Passa ai contenuti principali

Visioni nella science fiction tra cinema e design

Androidi e robot sono metafore speciali in storie di fantascienza e film, visioni alternative della metamorfosi di ciò che significa essere umano nella società tecnologica. Queste diverse visioni progettuali ci fanno immaginare ponti tra diverse tecnologie, e pensare soluzioni ibride, al confine tra arte, tecnologie, ed entrepreneurship.

Decine dei migliori film di fantascienza hanno influenzato il nostro senso e il sentimento di quello che è il design nel XXI secolo. Un incontro con  Alan N. Shapiro, il teorico dei media e docente che ha contribuito in modo fondamentale a cambiare il nostro modo di guardare la fantascienza, ci guiderà attraverso la visione di estratti di film come  Blade Runner, I Robot, Ex Machina, e  Chappie, alla ricerca di diversi paradigmi di progettazione. 

L'appuntamento segna la prima tappa della collaborazione tra  BASE e  SWARM Hybrid Design Lab&Hackademy, un nuovo spazio a Milano nato dall'esperienza di  Souldesigner Creative Technology Boutique nell'interaction design. Attraverso un programma di incontri e workshop con teorici, media guru, professionisti e artisti di profilo internazionale, SWARM dà vita a nuovi processi creativi di esplorazione nell’ambito del design e della media art e mette in relazione arte-tecnologie e brand.


Alan N. Shapiro è studioso e docente poliedrico. Americano di nascita ed europeo d’adozione, si occupa di tecnologia, fantascienza, media, sociologia della cultura, robotica, design futuristico e filosofia contemporanea. Il suo libro  Star Trek: Technologies of Disappearance (2004) ha contribuito a modificare l'importanza culturale di Star Trek. Ha partecipato ad alcuni tra gli eventi più importanti dedicati ai media e alla cultura digitale quali Ars Electronica, International Flusser Lecture - the Vilém Flusser Archive, Plektrum Festival, Transmediale. 


SWARM | Hybrid Design Lab & Hackademy è un laboratorio aperto transdisciplinare basato sull'ibridazione dei linguaggi e sulla cultura dell'hacking, cioè l'attitudine a smontare e assemblare in modo inaspettato strumenti, processi e immaginari. Attraverso un programma di incontri e workshop con teorici, media guru, professionisti e artisti di profilo internazionale, SWARM dà vita a nuovi processi creativi di esplorazione nell’ambito del design e della media art per creare relazioni tra cultura e brand.  www.swarmbehavior.it


BASE è il nuovo progetto per la cultura e la creatività a Milano. Nasce per innovare il rapporto tra cultura ed economia, visioni future e quotidianità. “Base” come fondazione, l’inizio di qualcosa di nuovo, ma anche supporto che fa stare in piedi un progetto e lo rende solido. BASE è un nuovo inizio, una nuova forma di linguaggio da creare ex-novo. Sogno e concretezza, insieme.  base.milano.it
 
RIPROGETTARE L’UMANO: 
INCONTRO CON ALAN N. SHAPIRO 
Visioni nella science fiction. Tra cinema e design



13 ottobre 2016, ore 19.00
BASE Milano

ingresso gratuito




BASE Milano | Via Bergognone, 34, Milano
ufficio stampa ddl studio
ph.  +39 02 8905.2365
ddlarts@ddlstudio.net

SWARM | Via Malaga 6, 20143, Milano
ph.  +39 02 36539238
claudia.dalonzo@souldesigner.net


Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.
Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.
Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro. Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criti…