia. Nella scultura, che é narrazione di spazio e sentimenti, ha trovato il suo veicolo ideale dove può creare oggetti somiglianti alla sua anima. " - Gian Luca Munari

"Terra e Pietre" - sculture di Argenziano
Galleria d'Arte Le Tracce
via San Bernardo 35R, Genova

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Tutti i premi di Artissima 2017

Scoprire la bellezza, riconoscerla, premiarla, sostenerla, diffonderla: fedele al suo ruolo di fiera innovativa, sperimentale e anticipatrice, anche quest'anno Artissima supporta il futuro dell'arte contemporanea attraverso l'assegnazione di 7 premi. Nati in collaborazione con sponsor e istituzioni, i riconoscimenti 2017 sono rivolti ad artisti e gallerie presenti in fiera e sono assegnati da giurie internazionali composte da curatori e direttori dei principali musei d'arte contemporanea del mondo.


Campari Art Prize (new): promosso dal Gruppo Campari, il premio è assegnato a un artista under 35 che incentri la sua ricerca sul potere evocativo del racconto nelle sue molteplici declinazioni e sulla dimensione comunicativa dell’opera. Giuria: Adam Budak, Francesco Stocchi, Carina Plath
Refresh Premio Irinox (new): promosso da Irinox, il premio è assegnato a un artista della sezione Disegni che si distingua per la capacità di 'reinventare conservando', esaltando in …