Passa ai contenuti principali

Percorsi della Memoria Auschwitz Birkenau

La mostra fotografica Percorsi della Memoria “Auschwitz-Birkenau” del giovane Settimio Martire è la prima di una serie ben più ampia, un progetto che propone appunto dei percorsi realizzati attraverso le esperienze di viaggio di diversi artisti, esperienze che hanno lasciato un grande solco emotivo e che loro hanno voluto convertire in idea in creazione artistica.

Gli scatti dell’artista così diventano poesia, molto si gioca su effetti di luci e ombre e su una abile tecnica e capacità professionale. Osservando i suoi lavori lo spettatore riesce ad attraversare momenti di storia e di una realtà trascorsa in un tempo ormai lontano ma anche così tragicamente contemporaneo, la luce diventa così strumento dalle capacità quasi magiche, quelle di allontanare e nel contempo far rivivere immagini fissate nel tempo. 

L’immediatezza dell’immagine di Settimio Martire colpisce, emoziona e va a segnare l’immaginazione, imprigiona lo sguardo ed è diretta, poi però si volge in modo inesorabile ad una giudizio finale affidato solo ed esclusivamente alla ragione del singolo visitatore.


Percorsi della Memoria Auschwitz Birkenau
MUSEO DELLA MEMORIA FERRAMONTI
Tarsia (CS) - dal 14 settembre al 14 ottobre 2014
Viale Riccardo Pacifici (87040)
museomemoria.ferramonti@virgilio.it

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola " Quadro con cerchio ", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij , fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989. Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra " Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione ." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio). Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale" . MUDEC

International Contemporary Art Prize 2019

L’ Associazione Culturale Collettivo 37   e la Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Torino ARTGALLERY37 che ha ospitato opere di artisti quali Marc Chagall, Emilio Vedova,Ennio Morlotti, Giorgio De Chirico, Luigi Spazzapan , ha indetto un premio di carattere internazionale, con la formula del concorso per artisti, al fine di promuovere  e valorizzare l’arte contemporanea e gli artisti in grado di rappresentarne l'essenze la molteplicità espressiva.  Il Concorso  “ International Contemporary Art Prize 2019 ” oltre a godere del Patrocinio della Camera di Commercio di Torino, della Città Metropolitana di Torino, della Regione Piemonte e della Città di Torino è anche supportato dalla collaborazione del Centro Vitaliano Brancati e del Centro d'arte Mavie di Scicli (Sicilia), del Comitato Archivio Artistico Documentario Gierut di Pietrasanta (Toscana) e del Gruppo Artistico Londinese The Artist's Pool . Il concorso di carattere internazionale è rivolto a t

Art in dark alla Cristiano Art Gallery

Dal 29 febbraio al 29 marzo 2020 la  Cristiano Art Gallery  di via Leone I, a Pignataro Interamna (FR), ospita  “ Art in dark ” , mostra di  Giancarlo Montuschi   a cura di  Ivan Caccavale .   Sabato 29 febbraio, alle ore 18.30, l’inaugurazione ufficiale che alle 20.30 proseguirà nel salotto culturale del ristorante L'Horto dei Semplici di piazza San Salvatore, con cena su prenotazione alla presenza dell'artista. “Art in dark”  è un progetto espositivo di    Cristiano Tomassi , diretto da    Antonio Evangelista . Responsabile dell’evento è    Luigi D’Agostino . Giancarlo Montuschi, pittore e ceramista-scultore di vaglia, si esprime da decenni con un linguaggio ingenuo, fiabesco e sostanzialmente fantastico, caratterizzato da venature alchemico-esoteriche. Scrive il curatore Ivan Caccavale: « Nella serie “Pulp stories” il maestro, personalità sensibile e osservatore critico degli episodi di storia e di cronaca, soprattutto americana, conduce il fruitore in un