Passa ai contenuti principali

Umbria World Fest 2015

La 14esima edizione dell’Umbria World Fest, l’unico Festival di fotografia e musica in Italia, si sta svolgendo a Foligno (Pg)  in questi giorni ed è, ancora una volta, luogo di sperimentazione e incontro tra culture attraverso un programma ricco di mostre fotografiche inedite, concerti, proiezioni multimediali, workshop di fotografia, incontri d’autore, letture portfolio aperte a tutti e un concorso fotografico.

Il tema di quest’anno, “S-CONFINI”, è stato pensato per richiamare l’attenzione sul superamento del concetto odierno di confine, geografico o culturale che sia; una tematica di grande attualità alla quale nemmeno il mondo dell’arte può oramai sottrarsi e che emergerà con forza in quest’ultima edizione del festival, sia attraverso le mostre fotografiche che la programmazione degli eventi musicali.
Quest’anno la sezione fotografica ha come supervisore artistico Marco Pinna, curatore e Photo Editor di National Geographic Italia, che ha offerto il suo contributo per la selezione degli artisti nazionali e internazionali ospiti di questa edizione del festival e per la realizzazione delle mostre fotografiche.

Nove fotografi di fama mondiale e un’agenzia di livello internazionale sono i protagonisti di questa sezione. Molti di loro sono presenti e presenteranno personalmente al pubblico i loro lavori in mostra all’interno del circuito Umbria World Fest: Erika Larsen, Kirsten Luce, Guy Martin, Lorenzo Meloni e l’agenzia Metrography, Pamela Piscicelli, Q. Sakamaki, Mario Giacomelli, Ferruccio Ferroni e Aristide Salvalai. Sarà inoltre esposto il lavoro di Salvatore Buffa “Hasankeyf: il villaggio che affoga”, selezionato come vincitore del Premio UWF 2014.

Il programma espositivo comprende tre mostre originali in anteprima mondiale prodotte dall’Umbria World Fest e altre mostre fotografiche prodotte in collaborazione con altri festival di fotografia.

L’obiettivo del festival è, anche quest’anno, quello di trasformare per tre giorni la città di Foligno nel fulcro della cultura fotografica e musicale diventando il luogo di incontro e confronto su tematiche di carattere universale e aprendo suggestive finestre sul mondo grazie ai racconti musicali, espositivi e performativi di artisti di fama nazionale ed internazionale!

Si è partiti venerdì 9 ottobre alle ore 21, con l’inaugurazione delle mostre presso Palazzo Trinci, aprendo il festival al pubblico e alla stampa con le otto mostre fotografiche di artisti internazionali.
La stessa sera alle ore 22 e 30, all’interno del cortile dello stesso palazzo, sono iniziate le proiezioni multimediali e fotografiche a cura di Alessandra Quadri che continueranno anche questa sera a partire dalle 23.

Sempre alle ore 21 di venerdì ha avuto inizio la mostra fotografica “open air” allestita nelle strade della città di Foligno. Questo nuovo progetto nasce dall'esigenza dell’Associazione Platea di coinvolgere il tessuto economico della città interessato a trasformare le vetrine in spazi espositivi, attraverso istallazioni in esterno che richiamano le immagini in mostra del Festival.

Questa mattina alle ore 12 e 30 è stata inaugurata la mostra “La realtà ingannata” di Mario Giacomelli - Ferruccio Ferroni - Aristide Salvalai presso il Complesso Museale di San Francesco di Montefalco. Quest'anno infatti il festival si amplia includendo anche il Comune di Montefalco che ospiterà' nello spazio centrale e museale della città una mostra del circuito UWF.

Entrambe le location di Palazzo Trinci e il Complesso Museale di Montefalco, sono i simboli culturali delle due città scelti come luoghi prediletti in cui la fotografia contemporanea possa dialogare con architetture ed affreschi storici.

La sezione musicale si è aperta venerdì 9 con il concerto di Julia Kent e Alessandro "Asso" Stefana presso lo Spazio ZUT!. I due musicisti hanno catapultato lo spettatore in una speciale seduta sciamanica portandolo a lasciarsi andare e dimenticarsi del tempo. Julia Kent è canadese, attualmente vive a New York, compone i suoi pezzi facendo uso di violoncello, loops, suoni ambientali e tessiture elettroniche. Il bresciano Alessandro "Asso" Stefana, è chitarrista principe della band di Vinicio Capossela, ha proposto la sua musica in continuo movimento fatta di blues lisergico, psichedelia folk e ballate desertiche. Questa sera presso l’Auditorium San Domenico alle ore 21, ci sarà il concerto del pianista e compositore Rocco De Rosa, che presenterà il nuovo lavoro discografico “Sonoaria”.

De Rosa è tra i migliori talenti “cresciuti” nel laboratorio di via Tomacelli, pianista e compositore ha acquisito fama e solidità nel corso di una fortunata carriera pluriventennale che l’ha portato a lavorare per la tv, il cinema, il teatro. Dal primo 45 giri Kufia, canto per la Palestina, del 1990 passando per il progetto Trasmigrazioni (con Daniele Sepe e Paolo Fresu) e Hata fino ai dischi più compiuti come Rotte distratte e Trammari e tantissime collaborazioni d’ogni genere!

A chiusura della tre giorni di inaugurazioni dell’UWF, domenica 11 presso l’Auditorium San Domenico ci sarà il concerto dei Radiodervish con il loro nuovo ed undicesimo album “Cafè Jerusalem”. Questo ultimo album ripropone atmosfere sospese tra tradizione e modernità ed è stato creato grazie alla collaborazione del gruppo con Paola Caridi autrice del libro “Gerusalemme senza dio”. I nove brani dell’album raccontano la natura multiculturale della città, narrando contemporaneamente una storia di libertà e di speranza: un amore fra una donna palestinese e un ragazzo ebreo.

Le giornate di sabato 10 e domenica 11 saranno dedicate alla didattica, oltre che alle mostre fotografiche, sarà infatti possibile prendere parte a workshop e letture portfolio. Il workshop di quest’anno, tenuto da Q. Sakamaki, sarà incentrato sulla street photography. L’idea che è alla base della street photography è di mostrare cosa succede per la strada, tuttavia l'essenza del lavoro di molti grandi fotografi di strada, e documentaristi è spesso fondata su una forte visione personale. Per questo motivo, uno degli scopi principali di questo corso è di sottolineare l'importanza di una voce propria, di uno stile proprio e personale in fotografia. Durante i due giorni di workshop, verranno analizzati i lavori di alcuni tra i maggiori fotografi contemporanei, i temi trattati, la scelta della luce, la valutazione degli elementi che compongono l'immagine e il metodo di approccio, in modo da sviluppare le proprie capacità fotografiche. 

Il workshop sarà teorico e pratico: nel corso del secondo giorno gli studenti avranno l'opportunità di lavorare in strada con il docente per praticare la street photography sul campo, salvo poi analizzare i risultati del proprio lavoro con il docente stesso. Tra i topic che Sakamaki tratterà nel corso del workshop ci saranno anche quelli dedicati all’utilizzo della tecnologia mobile, si parlerà anche di Instagram e della fotografia con l'iPhone in quanto nuovi strumenti della fotografia di strada.

Per questo motivo l’Umbria World Fest ha deciso di indire un contest per instagrammers. Tutti coloro che hanno un account instagram potranno uplodare entro il 4 ottobre i loro scatti, secondo le linee guida, con l’hastag #UWFcontest15 ed il tag #umbriaworldfest. Il vincitore avrà accesso ad uno sconto del 30% al workshop di Sakamaki e a due biglietti per il concerto dei Radiodervish di domenica. Sabato pomeriggio e domenica mattina sarà possibile partecipare alle letture portfolio e
al Premio UWF 2015. In questi due giorni, infatti, i fotografi avranno l’occasione di mostrare i propri lavori a importanti esperti del settore: photo editor, fotografi e professionisti del mondo della fotografia e a partecipare alla selezione per concorrere al Premio UWF 2015.

I lettori presenti quest’anno saranno: Guy Martin, Lina Pallotta, Emilio D’Itri, Chiara Oggioni Tiepolo, Manoocher Deghati, Massimo Mastrolillo, Paola Riccardi, Valerio Bispuri, Guido Fua e Gianmarco Maraviglia. Il vincitore del Premio Umbria World Fest sarà proclamato sabato alle 19. Il lavoro selezionato dai lettori, vincerà 500 euro ed entrerà automaticamente a far parte delle mostre della prossima edizione dell’UWF!

La sezione incontri dell’UWF, quest’anno ospiterà la presentazione di “Encerrados”, il libro di Valerio Bispuri. Sabato 10 alle ore 19 nel Cortile di Palazzo Trinci, l’autore racconterà l’esperienza alla base del suo lavoro e del suo viaggio attraverso le carceri dei paesi latino-americani. Encerrados nasce dalla volontà di raccontare un continente attraverso il mondo della prigionia. Questo libro è il frutto di un lavoro e di un viaggio durato dieci anni, attraverso 74 prigioni in tutti i paesi latino-americani. Le prigioni sono un riflesso della società, uno specchio di ciò che sta accadendo in un paese, dai piccoli drammi alle grandi crisi sociali ed economiche. Il carcere è una comunità, un non-luogo, dove tuttavia la gente vive ogni giorno con ritmi precisi e spazi e, per “difendere” se stessi, i detenuti sono costretti a tentare di ricostruire le loro abitudini. Attraverso le vite che abitano le prigioni è possibile raccontare la storia del Sud America, le sue luci e le sue ombre, i suoi contrasti. Sarà presente, all’interno del Cortile di Palazzo Trinci, durante i giorni inaugurali il bookshop dell’editore Postcart.

Postcart Nasce dall'iniziativa del fotografo Claudio Corrivetti che ha voluto così concretizzare la sua idea di creatività, sviluppando attraverso il disegno e la fotografia diversi prodotti come biglietti, cartoline, segnalibro e soprattutto libri fotografici. Attenta ai temi sociali e ai nuovi talenti, la casa editrice ha oggi un vasto catalogo di libri, tutti curati con la stessa precisione e un'attenzione particolare alla qualità del progetto!

UMBRIA WORLD FEST
Supervisione artistica - Marco Pinna
Direttore - Piter Foglietta
Presidente - Michelangelo Spadoni
Sezione video/Doc - Alessandra Quadri
Organizzazione - Silvia Cioccoloni
Premio/Letture - Lucrezia Agostini
Workshop - Matteo Masciotti - Mashot
Comunicazione e Web - Artroom
sito web www.umbriaworldfest.it/
facebook facebook.com/UmbriaWorldFest
twitter @UmbriaWorldFest
instagram @umbriaworldfest

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…