Passa ai contenuti principali

Al Centro d'Arte Malagnini una collettiva dedicata al “Blu”

Dal 5 novembre al 3 dicembre il Centro d'arte Malagnini (Via Verdi 20/22) ospiterà una collettiva dal titolo “Blu” (inaugurazione sabato 5 novembre, ore 18,00). In mostra opere di Matteo Bagolin, Antonio Bencich, Luigi Bergamaschi, Dario Brevi, Fiorenzo Bordin, Luciana Casatti Lula, Elisabetta Casella, Gianni Cella, Tommaso Chiappa, Alessandro Di Giugno, Davide Ferro, Emanuele Gregolin, Giuseppe Farruggello, Eliana Frontini, Paola Gatti, Davide Massacra, Marcello Mazzella, Annarita Micheli, Olinsky, Lele Picà, Michele Protti, Maurizio Quartiroli, Massimo Romani, Stefania Romano, Sabrina Romanò, Leonardo Santoli, Teresa Santinelli, Gianfranco Sergio, Dario Sgarzini, Giuseppe Vassallo. La mostra è a cura di Michele Malagnini

La mostra ha inteso stimolare la riflessione e il confronto di alcuni artisti - pittori, scultori e fotografi - differenti per esperienze, stile e linguaggio, che si sono misurati sul tema proposto. Il progetto espositivo riprende il fil rouge del ciclo di appuntamenti dedicati al colore, apertosi lo scorso marzo con la collettiva “Bianco”. 

Se nella cromia del bianco gli artisti esprimevano l'esperienza della luce come rivelazione, origine e riscrittura delle idee, la mostra dedicata al “Blu” avvolge l'osservatore in un percorso evocativo dalla forte simbolicità e sospensione onirica che tocca la figura, gli oggetti e gli spazi. Nella Storia dell'Arte, dalle opere degli antichi maestri (il blu spirituale di Giotto) fino al Novecento (la simbolicità di Picasso, Chagall, Matisse o di Klein), il blu esprime la volontà di superamento della bidimensionalità della pittura, verso la profondità cromatica degli spazi, della natura, dei sogni. 

La mostra potrà essere visitata da martedì a sabato dalle ore 16.00 alle 19.00 e domenica su appuntamento. 


Info e contatti: 
Centro d’Arte Malagnini
Via Verdi 20/22 Saronno (VA) 
sito  www.centrodartemalagnini.com 
mail  info@centrodartemalagnini.com 
cell 338 7654600 - 320 3733769



Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Tutti i premi di Artissima 2017

Scoprire la bellezza, riconoscerla, premiarla, sostenerla, diffonderla: fedele al suo ruolo di fiera innovativa, sperimentale e anticipatrice, anche quest'anno Artissima supporta il futuro dell'arte contemporanea attraverso l'assegnazione di 7 premi. Nati in collaborazione con sponsor e istituzioni, i riconoscimenti 2017 sono rivolti ad artisti e gallerie presenti in fiera e sono assegnati da giurie internazionali composte da curatori e direttori dei principali musei d'arte contemporanea del mondo.


Campari Art Prize (new): promosso dal Gruppo Campari, il premio è assegnato a un artista under 35 che incentri la sua ricerca sul potere evocativo del racconto nelle sue molteplici declinazioni e sulla dimensione comunicativa dell’opera. Giuria: Adam Budak, Francesco Stocchi, Carina Plath
Refresh Premio Irinox (new): promosso da Irinox, il premio è assegnato a un artista della sezione Disegni che si distingua per la capacità di 'reinventare conservando', esaltando in …