Passa ai contenuti principali

Le opere di Nicola Andreace ad Art Shopping Caroussel du Louvre

Nicola Andreace, dopo essere stato dal 24 al 26 ottobre 2014 nello stand Art Shopping du Caroussel  du Louvre di Parigi con due opere, Essenza di vissuto  ed Eterno Divenire, pubblicate nella Rivista  EA Arte, diretta da Paolo Levi (numero settembre-ottobre) e nel catalogo Artisti internazionali, ritorna quest’anno con altre due opere, nello stand C22 del salon Art Shopping Caroussel du Louvre con Interrelazioni 1998 (T.M. su tela, cm70x100) e “Allegorie esistenziali” 2003 (T.M. su tela, cm 70x100). 

Le due composizioni pittoriche, selezionate  da Maria Grazia Todaro, infaticabile e dinamico direttore e critico d’arte di  Queenart Studio di Padova, saranno in mostra nell’ambiente storico e culturale unico come quello del Louvre, con altri 40 artisti (pittori, scultori), d’indiscutibile talento, affermati nel panorama nazionale ed internazionale, provenienti da Argentina, America, Canada, Cecoslovacchia, Corea, Colombia, Danimarca, Francia, Grecia, India, Libano, Messico, Moldavia, Olanda, Portogallo, Spagna, Turchia, Russia e naturalmente Italia. 

Le opere del versatile e fecondo artista massafrese sono un’analisi acuta  di cose e di personaggi con riflessioni e richiami ai rischi cui va incontro il nostro mondo, sfruttato, calpestato negli uomini e nelle cose, vittime di sfrenati egoismi, che si ritorcono sui più deboli e sulle prossime generazioni.  Esse raffigurano l’affannoso scorrere del tempo con i toni e gli accenti morbidi del ricordo o con i colori accesi della Puglia e quelli violenti della sopraffazione. Le immagini si sovrappongono, quasi oniricamente per dare significato ai valori etici, che appartengono all’universo umano.  

Sono queste opere un’elaborazione dei ricordi dell’artista, delle sue riflessioni, illuminati dalla sua personalità, dalle sue ricerche, protese ad armonizzare tradizione ed innovazione. Infatti, le  immagini, che si compenetrano, si sovrappongono, diventano frammenti di memoria, forza e simbolo di un “dinamismo universale”, mentre il sapiente uso di luce e il cromatismo ora acceso dei colori di Puglia, ora liricamente dolce e solare-, creano atmosfere contemplative ed intime molto suggestive. In tal modo, così come lui voleva, Andreace continua a vivere nelle sue opere, che  risultano un omaggio alla vita, alle emozioni, ai veri eterni valori. 

L’artista, che accompagnava le opere con sue didascalie esplicative,  per  Interrelazioni  annotava “Relazioni, emozioni, e sentimenti si intrecciano e si ripetono nel tempo, raccontando la storia dell’Uomo, rappresentato in ogni fase della sua vita, con le sue passioni e debolezze. L’artista, annotando i valori esistenziali, li rende eterni”, mentre per “Allegoria esistenziale” spiegava “Le onde, al centro dell’opera, rappresentano la vita dell’uomo, caratterizzata da cicli , che spesso si concludono, ma, talvolta, si ripetono. In primo piano un volto di donna - musa ispiratrice, presenza confortante, porto sicuro dell’Uomo,- dietro cui un uomo e una donna, uniti insieme, senza elementi individualizzanti, simboleggiano il valore e la forza della famiglia, in ogni epoca, capace con il suo solido legame di superare i marosi più tempestosi”

XV Edizione Salon Art Shopping
Stand C22 ,Caroussel du Louvre, 99, Rue Rivoli, Parigi 
Organizzazione: Maria Grazia Todaro Art Director Queenart- Padova
Durata: dal 23 al 25 ottobre 2015
Inaugurazione 23 ottobre, ore 19

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.
Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.
Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro. Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criti…