Passa ai contenuti principali

Wainer Vaccari. Quadri e disegni

Dall'8 ottobre al 12 novembre 2016 presso la Galleria Itinerari Arte Contemporanea di Bari, con la mostra Quadri e disegni, Wainer Vaccari espone nuove opere riconducibili all'ultima fase del suo lavoro.

La mostra di Bari è la prima in Italia che unisce sia dipinti che disegni appartenenti al nuovo linguaggio di Vaccari. Una maniera in cui il mondo narrativo degli anni Novanta, costellato di figure enigmatiche, sfuggenti, inquietanti e affascinanti allo stesso tempo, viene recuperato e riproposto in una chiave del tutto innovativa. I soggetti sono come rigenerati e ricomposti attraverso una scansione molecolare delle immagini, ben evidenziabile nei cosiddetti "pixel espansi", liberati dalle coordinate cartesiane. Nella pittura di Vaccari queste "particelle dipinte" sono elementi di luce e frammentazione dello spazio visivo, mentre nel disegno appaiono come frammenti di un codice macchina che scorre, per poi fermarsi momentaneamente a decantare un'immagine riconoscibile.

Nel rinnovamento del linguaggio dell'artista, contribuiscono anche l'interesse per l'epistemologia e la lettura delle trasformazioni quantistiche nel microcosmo. Il punto nevralgico del nuovo paradigma rimane però sempre quello della matrice, cioè da immagini preesistenti crearne di nuove basandosi su variabili quali flusso, casualità e mappe concettuali.

Viandanti carponi (Visitatori diurni, 2015) oppure stanti e ritratti insieme a un piccolo compagno di viaggio sulla spalla (Viandante in città, 2016), figure di profilo che si abbeverano a un fiume (Sotto Riva, 2015), intente a girare l'angolo buio di una via (Verso casa, 2016), o a cercare un qualcosa di misterioso nel profondo della terra (Via Torre 68, 2016) tornano dal passato nel loro ruolo forte di archetipo. Con loro tornano anche gli oggetti, elementi o motivi che dir si voglia, del vasto repertorio di Vaccari: acqua, recipienti circolari, porte, buchi nella terra e profondità in cui le creature scrutano. Simboli connessi agli archetipi che legano il concreto all'astratto. Il realismo manierista anni Novanta cede così il passo a un nuovo vocabolario visuale intriso di elementi pittorici fatti di segni, schegge e particelle giustapposte, che ricordano le sperimentazioni divisioniste.


WAINER VACCARI. Quadri e disegni
Itinerari Arte Contemporanea, Via Bozzi 17, Bari
8 ottobre-12 novembre 2016
Orari dal martedì al sabato 11.00-13.00 e 18.00-20.00
Info itinerari95@virgilio.it

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…