Passa ai contenuti principali

URBAN PORTRAITS : mercoledì 24 settembre verrà inaugurata la seconda mostra.

In questo mese si è aperto il secondo capitolo di URBAN PORTRAITS, una rassegna di 10 mostre collettive di fotografia allestite in altrettante location di Roma, che raccontano il paesaggio urbano attraverso le 10 diverse tematiche che guidano e danno il titolo alle esposizioni.


La seconda mostra verrà inaugurata mercoledì 24 settembre presso il parco di Casina Valadier, all'interno della magnifica cornice di Villa Borghese. Questa prestigiosa location, sita in piazza Bucarest, sul Pincio, a ridosso di Piazza del Popolo, ospiterà l'esposizione fino al 10 ottobre e rimarrà aperta al pubblico tutti i giorni dalle 10 alle 22. Per tutta la sua durata la mostra sarà ad ingresso gratuito.

Dopo aver affrontato il tema Public Space lo scorso luglio presso Palazzo Fandango, la nuova esposizione affronterà il tema WATER attraverso le fotografie di 28 artisti provenienti da tutto il mondo, di cui saranno esposti 84 scatti (tre per ogni artista):
Albion Harrison-Naish (Australia)
Andrea Rapisarda (Italia)
Andrey Omelyanchuk (Russia)
Anna Zavileiskaia (Russia)
Arnaud Fougerouse (Francia)
Anthony Lau (Cina)
Antonio Gaudencio (Portogallo)
Dan Fairchild (Canada)
David Goldstein (Francia)
Eleni Mavrantoni (Grecia)
Fabrizio Giuffrida (Italia)
Grzegorz Zukowski (Polonia)
Jacopo Benedetti (Italia)
Jan Sluijter (Paesi Bassi)
Javier Corbo Lopez (Spagna)
Jean-Marc Ferriere (Francia)
Jean-Sébastien David (Francia)
Jonathan Reid (Sudafrica)
Lisa Luscombe (Australia)
Mariana Costa Weldon (Canada/Italia)
Mariano Mantel (Argentina)
Mario Sixtus (Germania)
Martin Schmidt (Germania)
Roberto Manetta (Italia)
Shen-Ran Pan (Taiwan)
Takashi Kitajima (Giappone)
Valery Mironenko (Ucraina)
Yen Baet (Filippine)

Le immagini presentate non solo mostrano i luoghi che ci accolgono, ma narrano anche la stratificazione e la complessità dei sistemi che nelle città sono nati e si sono sviluppati.
La ricerca alla base del tema Water è il legame tra città e acqua. La presenza dell'acqua all'interno del tessuto urbano non solo assolve e implementa funzioni vitali per la città, ma ne enfatizza anche l'estetica: ne esalta il fascino trasformando i suoi luoghi e strutturando i suoi assetti urbanistici in una combinazione tra natura e artificio che è tra le massime espressioni della civiltà umana.

Dato il focus sul paesaggio urbano, le location espositive vengono scelte con grande cura. Questa mostra è allestita lungo un percorso all'interno del parco che circonda Casina Valadier, un prestigioso edificio storico all'interno di Villa Borghese. La Casina fu costruita tra il 1816 e il 1837 dall'architetto e urbanista romano Giuseppe Valadier che rielaborò in stile neoclassico il Casino Della Rota, una costruzione seicentesca edificata sui resti di un'antica cisterna romana, motivo del tema Water. Dal Regno d'Italia alla fine dell'Ottocento, Casina Valadier ha conosciuto il suo momento più florido; con la Seconda Guerra Mondiale iniziò però il suo declino, finché nel 1990 la struttura fu chiusa al pubblico. Nel 2004, dopo vari interventi di restauro, ha riaperto ufficialmente.

Per maggiori informazioni sulla mostra: http://www.urbanportraits.it/services-view/water/
Urban Portraits : www.urbanportraits.it A questo indirizzo tutti i temi delle mostre, le location già confermate, gli artisti che hanno aderito e il form da compilare per proporre i propri scatti e partecipare al progetto esponendo le proprie fotografie.


La pagina Facebook per rimanere aggiornati su tutte le novità del progetto è https://www.facebook.com/urbanportraitsrome?fref=ts.

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…