Passa ai contenuti principali

URBAN PORTRAITS : mercoledì 24 settembre verrà inaugurata la seconda mostra.

In questo mese si è aperto il secondo capitolo di URBAN PORTRAITS, una rassegna di 10 mostre collettive di fotografia allestite in altrettante location di Roma, che raccontano il paesaggio urbano attraverso le 10 diverse tematiche che guidano e danno il titolo alle esposizioni.


La seconda mostra verrà inaugurata mercoledì 24 settembre presso il parco di Casina Valadier, all'interno della magnifica cornice di Villa Borghese. Questa prestigiosa location, sita in piazza Bucarest, sul Pincio, a ridosso di Piazza del Popolo, ospiterà l'esposizione fino al 10 ottobre e rimarrà aperta al pubblico tutti i giorni dalle 10 alle 22. Per tutta la sua durata la mostra sarà ad ingresso gratuito.

Dopo aver affrontato il tema Public Space lo scorso luglio presso Palazzo Fandango, la nuova esposizione affronterà il tema WATER attraverso le fotografie di 28 artisti provenienti da tutto il mondo, di cui saranno esposti 84 scatti (tre per ogni artista):
Albion Harrison-Naish (Australia)
Andrea Rapisarda (Italia)
Andrey Omelyanchuk (Russia)
Anna Zavileiskaia (Russia)
Arnaud Fougerouse (Francia)
Anthony Lau (Cina)
Antonio Gaudencio (Portogallo)
Dan Fairchild (Canada)
David Goldstein (Francia)
Eleni Mavrantoni (Grecia)
Fabrizio Giuffrida (Italia)
Grzegorz Zukowski (Polonia)
Jacopo Benedetti (Italia)
Jan Sluijter (Paesi Bassi)
Javier Corbo Lopez (Spagna)
Jean-Marc Ferriere (Francia)
Jean-Sébastien David (Francia)
Jonathan Reid (Sudafrica)
Lisa Luscombe (Australia)
Mariana Costa Weldon (Canada/Italia)
Mariano Mantel (Argentina)
Mario Sixtus (Germania)
Martin Schmidt (Germania)
Roberto Manetta (Italia)
Shen-Ran Pan (Taiwan)
Takashi Kitajima (Giappone)
Valery Mironenko (Ucraina)
Yen Baet (Filippine)

Le immagini presentate non solo mostrano i luoghi che ci accolgono, ma narrano anche la stratificazione e la complessità dei sistemi che nelle città sono nati e si sono sviluppati.
La ricerca alla base del tema Water è il legame tra città e acqua. La presenza dell'acqua all'interno del tessuto urbano non solo assolve e implementa funzioni vitali per la città, ma ne enfatizza anche l'estetica: ne esalta il fascino trasformando i suoi luoghi e strutturando i suoi assetti urbanistici in una combinazione tra natura e artificio che è tra le massime espressioni della civiltà umana.

Dato il focus sul paesaggio urbano, le location espositive vengono scelte con grande cura. Questa mostra è allestita lungo un percorso all'interno del parco che circonda Casina Valadier, un prestigioso edificio storico all'interno di Villa Borghese. La Casina fu costruita tra il 1816 e il 1837 dall'architetto e urbanista romano Giuseppe Valadier che rielaborò in stile neoclassico il Casino Della Rota, una costruzione seicentesca edificata sui resti di un'antica cisterna romana, motivo del tema Water. Dal Regno d'Italia alla fine dell'Ottocento, Casina Valadier ha conosciuto il suo momento più florido; con la Seconda Guerra Mondiale iniziò però il suo declino, finché nel 1990 la struttura fu chiusa al pubblico. Nel 2004, dopo vari interventi di restauro, ha riaperto ufficialmente.

Per maggiori informazioni sulla mostra: http://www.urbanportraits.it/services-view/water/
Urban Portraits : www.urbanportraits.it A questo indirizzo tutti i temi delle mostre, le location già confermate, gli artisti che hanno aderito e il form da compilare per proporre i propri scatti e partecipare al progetto esponendo le proprie fotografie.


La pagina Facebook per rimanere aggiornati su tutte le novità del progetto è https://www.facebook.com/urbanportraitsrome?fref=ts.

Post popolari in questo blog

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …

Cancelli d’ombra alla Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia

La Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia (Corso Garibaldi, 4) presenta, dal 15 dicembre 2018 al 16 gennaio 2019, la consueta collettiva di Natale con opere pittoriche, scultoree e fotografiche di una trentina di autori contemporanei, da Julia Bornefeld e Sandra Brandeis Crawford a Luca Caccioni, Claudio Costa e Graziano Pompili.
La mostra trae il titolo – “Cancelli d’ombra” – da una poesia di Andrea Basiricò che recita: «… E i cancelli d’ombra / della sera ricamano / i giardini / dove occhi di silenzio / si spengono / sull’orlo dell’asfalto…».
In esposizione, opere di Andrea Basiricò, Julia Bornefeld, Mirko Baricchi, Anna Bennicelli, Alketa Bercaj Delishaj, Elisa Bertaglia, Sandra Brandeis Crawford, Luca Caccioni, Corrado Campisi, Claudio Costa, Giovanni Cossu, Omar Galliani, Federica Giulianini, Ludmila Kazinkina, Nicoletta Moncalieri, Maria Morelli, Silvia Pavarini, Simone Pellegrini, Graziano Pompili, Turi Rapisarda, Enzo Silvi, Sebastiano Simonini, Orfeo Tamburi, Giuseppe…