Passa ai contenuti principali

Il calendario Graphital 2016

Sabato 21 novembre, alle ore 10.00, nell'Aula Magna del Liceo Artistico Statale “Paolo Toschi” di Parma, sarà presentato il calendario Graphital 2016, a cura di Marzio Dall'Acqua. Dedicato a "La via francigena nell'anno di Giubileo", l'iniziativa è realizzata con la partecipazione e il patrocinio di Liceo Artistico Statale “Paolo Toschi”, Diocesi di Fidenza, Museo Piermaria Rossi.

In occasione dell'evento, saranno esposte opere di Ezio Camorani, Claudio Cesari, Beppe Mecconi, Vincenzo Vernizzi, Stefano Grasselli, Nunzio Garulli, Mariangela Canforini, Giovanna Scapinelli, Paolo Bottoni, Massimo Violi, Nicla Ferrari e Giuseppe Bigliardi, autori dei singoli mesi.

Scrive Marzio Dall'Acqua: «Questo anno ad artisti che già avevano partecipato a illustrare i calendari degli anni precedenti si sono uniti alcuni extra moneta, fuori dalla provincia, tutti artisti professionisti, tutti con curricula di notevole spessore, tutti animati dallo stesso desiderio di approfondire con il linguaggio che è loro proprio un tema condiviso con altri, in una armonia di diversità, ma anche creatività ed inventiva. Il tema scelto è quello affascinante della “Via Francigena”, una strada che in realtà è una molteplicità di vie, tutte comunque tendenti a Roma, alla sede papale, ai luoghi del martirio dei primi cristiani, al centro della cristianità. [...] Gli artisti autori hanno proposto una loro opera creata appositamente. Solo la copertina di Mario Schifano proviene dalla Curia di Fidenza ed è una delle immagini che il grande artista ha creato affascinato dalla città di san Donnino e dai suoi monumenti [...]».

Si legge a proposito dell'opera di Stefano Grasselli che illustra il mese di maggio (Paura nel paesaggio, olio su tela, 2015, cm. 100x100): «Un paesaggio montano costruito con piani cromatici lisci e compatti, a suggerire rocce dalle forme fantastiche, corrose però da dense ombre, ad indicare luoghi sopravvissuti ad arcaiche ere geologiche, che li hanno levigati, li hanno resi docili e lisci, dai colori grotteschi di una grande semplicità. Questa apparente dolcezza si scontra però con la presenza di un mostro, un uomo selvatico, un abitante dei boschi, che avanza con passo greve e minaccioso su di una strada che dovrebbe essere una via di pellegrinaggio del territorio matildico, dove vive Stefano Grasselli, pittore e abilissimo incisore reggiano, dai densi umori fantastici. Grasselli è tormentato dal rapporto dell’umano con il bestiale, dal senso della paura che si annida in noi e che immagina dovesse dominare anche gli antichi pellegrini, che si muovevano in paesaggi sconosciuti, tra gente foresta, dalle strane lingue e da costumi ancor più inusitati, mentre le leggende dei santi si mescolavano a credenze di dimenticate divinità, a storie di magie, nelle quali il diavolo era protagonista. E queste fole si mescolavano alle paure individuali per i peccati commessi, per l’incertezza dell’incedere, per la difficoltà stessa di essere uomini».

Le opere degli artisti verranno ospitate in tre mostre: la prima nell’Aula Magna del Liceo Artistico Statale “Paolo Toschi” di Parma, la secondaal Museo Piermaria Rossi di Berceto (RE), la terza a Fidenza.

Post popolari in questo blog

Campania Mirabilis

Mercoledì 20 giugno alle 17.00, presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica Campania Mirabilis, a cura di Gabriella Ibello con foto di Monica Biancardi, Antonio Biasiucci, Stefano Cerio, Alessandro Cimmino, Raffaela Mariniello, Pino Musi, Luciano Romano e Luigi Spina
La mostra, promossa dall’associazione culturale Nuovorinascimento con il Patrocinio del MIBACT, Reggia di Caserta, Comune di Caserta e con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, sarà visitabile fino al 18 Luglio 2018.
Campania Mirabilis nasce da un’idea di Gabriella Ibello come progetto fotografico di osservazione, documentazione e ricerca sul patrimonio culturale e paesaggistico della Campania. Dopo Castel dell’Ovo, la mostra segna con la Reggia di Caserta la seconda tappa del Grand Tour della fotografia contemporanea che guarda al paesaggio e ai beni culturali. 
Il dialogo tra la Reggia vanvitelliana e la fotografi…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …