Passa ai contenuti principali

X-Change - arte come motore sociale

X-CHANGE 
arte come motore sociale 
Project economART di AMY D Arte Spazio Milano 
Beba Stoppani - Daesung Lee - Edoardo Miola 

Inaugurazione 15 oct. H. 17.30 
da lunedì a sabato 10.00-12.00/15.30-18.30 

X-Change, progetto di condivisione ad opera degli artisti Beba Stoppani, Daesung Lee, Edoardo Miola, sarà esposto a Sondrio dalla delegazione FAI presso la sala Ligari Palazzo Muzio dal 15 oct. al 05 nov. 2016. 

Presenta Orietta Bay docente DAC FIAF 

La fortuna di un progetto come X-CHANGE sta nell’avere un’idea e degli artisti che te la realizzano”. 

Nel mercato di massa gli artisti riescono ad offrire quella merce che in un mondo di abbondanza scarseggia: i significati . 
Tre artisti con specificità e percorsi differenti che si incontrano e si confrontano dialetticamente su un tema forte come quello dei cambiamenti climatici, consapevoli che il nostro sistema del contemporaneo necessita di una vera e propria “terapia di impatto”, segnale eloquente e credibile di un effettivo cambiamento in atto. 

Bisogna fare i conti con la perdita d’innocenza dell’immagine fotografica, immagine come universo magico, “piena di dei” dove la realtà si è infilata nel simbolo, è entrata nell’universo magico dei simboli dell’immagine e i simboli scacciano la nostra coscienza storica e critica. 

È necessario a questo punto che l’estetica del prodotto fotografico si ricongiunga con l’etica per spingere ciascuno di noi a prendere in carico un impegno, delle responsabilità reali e concrete . 
L’obiettivo di X-CHANGE è ricercare, rivelando nella riutilizzazione di materiale fotografico realtà incorporate, corpi organici/inorganici nascosti. 

L’immagine come rivelazione non come rivoluzione, perché l’arte non ha doveri, non risponde oltre a canoni come bellezza, armonia, verità ma fonda il proprio esser-ci, la propria ontologica presenza sull’auto riflessione. 

Ciò che conta non è l’opera fotografica ma l’idea. 

a cura di Anna d’Ambrosio 

BEBA STOPPANI - 0° a 5000 mt 
DAESUNG LEE - Ghoramara/Futuristic Archaeology 
EDOARDO MIOLA - Fore-X 

Press e Comunicazione: 
Vittorio Schieroni 

FAI S.O.S PIANETA TERRA 
Delegazione di Sondrio 
Sala Ligari Palazzo Muzio 
Via XXV Aprile 20-22 - Sondrio 




Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola " Quadro con cerchio ", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij , fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989. Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra " Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione ." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio). Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale" . MUDEC

Il realismo magico di Mario Giacomelli e Le realtà del Sogno.

Il 2020 ha segnato il ventennale della scomparsa di Mario Giacomelli e il Comune di Senigallia, Città della Fotografia , continua a rendere omaggio anche nel 2021 a uno dei maestri internazionali della fotografia del Novecento, dedicando un’ala del Palazzo del Duca ad un’esposizione permanente delle sue opere donate negli anni ‘90 dall’artista stesso al Comune. In una porzione riqualificata di Palazzo del Duca, che ospita da anni la programmazione espositiva della città di Senigallia, saranno fruibili circa 80 fotografie selezionate e allestite in collaborazione con gli archivi Giacomelli rappresentati dai due direttori Simone Giacomelli e Katiuscia Biondi . Non una mostra temporanea quindi, ma un riallestimento della collezione permanente che vuole raccontare l’universo poetico ed artistico del grande fotografo senigalliese e renderlo fruibile in maniera permanente a cittadinanza e visitatori. Inoltre si vuole fornire una lettura innovativa dell’opera del maestro che viene proposta

Aleksey D'Havlcyon per la Luminous phenomena di NFC Edizioni

"Luminous phenomena", la collana NFC Edizioni dedicata alla fotografia internazionale, si arricchisce di un nuovo volume dedicato ad Aleksey D'Havlcyon , allieva e musa del maestro Lucien Clergue . Il libro è corredato dal testo critico di Valerio Dehò e da alcuni pensieri di Lucien Clergue tratti dalla corrispondenza privata con la giovane fotografa, nata in Provenza nel 1993. Le opere di Aleksey D'Havlcyon sono in prevalenza autoritratti, nei quali è talvolta accompagnata dal fratello, dagli amici, dagli amanti e dalle amanti, o da sconosciuti incrociati per strada.  « Quando Aleksey propone se stessa come misura e punctum dell'immagine - si legge nel testo di Valerio Dehò - concentra una forza che proviene non certo da regole visive o fotografiche, ma da una scelta etica oltre che estetica. Il "suo" corpo è diverso dagli altri. È una posizione copernicana, attorno gravitano gli astri, i paesaggi, i luoghi o altre persone ». « Abbiamo deciso di dar s