Passa ai contenuti principali

Gli Spazi Invisibili di Ljubodrag Andric a Mimmo Scognamiglio Artecontemporanea

Mimmo Scognamiglio Artecontemporanea presenta SPAZI INVISIBILI la personale di Ljubodrag Andric, artista nato in Serbia e residente in Canada da oltre 15 anni, che segna il suo ritorno in Italia, dopo due anni d’assenza. Nel 2017 il suo lavoro è stato esposto al Musée des beaux-arts di Le Locle in Svizzera, in una mostra personale che lo ha visto protagonista insieme ad artisti come Sol LeWitt e Anni Albers.

Un corpus inedito di fotografie di grande formato dove ogni simmetria temporale è negata ed esposte come una sequenza di variazioni sul tema, guidano il visitatore attraverso spazi astratti, fatti unicamente di luce e colore che, come in un affresco, rimandano a sensazioni tattili che ne risaltano gli aspetti materici. Caratterizzate sempre dall’assenza della figura umana, le opere di Ljubodrag Andric sono un esercizio di stile che trova le sue radici nel Rinascimento italiano e nelle opere di Piero della Francesca e Beato Angelico, per approdare ad una sintesi di stampo astratto-geometrico in cui l’unico soggetto possibile è il tempo e il suo imprimersi nelle architetture e negli scorci da lui fotografati attraverso l’uso e il controllo della luce.

La dimensione formale, giocata qui tutta sulle simmetrie, è per l’artista unicamente un punto di partenza, mentre la “ricerca della luce ideale” è il principio che sottende ogni sua opera e che neutralizza ogni possibile narrazione legata al luogo e al momento in cui la fotografia viene scattata. Come l’elenco di un archivio, ogni immagine riporta nel titolo la città e l’anno in cui è stata realizzata, ha quindi delle coordinate spaziali e temporali definite ma, attraverso la personale visione astratta che l’artista ha costruito nella sua mente per quel luogo, i concetti di tempo e spazio assumono significati altri. 

Un lavoro dunque fatto di attese, quasi da artigiano dell’immagine, che non parte dalla fascinazione per un soggetto dato, come fanno molti fotografi, ma costruisce l’immagine attraverso un processo intuitivo che termina quando viene raggiunto un equilibrio intrinseco profondo, ma subito percepibile da chi osserva. Come afferma Barry Schwasky nel testo critico Immagini nel tempo, la ricerca artistica di Ljubodrag Andric “è un’esperienza fondata sulla durata. Non è un flash, un’apparizione fugace, uno shock. L’immagine ci fa rallentare, ci educa a una quieta ricettività. Non è qualcosa da guardare fisso: ogni sguardo fisso qui è disarmato. Più che penetrarla vogliamo stare con l’immagine, accanto a essa.”

Usando una carta completamente opaca ed estremamente liscia, il supporto materico scompare e il sapiente utilizzo della luce produce una totale immersione nell’opera che è materica e intangibile allo stesso tempo, troppo reale per essere vera. Ciò a cui Ljubodrag Andric dà vita è un iper luogo che, in contrapposizione ai non luoghi di Marc Augé caratterizzati dalla mancanza di identità, relazioni e storia, assume una dimensione quasi sacrale, un punto perfetto di equilibrio, una magic hour che ci fa pensare di essere esattamente nel posto giusto al momento giusto.


mimmo scognamiglio s.r.l.
sede legale: viale gramsci, 16 - 80122 napoli italy
sede operativa: via goito, 7 - 20121 milano tel. +390236526809
milano@mimmoscognamiglio.com - info@mimmoscognamiglio.com

Post popolari in questo blog

Campania Mirabilis

Mercoledì 20 giugno alle 17.00, presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica Campania Mirabilis, a cura di Gabriella Ibello con foto di Monica Biancardi, Antonio Biasiucci, Stefano Cerio, Alessandro Cimmino, Raffaela Mariniello, Pino Musi, Luciano Romano e Luigi Spina
La mostra, promossa dall’associazione culturale Nuovorinascimento con il Patrocinio del MIBACT, Reggia di Caserta, Comune di Caserta e con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, sarà visitabile fino al 18 Luglio 2018.
Campania Mirabilis nasce da un’idea di Gabriella Ibello come progetto fotografico di osservazione, documentazione e ricerca sul patrimonio culturale e paesaggistico della Campania. Dopo Castel dell’Ovo, la mostra segna con la Reggia di Caserta la seconda tappa del Grand Tour della fotografia contemporanea che guarda al paesaggio e ai beni culturali. 
Il dialogo tra la Reggia vanvitelliana e la fotografi…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …