Passa ai contenuti principali

Babylon Federation - Mostra fotografica di Marco Bolognesi

"Babylon Federation": seducente armata femminile del Bomar Universe. Mostra fotografica di Marco Bolognesi,  curata da Valerio Dehò, dal 5 settembre al 19 novembre a Rimini negli spazi espositivi di Agenzia NFC

Otto immagini di grande formato ritraggono splendidi corpi femminili, armati e vestiti solo di pochi oggetti militari e di ammiccanti indumenti fetish. Così Marco Bolognesi presenterà, venerdì 5 settembre, dalle ore 18.30, il catalogo "Babylon Federation", prodotto da NFC edizioni, che racchiude quarantacinque opere alcune delle quali scattate proprio a Rimini.

«Siccome sono convinto che i luoghi siano finiti e definiti soprattutto da ciò che vi accade, animo la mia metropoli di personaggi e storie che fanno parte del mio mondo, del cinema che amo, di quella cultura a cui mi ispiro; storie che si incontrano per le strade, nei palazzi, sui treni di questo futuro senza tempo che è la mia metropoli».

L'artista, creatore del Bomar Universe, luogo a confine tra cyberpunk e fantascienza sociale che racchiude la sua produzione degli ultimi 10 anni di attività, ci presenta in questa occasione il corpo d'armata del suo mondo, l'esercito che controlla e conquista.

Sono corpi femminili bellissimi, pericolosi, erotici e poco vestiti; coltivate in laboratori genetici e addestrate all'arte della guerra, sono suddivise in tre diverse armate con caratteristiche e compiti ben distinti.

Valerio Dehò, noto critico d'arte e curatore della mostra, così ci racconta di loro nel catalogo: «Restano all'interno di una simbolicità esplosiva in cui un cappello, una mostrina sono sufficienti a evocare un mondo, delle sensazioni forti, dei ricordi. Hanno qualcosa che ricorda il gioco erotico vittima e/o carnefice di film come "Il portiere di notte" (Liliana Cavani, 1974) o di "Salon Kitty" (Tinto Brass, 1975), in cui le donne con l'uniforme sprigionano l'erotismo e la perversione che ci sono dietro ad ogni atto di guerra e di violenza.  Questi elementi di un universo femminile che non  rinuncia al reggicalze nemmeno prima di un assalto devastante con il kalashnikov in mano, non vuole essere realistico, non ci prova nemmeno. Le combattenti appartengono ad una storia altra, ad una saga che Bolognesi sta costruendo tassello su tassello in un proprio Bomar Universe,  che sta diventando affollato e vissuto di creature affascinanti e pericolose e che fa parte della tradizione delle femmes fatal almeno dai tempi di Giuditta e di Salomé fino alle Lara Croft dei nostri giorni. Intanto nessun corpo nudo (o quasi) può essere uniformato realmente e completamente. Troppe le differenze, troppe le individualità, troppi i tipi di pelle che sono sempre in numero maggiore di tutti i tessuti militari possibili. Il colore, i piccoli difetti, le mille particolarità e imperfezioni del corpo che lo rendono unico, non sono mai nascosti dal vestito per uccidere, da quell'uniforme che rende tutti uguali: piccole pedine di un universo organizzato soltanto allo scopo di aggredire, conquistare, annientare il nemico».

Primo capitolo di una lunga saga, questa mostra è un'ottima occasione per essere traghettati in un mondo nuovo, un universo che pesca dal nostro tempo e trasfigura e muta simboli e riferimenti del contemporaneo per costruire i personaggi che lo popolano. 

Inaugurazione: venerdì 5 settembre, ore 18.30, con presentazione del libro "Babylon Federation" (NFC Edizioni, 2014), disponibile on-line. La mostra sarà visitabile da lunedì a venerdì con orario 10.00-18.00, sabato e domenica su prenotazione. Info: www.agenzianfc.com. 

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …