Passa ai contenuti principali

Non c’è abbastanza passato da andare a visitare

"Non c’è abbastanza passato da andare a visitare è una sequenza onirica applicata all’archivio di ARTcore. 

È uno sgombero curatoriale che coinvolge opere in deposito, ephimera, buchi neri, polvere, ornamenti e idealismi tirati in ballo da artisti visivi, parenti stretti, collezionisti e amici ora chiamati a dividere il peso del trasloco imminente della galleria. Per partito preso opera smontando. È l’amplificazione di una cimice applicata negli interstizi di un mobile che fotografa il white cube come luogo cerniera tra lo studio d’artista e il pubblico visualizzandone flussi di lavoro, opere, apparati, picchi d’intensità, oggetti d’uso quotidiano, relazioni e azzardi connessi con le forme del fare arte. Nelle tre sezioni che abbraccia Non c’è abbastanza passato da andare a visitare mette in discussione le cronologie: è fantascienza pura perché non segue ordini temporali. A questo criterio predilige di gran lunga principi di compresenza e sovrapposizioni in grado di sovvertire i primati ottici delle opere con quelli di memorizzazione e oralità. 

Il paesaggio che si presenta non è più quello sublime a cui la galleria nel suo lustro di attività ci ha abituati ma uno spazio sfatto. Si cammina tra affollamenti e vuoti, comunicazioni interne e non sense misti all’incoscienza di cui occorre armarsi quando si fa i conti con gli aspetti enigmatici della contemporaneità ed una comunità artistica fragile e complessa. Non c’è abbastanza passato da andare a visitare è una mostra fuga. Colpo di grazia e scompiglio per lo show closing di ARTcore." - Valeria Raho

Non c’è abbastanza passato da andare a visitare 
a cura di Valeria Raho
dal 21 ottobre al 21 dicembre 2016

ARTCORE
via N. De Giosa, 48/1°piano_Bari
www.artcore.it
info@artcore.it




Post popolari in questo blog

Il Ponte Casa d'Aste presenta l'Asta di Fotografia "Da Luigi Ghirri a Tracey Emin"

Ad aprire la stagione primaverile delle aste in Palazzo Crivelli sarà il neonato dipartimento di Fotografia, con una selezione di circa 300 lotti dei più celebri nomi nazionali ed internazionali.
Tra i fotografi italiani della seconda metà del '900 Luigi Ghirri è presente con undici dei suoi scatti più iconici, alcuni di questi stampati nel 1992, anno della sua morte, in occasione della mostra "Luigi Ghirri, Versailles" a Parigi ed esposti anche nella retrospettiva dell'autore tenutasi nel 2013 al MAXXI.
Di Gabriele Basilico e Berengo Gardin andranno all'incanto alcuni lavori dedicati alle architetture e ai parchi di Milano; di Mario Giacomelli una decina di scatti e la serie Pretini (val. 3.000 - 3.500 €); di Mimmo Jodice alcune delle immagini più rappresentative nelle quali la mitologia e la statuaria classica ritrovano energia espressiva grazie al forte contrasto di luci e ombre che caratterizza i suoi lavori.
Il bianco e nero torna nel tuffatore di Nino Migliori

Campania Mirabilis

Mercoledì 20 giugno alle 17.00, presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica Campania Mirabilis, a cura di Gabriella Ibello con foto di Monica Biancardi, Antonio Biasiucci, Stefano Cerio, Alessandro Cimmino, Raffaela Mariniello, Pino Musi, Luciano Romano e Luigi Spina
La mostra, promossa dall’associazione culturale Nuovorinascimento con il Patrocinio del MIBACT, Reggia di Caserta, Comune di Caserta e con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, sarà visitabile fino al 18 Luglio 2018.
Campania Mirabilis nasce da un’idea di Gabriella Ibello come progetto fotografico di osservazione, documentazione e ricerca sul patrimonio culturale e paesaggistico della Campania. Dopo Castel dell’Ovo, la mostra segna con la Reggia di Caserta la seconda tappa del Grand Tour della fotografia contemporanea che guarda al paesaggio e ai beni culturali. 
Il dialogo tra la Reggia vanvitelliana e la fotografi…

Maurizio Cilli protagonista di #WunderKit

Oggetti misteriosi, oggetti trovati per strada, regalati, rubati, oggetti presi dalla loro cassetta degli attrezzi, talismani e odradek autobiografici, oggetti totalmente inutili ma belli, oggetti transitori e anti-stress, oggetti che odorano di nuovo e oggetti antichi, oggetti che perseguitano, che ispirano. Due volte al mese, all’ora dell’aperitivo, BASE Milano presenta #WunderKit, un momento di incontro informale con un artigiano creativo per raccontare al pubblico gli oggetti che compongono il suo personale kit di mirabilia.


Giovedì 10 maggio, dalle ore 19.00 alle ore 20.00, l’appuntamento sarà con l’artista e architetto Maurizio Cilli che - proprio all’interno del programma di residenza artistica proposto da BASE nell’ambito della mostra 999 domande sull’abitare contemporaneo presentata a La Triennale di Milano - ha dato vita al progetto “senza casa, senza cosa?” dedicato a uno dei fenomeni più urgenti delle grandi città: il disagio estremo di chi vive senza una casa.
Un progetto c…